La presunta irregolarità della Ferrari SF90

32

La presunta irregolarità della Ferrari SF90

Grazie alle due brillanti vittorie ottenute da Charles Leclerc in Belgio e Italia, la stretta concorrenza ha iniziato, come da copione già visto, ad insospettirsi. Nonostante i layout dei circuiti in questione si adattino perfettamente al concetto low drag della vettura di Maranello, offrendo peraltro un netto ed ovvio vantaggio in termini prestazionali, i competitor della storica scuderia italiana “non ci stanno”. 

Nelle ultime settimane, infatti, le voci che si sono rincorse nel paddock hanno sollevato forti dubbi sulla bontà dell’operato del Cavallino. Malgrado la mancanza di prove certe, si dice che i tecnici italiani abbiano trovato l’escamotage per aggirare il regolamento, potendo disporre di una potenza extra di 40 kilowatt. Il presunto vantaggio conseguito “regalerebbe” ai ferraristi un cospicuo incremento di cavalli, capace di fare la differenza in piste come Spa e Monza, dove la potenza è un parametro cruciale. 

Ferrari SF90

In realtà le “teorie cospiratorie” verso la Ferrari S90 sono ben due. La prima prevede, come oggetto del presunto reato, una pompa ad alta pressione capace, grazie ad un particolare sistema, di erogare un quantitativo di carburante superiore. Il “secondo capo di imputazione”, abbattutosi in questi giorni su Maranello, parla di una batteria in grado di produrre una potenza maggiore rispetto a quella prevista, grazie alla capacità di immagazzinare energia in più breve tempo. Questo supposto vantaggio, sebbene la FIA monitori questi sistemi con estrema accuratezza, sarebbe sfuggito ai tecnici della federazione internazionale, offrendo, alla SF90, un supporto, dall’ibrido, maggiore di ben 40 kilowatts.

Come sempre in questi casi il condizionale è d’obbligo, soprattutto perché, in un paese dove esiste il “diritto”, un “imputato” può essere giudicato colpevole solamente in presenza di prove inconfutabili. Ad aggiungere pepe al già molto speziato piatto italiano ci pensano Mercedes e Red Bull capaci, con le dichiarazioni dei propri team manager, di incendiare un ambiente già particolarmente caldo…

Toto Wolff – team principal Mercedes

Noi [Mercedes], insieme a Renault e Honda, siamo praticamente sulla stessa barca, mentre il propulsore della Ferrari è talvolta capace di distinguersi in modo drammatico”, commenta Toto Wolff, direttore esecutivo del team di Brackley.

Al coro delle lamentele si unisce prontamente Christian Horner che, malgrado non disponga di nessuna prova conferma, nelle dichiarazioni rilasciate alle testata tedesca AMuS, le richieste effettuate alla FIA per un chiarimento sulla possibile illegalità della Ferrari. Al momento, secondo le ultime notizie, il team austriaco non avrebbe ancora ricevuto nessuna risposta dalla federazione.

Ebbene si, abbiamo fatto sapere alla FIA i nostri sospetti, anche se, al momento, non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta”, commenta Horner.

Date le premesse, le tante parole ed i reclami inviati risulta palese che, nonostante la Ferrari non stia dominando il campionato, si trovi, al momento, nell’occhio del ciclone. Solo le prossime settimane faranno luce sulla situazione sperando che, se di “reato si tratta”, non finisca a “tarallucci e vino” come nella passata stagione quando, la famosa “irregolarità limitata” intervenne per zittire l’ingarbugliato caso dei cerchi forati Mercedes.

A mio modo di pensare, malgrado in questo caso un trattamento similare a quello riservato ai tedeschi potrebbe sembrare corretto, si tratterebbe più di un gesto compensativo. E quindi sbagliato a prescindere, anche a costo di accendere il dubbio su un accanimento da parte della FIA contro la Ferrari.

Autore e foto: Alessandro Arcari@BerrageizF1

32 Commenti

  1. Interessante il commento di Wolff… quando loro dominavano di motore sugli altri, tutto ok. Adesso, per forza, ci dovrebbe essere un’irregolarità. Mah…

    • In realtà commenti del genere li leggo sempre come “quando andavamo di più degli altri, eravamo al limite dell’illegalità (se non poco oltre…), quindi sappiamo che sotto sotto si nasconde qualcosa”.
      Nessuno è uno stinco di santo, in F1..

  2. Invece che premiarli per la genialitá li puniscono bah che regolamenti assurdi,un tempo quando esisteva la vera Formula1 si incentivava le idee anche se a volte un po bizzarre

  3. Attenti “noi ITALIANI”
    Siamo circondati , dai galli, dai vichinghi, dagli unni , che solo cipolle e patate an mangiato e continueranno a mangiare
    Noi continueremo a mangiare mediterraneo
    questa dieta sviluppa INTELIGENZA
    che i popoli barbari non potranno MAI avere
    e non potranno mai competere con noi.

  4. A desso perche la Ferrari a vinto due volte a commeso inregolarita ma che pensate deve sempre vincere la Mercedes che schifo fate proprio schifo e orribile perche si chiama
    Mercedes puo comandare il mondo
    Wiva la FERRARI FATE VEDERE CHI SIETE NON ABASSATE LE ALI
    SIETE SEMPRE. NEL MIO CUUORE

  5. Il ragazzino ferrarista a dei cavalli in più no la Ferrari questo ragazzino fa una grande differenza di guida e sfrutta bene i suoi circuiti non dite balle vergognatevi eppure vi state portando l’ultimo campionato poi sono c..zz..i amari per i campioni ttuali grazie di tutto

  6. Espediente furbo per capire i tecnicismi degli avversari. Ferrari dovrebbe porre le stesse domande a Mercedes e RB riguardo le sospensioni.

  7. Da sempre fastidio quando vince la Ferrari deve sempre esserci qualcosa di irregolare…vogliamo parlare delle irregolarità di Hamilton on tutti questi anni mai punite? Certo essendo Mercedes va sempre tutto bene!

  8. Ha ha ha,, deve bruciare parecchio vedere la rossa che sul dritto ti scappa via. Ma questi cosa credono che si sia fatta un mito infrangendo i regolamenti? Lavorare crucchi ,,lavorate!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui