Ferrari terza forza a Silverstone!

1

E’ stato un fine settimana piuttosto complicato per la Ferrari che, a sorpresa, si è dimostrata velocissima in qualifica (con Leclerc) ma, in gara, ha sofferto non solo il ritmo della Mercedes ma anche quello della Red Bull. Insomma lo scorso fine settimana abbiamo chiaramente visto una Ferrari terza forza a Silverstone. A livello tecnico abbiamo già dedicato un post (clicca qui per leggere) specifico per parlare di Ferrari e principalmente dei problemi che sta incontrando Sebastian Vettel che, nelle ultime settimana, ha perso competitività nei confronti di Leclerc.

Rispetto ad inizio stagione, come abbiamo scritto nell’anteprima al Gp di Silverstone, la SF90 qualcosina, specialmente in qualifica, sta recuperando nei confronti della Mercedes W10 ma il gap è ancora importante specialmente in gara.

Ritornando a parlare della gara c’è da segnalare che la decisione di partire con le soft non ha dato i vantaggi che gli ingegneri di Maranello si aspettavano. In partenza Leclerc non è riuscito ad impensierire le Mercedes nonostante le “rosse”, sulla carta, potevano rappresentare un grosso aiuto. Vettel, invece, qualche posizione l’ha recuperata ed è riuscito a terminare il primo giro con la Red Bull di Gasly alle sue spalle.

Il grafico in basso ci dimostra che Leclerc è riuscito a reggere il ritmo delle due Mercedes solamente nei primissimi giri per poi accusare un gap sempre più elevato fino al momento della sosta. In questa fase il giovane pilota monegasco è stato impegnato nel difendere la posizione su Verstappen che, seppur più veloce, non è riuscito a scavalcare la Rossa. Sosta che è stata anticipata di qualche giri per difendere la posizione su Gasly che una volta liberatosi di Vettel è stato richiamato ai box dal muretto della Red Bull per montare le hard che gli hanno permesso di arrivare alla bandiera a scacchi.

Leclerc e Verstappen, sono rientrati per la sostituzione delle gomme allo stesso giro e in questa occasione sono stati bravi i meccanici di Milton Keynes che sono riusciti a mettere in pista il pilota olandese davanti a quello monegasco. Posizione che, successivamente, Leclerc ha recuperato in pista approfittando di una sbavatura con gomme fredde di Verstappen.

Per quanto riguarda Vettel, come potete osservare nel grafico in alto, il suo ritmo non è stato lontanissimo dai tempi di Leclerc ma la sua corsa poteva avere un epilogo diverso grazie alla sua decisione di allungare il primo stint “disobbedendo” agli strateghi Ferrari che lo hanno richiamato ai box più di una volta. Così facendo ha potuto approfittare della Safety Car per effettuare la sua sosta e questo gli ha fatto guadagnare tantissime posizioni passando dalla posizione 6 alla 3.

Safet Car che ha messo in luce, ancora una volta, le lacune del muretto Ferrari che potevano rovinare la corsa di Leclerc. Red Bull ha richiamato ai box Verstappen nonostante il pilota olandese avesse sostituito gli pneumatici pochi giri prima. Ferrari, invece, non ha avuto questa accortezza ed è rimasta spiazzata dalla scelta dei “bibitari” ed è stata costretta a rispondere al giro successivo. Ma ormai era troppo tardi e Leclerc, grazie a questa decisione, ha perso parecchie posizioni. Alla fine questo errore non si è rivelato pesante grazie al contatto tra Verstappen e Vettel e al grande sorpasso effettuato da Leclerc nei confronti di Gasly che ha permesso alla Ferrari di terminare al terzo posto un Gp piuttosto complicato che poteva tranquillamente vederla esclusa dalla lotta per il gradino più basso del podio.

Se come detto in precedenza Ferrari terza forza a Silverstone tratasi di affermazione corroborata dai fatti, vediamo perché sopratutto per Vettel non è stato un fine settimana molto positivo. In qualifica è stato sonoramente battuto dal compagno ei squadra Leclerc e, in gara, come dimostrano i grafici non aveva il passo del proprio “team mate” nonostante la distanza era sicuramente minore rispetto a quella di sabato. A rendere ancora più negativa la gara c’è stato il tamponamento a Verstappen che lo aveva appena superato e nel tentativo di recuperare la posizione ha commesso un grosso errore che ha danneggiato la sua gara e quella del pilota olandese.

Una Ferrari che esce dal Gp di Silverstone con tanta pressione addosso perchè, allo stato attuale, la Red Bull è piuttosto vicina e nelle prossime gare di Germania ed Ungheria, se non ci saranno importanti sviluppi, la SF90 potrebbe passare dal ruolo di seconda forza a quello di terza.

Autore – grafici: Sponton Cristiano – @spontonc 

Foto: Alessandro Arcari – @BerrageizF1

1 commento

  1. Se Ferrari non porta aggiornamenti aerodinamici degni di questo nome in Germania e soprattutto in Ungheria, diventerà terza forza senza alcun dubbio. A quanto pare Silverstone era ancora una tappa interlocutoria prima di prendere le decisioni su come indirizzare lo sviluppo, ma sta arrivando il momento della verità. Se va buca anche nelle prossime gare, e non parlo di vittoria, ma consolidamento come seconda forza in campo, devono passare al piano B: rifare la macchina in vista del 2020 ed usare i GP che rimangono per sperimentare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui