No di Wolff alla Ferrari…

0

Nei sogni proibiti su Maranello e dintorni di tanti, compreso il sottoscritto, il mitico “troll” e ottimo gestore di piloti e team, nonché “negoziatore”, Toto Wolff, un giorno abbandona le stelle d’argento e decide di rinverdire i fasti di una Ferrari che spesso sembra un gambero rosso, abbracciandone la causa. Una operazione alla Todt (quello buono, non quello che siede sullo scranno FIA).

E qualche voce è sfuggita, ogni tanto, nel microcosmo del paddock.

Tuttavia, questa volta Toto è stato perentorio ed ha, in modo crudele, respinto al mittente le avance di un suo timone in rosso. Cuori infranti!

I motivi per una nuova avventura, perché “non di solo pane vive l’uomo” ci sarebbero tutti: dieci titoli mondiali vinti negli ultimi cinque anni, due che arriveranno probabilemnte anche quest’anno. Prima o poi tutti cercano nuovi stimoli… e poi, vuoi mettere, riportare la Ferrari all’iride mondiale? Una sfida che ti proietta di filata nell’Olimpo dello sport, nei secoli dei secoli…

Ed allora ecco il sogno, con il 2021, come ha ricordato lo stesso Toto, non solo a rivoluzionare le monoposto, ma con un rimescolamento di piloti, tecnici…e team principal… Certo, esistono anche le controindicaizoni, inutile nasconderlo. Quanti uomini ha bruciato la Ferrari? Lo stesso Todt, prima di inanellare il ciclo vincente, è finito nella graticola mass-mediatica ben più di una volta.

Torger Christian Wolff – Mercedes

Comunque, a spegnere tutte le illazioni ci ha pensato proprio Toto, che pare incrollabile nel suo amore per la scuderia anglo-tedesca.

“Non sono il tipo di team manager che si sposta da una squadra all’altra”. Sottolinea Wolff alla Gazzetta dello Sport, alla domanda se un giorno potrebbe unirsi “in matrimonio” alla Ferrari. Ulteriore precisazione del diretto interessato:

“Inoltre, sono azionista di questo team [Mercedes] e ho un rapporto meraviglioso con il management di Daimler. È molto buono così”.

Parola fine, dunque, su questa “suggestione”? Chi lo sa… d’altronde Toto è abile a sviare i cronisti e, nella vita, mai dire mai.

Autore: Mariano Froldi – @MarianoFroldi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui