Wolff: “Allibito per lo spettacolo, contento per la qualifica.

1
31.03.2019- starting grid, Toto Wolff (AUT) Sporting Director Mercedes-Benz

Wolff: “Allibito per lo spettacolo, contento per la qualifica.

Dopo le qualifiche per il gran premio di Monza con quei 4 minuti da “brivido”, ai microfoni di Sky UK, Toto Wolff, come si suol dire, non le ha mandate a dire, allibito per lo spettacolo della Q3. E no, quello visto negli ultimi secondi delle Q3 monzesi non gli è affatto piaciuto.

“Avevate mai visto una cosa del genere? – ha chiesto ironicamente il manager austriaco ai suoi intervistatori – No? Neanche io. Una cosa del genere non era degna nemmeno di una formula junior”. Parole dure che non sono passate inosservate e che hanno fatto rumore nel Paddock e fra i cronisti.

Come spiegato anche da Hamilton, il problema, secondo Wolff è stato che “tutti cercavano di avere la scia buona ed è diventato un gioco di nervi a chi usciva per primo. Poi qualcuno è uscito per primo ma solo per ridurre ancora di più la velocità passando attraverso la chicane fuori pista. Era come un gruppo di ragazzini e tutti sono sembrati degli idioti”

Toto Wolff – Mercedes

Il riferimento diretto del manager austriaco viene svelato di lì a poco: “Hulkenberg guidava il gruppo e poi è passato dritto attraverso la chicane e poi alcune altre auto si sono messe davanti a ridurre la velocità. Non è stato uno spettacolo degno della F1″.

Archiviato il “capitolo qualifiche”, il patron della Mercedes ha poi analizzato le prospettive  della stella a tre punte per la gara: “Noi abbiamo limitato i danni e siamo in una posizione in cui se finissimo la gara così, io firmerei. Ma c’è tutto il GP di domani davanti. Noi abbiamo una buona macchina e dobbiamo tenere il piede giù e far segnare punti importanti”.

Se le parole di Toto sono la consueta pretattica in cui eccelle il manager o rappresentano lo stato dell’arte, lo vedremo domani.

Autore: Mariano Froldi@MarianoFroldi

1 commento

  1. Cosa mai vista da parte di professionisti in un contesto così ipertecnologico. Da pretendere il risarcimento del biglietto di ingresso all’autodromo o dell’abbonamento a Sky sport F1!
    Giulio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui