Binotto: Una pole per i tifosi

0

Binotto: Una pole per i tifosi

Mattia Binotto, per qualche minuto, intervistato da Sky, ha perso il tradizionale aplomb svizzero e si è mostrato davvero emozionato. Come non esserlo dopo le entusiasmanti qualifiche in cui tutti davano/mo per spacciata la SF90? Le sue prime parole: “E’ una pole importante, soprattutto per i tifosi”.

Incalzato dai cronisti, il comandante in capo della Ferrari ha spiegato:

“Sapevamo che era una pista non particolarmente adatta alla nostra vettura, ma dopo Belgio e Monza siamo arrivati qui con tanta energia e voglia di sorprendere. A questo punto ci dobbiamo tranquillizzare e pensare alla gara, che è la cosa che conta”.

Hanno aiutato le numerose modifiche portate in pista? “Abbiamo portato un pacchetto aerodinamico che ha funzionato e dobbiamo ringraziare chi ha prodotto e sviluppato questo importante aggiornamento. Era un pacchetto che inizialmente era previsto più avanti nella stagione, ma dopo l’Ungheria tutti hanno fatto i salti mortali per portarlo qui a Singapore ed ha dato i suoi frutti”, svela Binotto.

Capitolo Vettel: “Sono dispiaciuto per Vettel che comunque ha dimostrato di essere un pilota che sa essere molto veloce; una prima fila sarebbe stata ancora più fantastica, però partire davanti a Singapore è metà dell’opera. Sebastian avrebbe meritato la prima fila, ma anche così va bene.

Vettel è cresciuto costantemente in tutto il week end, deve essere soddisfatto di quello che ha fatto e questa è la fiducia che deve riguadagnare. Poi la gara è domani ed è tutta da scrivere, ma penso che anche per lui ci siano buone possibilità” commenta il team principal di Maranello.

Binotto: Una pole per i tifosi
Mattia BinottoFerrari

Su Leclerc poche ma incisive parole: “Charles sta facendo benissimo e sta guadagnando fiducia in se stesso; ha cercato di fare qualcosa di eccezionale guidando fra i muretti e prendendo la sua dose di rischio, e c’è riuscito”.

“Problema” Hamilton: “E’ chiaro che era preferibile tutta una prima fila nostra, scelgo comunque primo e terzo piuttosto che secondo e altro…” ironizza Mattia.

Alla domanda se si possa sognare una parte finale di stagione diversa rispetto alla prima, Binotto replica con le idee chiare: “La prima parte non era così negativa se non per i risultati. Sono convinto che da qui alla fine avremo altre occasioni per vincere e starà a noi coglierle. La squadra sta lavorando bene sia qui che a casa. La cosa importante è aver individuato i punti deboli della macchina ed aver trovato i correttivi”.

Autore: Mariano Froldi @MarianoFroldi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui