Vettel: “Non sono contento di me stesso”

0

Vettel: “Non sono contento di me stesso”

Un’altra volta Vettel. Nella lungo pomeriggio italiano che vede il secondo trionfo consecutivo di Charles Leclerc, il tedesco commette l’ennesima leggerezza. Percorrendo la variante ascari,  sul tracciato brianzolo incastonato nello splendido parco di Monza, Sebastian perde il posteriore della proprio vettura, andando in testacoda durante il settimo giro. Non contento, nella manovra di rientro in pista, compie un’altro sbaglio, toccando l’incolpevole Stroll provocandone l’uscita di pista. Il risultato è un alettone rotto da sostituire e 10 secondi stop and go di penalità.

Ecco le sue parole a caldo dopo la gara..

Non sono contento di me stesso. All’entrata in curva Ascari ho perso il posteriore della mia vettura. Ho cercato di tenere l’auto ma non ci sono riuscito. Ovviamente questo fatto ha completamente rovinato la mia corsa”, commenta avvilito il pilota di Heppenheim.

Sebastian, oltre a cadere nell’ennesimo errore, questa volta provoca anche un danno evidente ad un altro pilota, danneggiando di fatto la gara di Lance Stroll. Nella sua analisi, che in parte scuserebbe il suo comportamento, Vettel spiega l’accaduto.

Dopo il testacoda ho faticato nella ripartenza, visto che si è inserito per ben due volte l’antistallo. In quel momento per me era francamente difficile vedere chi stava arrivando da sinistra. Evidentemente rimanere bloccato sul cordolo non mi ha certo aiutato.”

Sebastian Vettel – Ferrari

In ultima battuta Sebastian ci tiene a precisare il suo stato d’animo, asserendo che il risultato della qualifica non ha minimamente influito sul morale.

Oggi ero di buon umore…quello che è successo ieri non ha avuto nessun impatto negativo sulla giornata di oggi”, conclude il ferrarista.

Autore: Alessandro Arcari@BerrageizF1

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui