La gara più divertente della mia carriera

0

Da dentro la macchina è stata forse la gara più divertente della mia carriera in FormulaUno”. Ha ben ragione, Il giovane monegasco, ad affermarlo, nella consueta conferenza stampa post GP, raggiante dopo la  sua bella gara. Perché con lui ci siamo divertiti in tanti, e senza di lui, molto probabilmente, il Graan Premio sarebbe stato molto più “monotono”. In tanti hanno incorniciato il sorpasso incredibile su Gasly.

Si poteva fare qualcosa contro le Mercedes di oggi? Purtroppo Leclerc è assai realista: “Oggi il terzo posto è il massimo che potevamo ottenere”. Ma Charles ha fatto anche “comprendere” altre cose importanti, spiegando ai cronisti: “Dopo l’Austria ho capito che si poteva essere più aggressivi, che adesso i commissari ci lasciavano andare un po’ più ‘lontano’ nelle regole e questo mi è piaciuto. È quello che ho provato a fare oggi, essere più aggressivo e alla fine ha pagato e sono molto contento di essere qua”. 

La gara più divertente della mia carriera

Infatti il pilota monegasco, a casa della Red Bull era arrivato secondo dopo un duello rusticano con Max Verstappen. Duello che si è ripetuto anche oggi, seppur  per il terzo posto, e che ha mandato in visibilio gli amanti della Formula Uno.  E proprio sul “corpo a corpo” ripetuto con Max, Leclerc “ha svelato” il suo “intento” (neanche troppo segreto) durante la gara di oggi: “Volevo solo far capire a Max che la pista non è solo sua e che ci sono anche io e basta. Alla fine sono contento che ci sia la possibilità, da due gare, di lasciarci correre così, perché è così che deve essere la F1”.

Un occhio di riguardo non è mancato, da parte del talento monegasco, per la sua squadra, finita ancora una volta sul banco degli imputati per le strategie (in particolare la decisione di partire con le mescole più morbide): “So che dall’esterno vi può sembrare assurdo, ma la strategia scelta è stata quella giusta”. Leclerc ha poi aggiunto, probabilmente per evitare polemiche dopo il pit ritardato (una volta entrata la Safety Car): “Il team lavora sempre per il bene della squadra. Ci sono situazioni diverse ad ogni gara che possono andare a favore mio o di Seb, ma la squadra prova sempre a fare il meglio”.

Autore: Mariano Froldihttps://twitter.com/MarianoFroldi

Foto: Ferrarihttps://twitter.com/ScuderiaFerrari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui