Ferrari differenzia il carico al posteriore

1
Ferrari differenzia il carico al posteriore
La Ferrari SF90 di Charles Leclerc durante le verifiche della FiA

Ferrari differenzia il carico al posteriore


Ormai siamo a fine stagione. Mancano solamente due round per la conclusione del mondiale 2019. Le differenti scuderie, oramai già da diversi mesi, stanno lavorando praticamente in pianta stabile sulla vetture dell’anno prossimo. In casa Ferrari, nella giornata odierna, non si è riscontrata nessuna novità a livello aerodinamico. Tuttavia, dando un’occhiata alle due SF90, notiamo come le Rosse di Sebastian Vettel e Charles Leclerc presentavano due configurazioni differenti. Come possiamo osservare dall’immagine successiva dell’amico Albert Fabrega proveniente direttamente dal Brasile, la vettura italiana numero 16 monta un ala posteriore più carica rispetto alla monoposto del 4 volte campione del mondo tedesco. Si tratta di prove comparative per definire il miglior setup in vista di qualifiche e gara, o sotto c’è dell’altro? La risposta l’avremo solamente durante la terza sessione di prove libere.

Ferrari differenzia il carico al posteriore
immagine comparativa dell’ala posteriore della Ferrari SF90

Detto questo, nella definizione dell’assetto ideale per il Gran Premio del Brasile, potrebbe anche influire il fattore Power Unit. Come ben sappiamo, il giovane monegasco, utilizzerà un nuovo motore endotermico che dovra’ percorrere, per chiudere la stagione, pochissimi chilometri. Per questa semplice ragione il propulsore potrà essere spremuto davvero al massimo. L’ex pilota Red Bull invece potrà disporre della specifica numero 3 più “stanca”, visto i parecchi chilometri sul groppone. Tutti questi fattori potrebbe aver indotto gli ingegneri della Ferrari a scaricare l’ala posteriore di Sebastian Vettel, visto la minore potenza dell’endotermico a disposizione della numero 5 rispetto al compagno di squadra. Charles Leclerc, invece, potendo disporre di una unità fresca, potrebbe optare per un maggior carico aerodinamico compensato da un maggior numero di cavalli.

Autore: Cristiano Sponton@csponton

Foto: Albert Fabrega

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui