LAST CAR IS ON THE GRID. Analisi GP Canada 2019


Quel “Last car Is on the Grid” pronunciato da Riccardo Adami qualche minuto dopo le nostre 20:10 di domenica aveva un sapore diverso. Quello di chi sa che il proprio pilota questa volta non dovrà fare una partenza all’attacco ma per la prima volta nel mondiale 2019, una partenza in difesa. In difesa da Lewis: il rivale ormai storico di questa era ibrida. L’atteggiamento degli uomini in rosso alla vigilia di questa gara hanno lasciato infatti trasparire che non sarebbe stato facile portare a casa un buon risultato. Ho sentito maggior pessimismo nelle parole di Binotto e Vettel stessi alla vigilia di questa gara, rispetto a quello percepito in gare andate sensibilmente peggio. Tutto è probabilmente da attribuire al passo gara del venerdì, dove era evidente come Ferrari fosse dietro con gomma media e soft e con l’incognita di una hard che si è rivelata la gomma di gara che (naturalmente) Ferrari non ha praticamente portato. 

Ecco perché, superati i primi tre giri, ho iniziato immediatamente a pensare che Hamilton sarebbe arrivato al sorpasso di Vettel da lì a poco. Avevo la conferma già solo da parte di Leclerc che non riusciva a tenere il ritmo di Hamilton ed ero altresì consapevole che Ferrari avrebbe dovuto prima o poi gestire l’alto consumo di carburante che la PU italiana bruciava nell’unico punto dove andava realmente più forte: il lungo rettilineo prima della chicane finale.


La gara di Seb è infatti stata praticamente fatta tutta in Engine 1 (tornerò più avanti nel dettaglio delle mappature) e dopo aver visto la macchina di Norris, trasformato dalla FIA in sicuro, costoso e scintillante punto Marshall a bordo pista senza ausilio di VSC o SC, mi è stato ancora più chiaro che Sebastian Vettel pur tentando il tutto e per tutto non sarebbe mai arrivato in fondo alla gara mantenendo quella prima posizione.


Apro una parantesi sulla vettura di Norris: in una F1 così attenta alla sicurezza con quale coraggio si può penalizzare un pilota per un rientro pericoloso in pista, quando la macchina di Norris è rimasta a bordo pista praticamente per tutta la gara? Il direttore di gara ha esposto doppie bandiere gialle nei giri 9, 10, 11 e 12. Durante questi quattro giri non è stata presa alcuna decisione – Virtual Safety Car o Safety Car – per rimuovere la vettura tant’è che nel giro 12 la pista è stata dichiarata “clear” quindi libera. La teoria suggerisce in questo caso che la scelta di definire Clear la pista fosse perché questa era idealmente “oltre” la pista (idealmente, non di certo per regolamento). “Track Clear” però, che dura appena un giro dato che nel corso del 13 vengono nuovamente sventolate le doppie gialle – una tipologia di bandiera che lo ricordiamo significa: “rallentate e state pronti a fermarvi se fosse necessario” – Evidentemente dalla direzione gara, pensai in quel momento, si sono resi conto che non si può dichiarare una pista libera con una vettura ferma a lato seppur IDEALMENTE (torno a sottolinearlo) fuori traiettoria. E invece nel giro 14 nuovamente la pista è “clear”. Cosa è successo tra i giri 9 e 14? Semplice, assolutamente nulla. L’ostacolo considerato dapprima tale da far sventolare non una semplice bandiera gialla ma una doppia bandiera gialla, è… scomparso. Eppure era ancora lì fisicamente; probabilmente avranno pensato ad una nuova iniziativa del filone “F1 Experiences” in cui è stata offerta a un marshall la possibilità di accomodarsi nella monoposto per seguire il gran premio da una posizione privilegiata. L’iniziativa però non ha avuto successo: evidentemente la direzione di gara ha dimenticato che le monoposto non sono dotate di aria condizionata… Tornerò sulla penalità a Seb Vettel solo in un secondo momento tuttavia, e mi taccio con il sarcasmo.

Siamo infatti ancora al giro 10, e al tedesco arriva un suggerimento di Adami: “suggeriamo leva sinistra in curva 3 e 8”. Cosa significa tutto ciò? Quest’anno nel mio articolo introduttivo sul volante Ferrari, ho velocemente parlato di DIF IN e DIF MID (differenziale in ingresso curva e differenziale a centro curva). È giunto il momento di aggiungere qualcosa in merito: i due parametri sono gestiti da due ghiere poste sulle razze del volante (DIF IN a sinistra - DIF MID a destra) che il pilota aziona facendo scorrere i due pollici sul meccanismo (essendo ghiere, non si schiacciano come pulsanti). Da quest’anno (forse qualche test iniziò già l’anno passato) Ferrari utilizza delle “scorciatoie” attivabili da due leve poste sul retro del volante. 


Questo aspetto è alla mia attenzione ormai dal Bahrain e se già avevo pochi dubbi all’epoca ora vi posso assolutamente confermare che la levetta sinistraabbassata, quindi attivata come nello screen in alto – serve a modificare “al volo” il differenziale in ingresso curva, mentre quella destra a modificare il DIF MID. Da alcune comunicazioni “in codice” di Adami, la mia idea è che, sia il differenziale in ingresso che quello a centro curva, siano impostati su un valore neutro scelto prima della gara. A quel punto il pilota seleziona sui selettori posti sulle razze, prima della gara o durante la gara stessa, il valore modificato che ha bisogno di sovrascrivere nell’arco di un giro (in base a mescola, usura, temperatura della pista). A quel punto quella regolazione entrerà in gioco quando azionata dalle levette, che sono in sostanza switch on/off dei parametri modificati.

Durante questa gara, IN OGNI GIRO a partire dall’undicesimo, Sebastian attiva il DIF IN modificato prima di curva 3, lo spegne dopo curva 4, lo riaccende prima di curva 8, lo spegne dopo curva 9, arriva al tornantino e lì gestisce il DIF MID attivando la leva destra, la disattiva appena termina il tornantino, e torna ad agire sul DIF IN in ingresso di curva 13 per spegnerlo sul rettilineo del traguardo. Ho verificato gli onboard di tutti i quattro piloti di testa e seppur non sono un buon conoscitore del volante Mercedes, posso confermare che nessuno ha operato ogni giro le medesime regolazioni di differenziale che ha gestito Vettel per tentare di tirare fuori da quella vettura, anche ciò che in quel momento non aveva. La maggior parte dei piloti, Leclerc incluso, per quel che ho potuto vedere, ha gestito infatti sul differenziale esclusivamente una regolazione a giro nel tornantino. 


Le immagini che allegherò all’articolo, a partire da quella qui in alto, non sono casuali: sono infatti tratte da giri qualunque e dimostrano come Sebastian abbia guidato con traiettorie da qualifica durante tutto il GP per provare a difendersi in particolare modo nelle tre zone di DRS che potevano (ma non sono riuscite) ad annullare il vantaggio di motore e velocità massima che Ferrari aveva su questo tracciato. 


Ad essere profondamente onesti, in realtà non si può essere certi che il DRS e il motore Mercedes non siano bastati a sopravanzare un Vettel in difesa che si affidava a qualsiasi mappatura per non farsi superare (ci torneremo davvero a breve): questo perché Hamilton in ogni giro in cui è stato particolarmente vicino a Sebastian prima di curva 10, ha praticamente sempre commesso un errore in frenata andando al bloccaggio della gomma destra. Alcuni di questi errori, non mostrati dalla regia internazionale (perché in quella fase concentrata anche su Ricciardo vs Bottas), sono stati in diretta Sky Italia, scambiati persino per replay ripetuti del medesimo errore quando invece era Hamilton che commetteva l'errore in fotocopia giro dopo giro. Se a farli fosse stato il pollo di turno, probabilmente, si sarebbe parlato di incapacità, di errore ripetuto, di incapacità cronica nell’approccio di una curva. Io, invece, che non considero sulla griglia “pollo” neanche chi arriva ultimo, oserei dire che Lewis avesse problemi di temperatura ai freni o che la macchina non avesse un assetto perfetto o che ancora non è stato in grado (aiutato dal suo ingegnere di pista) di trovare durante la gara stessa un valore di Engine Braking, Brake Balance o Brake Migration differente in corsa. Leggere però che il bloccaggio di Hamilton è una firma e non provoca problemi (quando ripetuto almeno cinque volte facendo di volta in volta perdere contatto con Vettel sul rettilineo) lo reputo un’offesa all’intelligenza di tutti e soprattutto non mi capacito del silenzio di alcuni in merito.


A prescindere da queste mie teorie, tuttavia, il sorpasso di Hamilton non è mai arrivato né in pista, né al di fuori della stessa. Ottimo lavoro al box di Vettel, l’aver compreso il calo di performance di Lewis al giro 20 (1.17.0) che ha fatto modificare ad entrambi i piloti rossi il Plan che da A è passato a B. Ottimo ancora, aver capito che il Plan B (allungare lo stint in attesa di SC) doveva essere messo in dubbio nel momento stesso in cui, facendo il pit stop si riusciva a stare agevolmente davanti a Bottas. Al giro 24, quindi, è stato dato un target lap a Seb di 1.16.7, al 25 gli è stato chiesto di spingere ancora (push now), al 26 di spingere ancora di più (push hard now) perché avrebbero fatto l’unica sosta di giornata. Seb chiede -1 click di ala anteriore e all’uscita dai box inizia a dimostrare il valore della gomma hard nonostante non la avesse mai provata nel corso del weekend sulla pista canadese. Hamilton infatti, tenta un overcut per un giro extra ma ciò non serve, considerando che Seb non fa altro che aumentare il suo distacco da lui. 

Con Hamilton lontano diversi secondi, la Ferrari del tedesco entra in modalità FS 2 (Fuel Saving) nel giro 32. Gli viene inoltre indicato di passare in una modalità di ICE più conservativa (Engine 4). Dal giro 32 al giro 40 Hamilton si avvicina in maniera impressionante (dimostrando l’assenza di problemi di consumo oltre che la comunque ottima performance nel ritmo su hard della W10 ben descritta qui) ed è a tiro di DRS già nel giro 40. A Vettel suggeriscono così di passare nuovamente in Engine 1. L’ICE però, dai dati raccolti, torna a consumare più benzina di quanta disponibile per arrivare in fondo, così dopo due giri (giro 42) suggeriscono di passare nuovamente in Engine 4 e di sfruttare il Mode OV (una modalità che penso indichi l’overtake; questa modalità, poco sfruttata da Ferrari di solito, non è da scambiare con la modalità push delle qualifiche o con i vari K1, K1+ e K2 che ormai conoscete bene essere esclusivamente parametri del gruppo MGU-H + Turbo). Al giro 43, tuttavia, Hamilton è ancora vicino e Adami dice a Seb che la modalità OV non basta ed è necessario affiancare anche l’Engine 1.

Al giro 44 arriva tuttavia una comunicazione, trasmessa anche dalla regia internazionale, ma tradotta male da Marc Genè nell’impeto della diretta. Genè infatti dice in diretta che il pilota è stato informato che i numeri sul display sono sbagliati e che quindi questa cosa non avrebbe fatto piacere a Vettel. In realtà il team radio è stato l’opposto; Adami dice infatti: "I numeri che vedi sul volante sono corretti! Take Actions" (fai qualcosa). Cosa sono i numeri a cui si riferiscono? Semplicemente l’indicazione del carburante. Adami, infatti, è ormai spaventato che senza una SC (come infatti poi è accaduto) la monoposto del tedesco non sarebbe mai arrivata al traguardo. 

Ciò, nonostante fosse ormai dal giro 32 in modalità Fuel Saving 2, facesse lift and coast e avesse anche fatto 9 giri in Engine 4. In sostanza, ciò che Seb recuperava con il lift and Coast nei primi due settori, veniva bruciato sul lungo rettilineo nel tentativo di difendersi da Hamilton. 
Come fare quindi? Quali potevano essere le azioni che Adami suggeriva di fare per risparmiare carburante e allo stesso tempo non farsi superare? 

Seb trova la risposta e cambia completamente l’approccio di diverse curve e lo stile di guida. In curva 1, ad esempio, entra più veloce, così da portare maggiore velocità al punto di corda di curva 2 senza l’ausilio del gas (a rischio di un testacoda come quello avuto dal nostro connazionale Giovinazzi). In tutto il primo e il secondo settore, tira le marce di più – così facendo tenta una ricarica disperata dell’elettrico da MGU-H così da avere maggiore carica di batteria nel lungo rettilineo e sfruttare meno l’ICE – e allo stesso tempo (dove può) tenta di fare lift and Coast (prima del tornantino e prima di curva 6 in particolare). Oltre a ciò, in base a quanta ricarica di elettrico riusciva a generare, il pilota attivava (autononamente, è giusto sottolinearlo) le modalità K1 e K1 Plus alle volte prima del tornantino, alle volte nel rettilineo prima di curva 8, quasi sempre spremendo le ultime percentuali di ERS sul lungo rettilineo.
Il tutto, lo ricordo, mentre in una modalità chiamata overtake (sorpasso) ed in Engine 1, si occupava di risparmiare carburante (il che, per chi ormai segue gli articoli Last Car is on the Grid da qualche appuntamento, è praticamente un controsenso tecnico).

Vettel e la Ferrari, volevano insomma evitare quel sorpasso a tutti i costi, nonostante il mezzo non fosse propriamente a livello, nonostante fossero quasi senza carburante, nonostante il ritmo sulle hard di Hamilton era migliore rispetto al loro (basta vedere in quanti giri Hamilton ha recuperato lo svantaggio del pit stop che lo ha penalizzato nella strategia nell'articolo segnalato prima).


Arriva così l’errore nel corso del giro 48 che è semplicistico definire “errore da pressione di Hamilton”. L’errore c’è, nessuno lo nega e poteva e doveva essere evitato anche con una guida al limite: in fondo il tedesco ha comunque guidato al limite fino al giro 40 e oltre al limite fino al giro 48. Così però non è andata. È arrivato il fardello di una penalità di 5 secondi su cui già tanto è stato detto.


Sarò breve quindi: la penalità per come è concepito oggi il regolamento aveva margini di essere applicata, e ci stava tutta. Mi è stato chiaro (e ne è la prova il tweet allegato) scritto quando ancora doveva anche solo essere aperta l’investigazione. L’unica cosa che i commissari potevano fare con il regolamento alla mano, era quello di giustificare o contestualizzare il rientro in pista dallo scarto provocato dal sovrasterzo, ma anche quello "contro una Mercedes" mi sembrò utopico fin dal principio. Vettel poteva frenare ed andare dritto contro le barriere interne, oppure imporre alla sua mente e alle sue braccia di non correggere un sovrasterzo e procedere in un donut in cui probabilmente Hamilton si sarebbe trovato agganciato


I commissari, però, non hanno voluto trovare giustificazioni o attenuanti e anche questo è impassibile. Forse, però, è la difformità di giudizio in altre situazioni del passato a dare più fastidio oggi. Restando a questo singolo evento come diamine si può parlare di sicurezza non rispettata nel rientro in pista, quando hanno lasciato una Mclaren ferma in pista per 60 giri considerando che l’ultima tragedia in F1 è avvenuta per un mezzo estraneo in pista? Certo, la Mclaren non è un mezzo di recupero con “forma pericolosa” ma si può davvero onestamente dire che ferma lì non rappresentasse un pericolo


Ed ancora: perché se in passato l’ammettere candidamente un errore ha rappresentato prova di pentimento da perdonare? Esagero? Perché allora, il regime di Safety Car con la pioggerella è considerato una situazione di confusione dove un pilota può sbagliare, mentre invece perdere il controllo della vettura a 248Km/h e riuscire comunque a rientrare in pista senza fare danni a sé e agli altri è considerata normalità?


Vettel ha perso il posteriore in frenata da 248Km/h di velocità massima nel giro 48, ma nel 47 aveva iniziato la frenata a 247Km/h. Ho scattato entrambi gli screen nel momento in cui sia la telemetria visualizza sia il pedale del freno che quello dell’acceleratore contemporaneamente. Potete verificare voi stessi tramite app F1 ciò che vi posso mostrare solo in fermo immagini. Una volta è andata bene, la seconda, no. Errore di angolo di sterzo? Errore per aria sporca? Errore di pressione? Errore; senza dubbio. Ma sicuramente i commissari non hanno dimostrato (come in passato) di sapersi inventare divertenti giustificazioni (che questa volta avrebbero avuto almeno il gusto del candido buon senso). Ma forse, in un anno in cui ormai il mondiale è definitivamente chiuso, (seppur non in maniera matematica, perché bla bla bla), è stato utile anche aver ricevuto questa penalità.

Subito dopo l’errore, Adami chiede a Seb di passare in modalità Race e continuare i giri in Engine 1. Seb capisce che sia la modalità Race che quella di motore endotermico continueranno a consumare più di quanto si possa permettere e così continua a girare tentando il possibile per risparmiare, pur spingendo oltre al limite sul lungo rettilineo. Arriviamo così al giro 58 e al pilota viene comunicata la penalità. Adami tenta di trovare le parole giuste e seppur ad Hamilton la penalità viene comunicata sul finire del 57, per comunicarla a Seb aspettano che raggiunga il tornantino nel giro 58 perché sia libero di arrabbiarsi mentre è sul rettilineo. A nulla valgono gli “head down” di Adami, o gli “stay focused”. Vettel infatti, risponde a Riccardo che lui è concentrato col tono di chi rassicura il suo interlocutore, ma ciò non nega che “ci stanno rubando la gara”, col tono questa volta di una persona ormai piena di troppe cose che come dichiarerà lui stesso, non sono quelle che lo fecero innamorare di questo sport anni prima.

Arriva così al giro 63 e Adami gli comunica che sta facendo un lavoro grandioso con i consumi e che dovrebbero bastare altri 4 giri con ciò che sta facendo. Solo per chiarezza, nel caso in cui aveste perso questo passaggio, Vettel è ancora in Mode Race (e non in Mode Fuel Saving) e con Engine 1 (quello che lascia esprimere il massimo potenziale al motore endotermico) e “ciò che sta facendo” è un lift and coast in punti dove poteva permetterselo, giri motore alti per ricarica l’elettrico e tentare di portare maggior velocità possibile nelle curve (soprattutto le chicane) così da dover riaccelerare meno in uscita (ricordate il bloccaggio in curva 3 per il cruciale errore, sì?); il tutto tenendo indietro un Hamilton indemoniato che dopo aver saputo della penalità chiede che gli venga dato più motore – probabilmente perché, come dichiarerà nel team radio finale – non gli è piaciuto molto vincere questa gara così. 

Ma anche con più motore concesso ad Hamilton già dall’inizio del giro 58, il sorpasso in pista non arriverà mai. Siamo così alla bandiera a scacchi, finalmente. Finalmente, perché stare accanto a Seb in macchina negli ultimi giri, guardandolo guidare come un forsennato nonostante fosse consapevole che seppur in pista per Hamilton non ci sia stato nulla da fare, si vedeva comunque rubare (per citare il suo verbo) una vittoria ultra-meritata, è stata una sofferenza che solo un vero tifoso può capire.
Ma le corse purtroppo, sono anche questo (ormai). 


E Leclerc? No, non mi son dimenticato di Charles. Semplicemente la gara del monegasco è stata più tranquilla. Dopo uno scatto buono ma senza quel quid in più che poteva impensierire un Hamilton già terrorizzato per l’antistallo (si apre in radio quattro volte nel giro di ricognizione. La squadra non risponde perché non potrebbe, ma informa comunque il pilota che il sistema di partenza è OK sull’ultima chicane, perché i commissari li autorizzano a farlo), Leclerc non riesce a tenere il ritmo dei due davanti. Non è noto se per una sua mancanza (una pista poco congeniale al suo stile di guida), per assetto, o perché sono stati realmente Vettel e Hamilton a fare la differenza in Canada, dopo diversi giri di silenzio (avrete capito che Charles è un pilota che non parla molto in radio), Marcos gli chiede se riesce ad aumentare il ritmo al giro 13 per avvicinarsi ad Hamilton.

Leclerc inizia così a girare sensibilmente meglio facendo segnare un giro veloce nel giro 18 e uno nel giro 22. Comunicano al monegasco sempre nel corso del giro 20 che Hamilton è sull’1.17 e quindi passano al piano B anche con lui. A differenza di ciò che avviene però con Vettel, ciò si è tradotto col senno di poi (per i distacchi con Bottas) in un errore più palese nel caso di Leclerc.
Ho aggiunto col “senno di poi” perché Leclerc era terzo prima dei pit e l’unica manovra che potesse forse aiutarlo a passare in seconda piazza, era probabilmente quella di diversificare le strategie. Se fosse arrivata una SC tra il giro 20 ed il 34 (uso il 34 perché è stato quello poi, in cui lo hanno effettivamente fermato), Charles avrebbe potuto avere un pit stop quasi “gratis”. Ciò non è avvenuto però, e farlo fermare in contemporanea a Seb (giri 27-29) sarebbe equivalso a farlo uscire dietro Bottas che probabilmente lo avrebbe rallentato dati gli storici precedenti del 2018. 

La Ferrari, dato il ritmo ancora accettabile (soprattutto nel confronto con Bottas) della media del monegasco, chiede al pilota se riesce ancora a tenere quel passo e lui risponde che tutto ancora procedeva bene con quella gomma. Nel giro 33, quindi, essendosi ormai liberati dall’ombra di Bottas su cui ha un buon vantaggio, decidono di pittare nel tentativo di farlo uscire davanti a Verstappen (aspettare la sosta del numero 33, che lo ricordiamo, partiva con le hard, sarebbe stato un massacro). Leclerc viene informato che all’uscita dei box sarebbero stati molto vicini, ma pur uscendo dietro all’olandese si tratta di un rischio calcolato considerando che dopo un giro di messa in temperatura delle hard, Charles supera con la forza del DRS e del K1 Plus Verstappen senza problemi.


Inizia così al giro 37, la fase di riposo della sua SF90. Dapprima passa in Engine 4 (che utilizzerà fino al giro 54). Inoltre al giro 42, anche lui passa in modalità Fuel Saving 2. Al giro 54, viene invitato nuovamente a passare in Engine 1 seppur in modalità Fuel Saving, per avvicinarsi al gruppo di testa dato che i due piloti (Seb e Lewis) sono in lotta tra loro e nel caso di un errore di entrambi era bene stare a tiro. Fa segnare così due ulteriori giri veloci (59 e 64). Al giro 61, oltre all’Engine 1 già impostato nel giro 54, passa nuovamente in Mode Race. Al giro 65 arriva una comunicazione cifrata nella quale chiedono parere al pilota (secondo me, ma ho diversi elementi per esserne convinto) su una sosta per montare una gomma Soft e fare il giro veloce in gara. La risposta di Charles è abbastanza chiara. “NO WAY; I stay here” (non esiste, io resto qui). Marcos comunica di aver ricevuto il messaggio ma dopo qualche curva ormai nel giro 66 si riapre dicendo: pensiamo sia una cosa “gratuita” e gli comunicano il distacco da Bottas (oltre i 27 secondi) ed i 7 secondi che lo tengono lontano dalla Mercedes di Hamilton nonostante stesse spingendo al limite la macchina. Charles si riapre in radio dicendo: “Let me focus, please” (lasciatemi concentrare, per favore). A quel punto Marcos e il muretto si arrendono alla decisione del pilota e comunicano allora, di spingere più che può fino alla bandiera a scacchi. Non arriva comunicazione in merito alla penalità di Vettel. Binotto ha dichiarato nel post gara che il muretto ha dimenticato di farlo. Non sono propriamente certo che questa sia una verità ma in ottica di team non sarebbe cambiato nulla nel computo dei punti. In realtà l'unica variazione a come è finito questo GP sarebbe stato rappresentato dal punticino in più per l'eventuale giro veloce che però Charles ha categoricamente negato al suo ingegnere di pista. Si giungerà così alla bandiera a scacchi.


Bandiera a scacchi che giunge amara per i tifosi ferraristi che non dimenticheranno che il ditino di Seb, questa volta, non era nella modalità di esultanza ma in quella del rifiuto.

I team radio di fine gara, sono come di consueto disponibili sul mio account Twitter personale: qui quello di Vettel, qui quello di Leclerc.

Autore: Alex Brunetti - @deadlinex


Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

18 commenti

Write commenti
12 giugno 2019 19:35 delete

bravo! vettel, leclerc & ferrari

Reply
avatar
12 giugno 2019 19:54 delete

vettel ha mostrato perché è l'uomo giusto a prendere ferrari nella direzione vincente questo fine settimana, triste che FIA ​​e Mercedes siano in squadra. Binotto non ha il giusto atteggiamento esterno per sostenere la sua squadra e lottare per loro nella politica, ma è un buon pensatore silenzioso. Leclerc era un ottimo cannoniere posteriore e se Hamilton aveva qualche problema era abbastanza vicino da fargli pensare di nuovo anche se non aveva il passo come Hamilton e Vettel. Ho visto alcuni fan sciocchi dire ferrari sabotage leclerc perché sono miopi e leggono solo titoli, lui avrebbe sofferto molto peggio dietro alle bottas. e ha già detto che stava spingendo più forte che poteva, così non avrebbe fatto alcuna diffidenza se gli avessero parlato della povera scusa di una penalità

Reply
avatar
12 giugno 2019 21:14 delete

Bellissimo articolo, come al solito, complimenti

Reply
avatar
12 giugno 2019 22:09 delete

LEC ha fatto bene a rifiutare le soft nel finale perché lo avrebbe fatto anche BOT (come poi ha fatto) che, guidando una vettura più veloce, faceva suo il giro veloce (come poi ha fatto). Per il resto è davvero impensabile che il motivo della mancata comunicazione della penalità a VET sia la dimenticanza. Non esitate.

Reply
avatar
12 giugno 2019 23:57 delete

Lo so sono ripetitivo ma come sempre non ho parole! Altro articolo-analisi fantastico!! Ormai attendo con ansia i giorni dopo il GP!
Grazie grazie grazie!

Reply
avatar
TIM
13 giugno 2019 09:13 delete

Veramente eccezzionale, non solo questo articolo ma anche i precedenti. Delle tante analisi post gare la tua mi sembre veritiera e fondata su data gathering e non su molto supposizioni.
Dai un vero spaccato di cosa succede in macchina dando una prospettiva a mio avviso bilanciata che fa capire la gara benissimo.
Grazie anche per aver parlato dei ripetuti errori di Hamilton che nessuno sembra aver visto ed aver messo nella giusta luce l'errore di Vettel. Quando si guida al limite (ed e` evidente come Vettel lo fosse) la probabilita` di errore diventa molto piu` ampia. E questa e` una cosa che spesso non viene detta e quasi sempre dimenticata quando si parla di errori da parte del tedesco. Portare la rossa a competere con la grigia richiede una guida molto piu` vicina al limite.
Di nuovo grazie, continua cosi`, una boccata d'aria fresca nel panorama giornalistico di F1, di cui ammiro la precisione ed il tempo preso per la raccolta dati. Grazie

Reply
avatar
13 giugno 2019 09:33 delete

Analisi e commento ammirevole, complimenti

Reply
avatar
mp
13 giugno 2019 11:26 delete

Personalmente io non ho mai letto un articolo su una gara di formula 1 scritto con cosi' tanto dettaglio. Prima volta in vita mia che inizio ad intuire cosa succede dentro queste macchine. Complimenti e GRAZIE

Reply
avatar
13 giugno 2019 11:40 delete

salve a tutti...seeeepre bellissimo rileggere i GP così!....bravo! bravo! bravo!
ormai (per me) è una sorta di metadone, quando sono in astinenza...
Valerio

Reply
avatar
13 giugno 2019 12:24 delete

Dal tuo ottimo articolo mi sembra ragionevole affermare che il la guida da campione di Seb abbiano fatto la differenza, nonostante la sbavatura... l'ha portata lui in fondo la SF90, senza cedere la posizione alla faina alle sue spalle ed evitando di dover parcheggiare con il serbatoio a secco...
Una sbavatura non può essere un giudizio sul campione che si è comportato da campione per tutto il fine settimana.
Ricordiamoci anche che Lewis oltre al filotto di errori al tornantino, Venedì durante le prove libere è andato a stamparsi a muro in curva 9.
Grazie per l'ottimo lavoro!!!!

Reply
avatar
13 giugno 2019 14:15 delete

Mi associo ai complimenti,
attendo la rubrica ogni volta con ansia,
è uno strumento fondamentale per avere un'idea abbastanza chiara delle dinamiche della gara dei Ferraristi, mettendo così assieme tutti i pezzi del puzzle per avere l'idea più corretta possibile di quanto realmente successo.
Seguo il motorsport e in particolare la F1 da una trentina d'anni con una certa consapevolezza, ma la sola esperienza non basta a valutare la gara con solo quanto si vede in TV.

Reply
avatar
13 giugno 2019 17:32 delete

Sei veramente bravo, i tuoi articoli sono eccezionali e soprattutto non lasciano margini di interpretazione, li leggo come se stessi studiando. Ovviamente richiedono dei veri appassionati (anche un po' nerd), ma ce ne sono molti! :)
Si capisce quanto la Ferrari stava lottando per quella prima posizione che vista da fuori sembrava invece tranquilla. Al contrario, dietro c'era uno sforzo enorme, un motore tirato tantissimo, e una guida al limite complicata anche dal fatto di dover pure risparmiare benzina. Vista così si spiega la sbavatura di VET e forse se ne spiegano anche molte dello scorso anno. Cavolo se la meritava la vittoria....

Reply
avatar
13 giugno 2019 19:10 delete

Mi associo a tutto quello che c'è scritto nell'articolo ed alle parole di apprezzamento degli altri lettori per uno scritto veramente preciso e dettagliato oltre che sincero ma mai fazioso.
Per quanto mi riguarda posso solo aggiungere una considerazione. Domenica è stata definitivamente svelata l'incapacità di chi gestisce la F1, incapace di avere un minimo di buon senso e visione sportiva del circus.
Avete visto che ascolti che ha avuto questo GP? Ecco, è bastata la pole per rianimarli, ma temo che dopo questo episodio in molti penseranno che sarà meglio darsi all'ippica piuttosto che esser presi in giro in questo modo.

Reply
avatar
13 giugno 2019 21:17 delete

Davvero tanti complimenti per questa analisi accurata!

Reply
avatar
14 giugno 2019 16:14 delete

Strepitoso come sempre.

Reply
avatar
15 giugno 2019 10:11 delete

Complimenti.
Apprezzo moltissimo il suo modo di esporre e la pacatezza con la quale esprime i suoi personali (e condivisibili) pareri.
I suoi articoli sono da prendere come esempio di lucidità, obiettività e competenza.
Grazie.

Reply
avatar
15 giugno 2019 11:27 delete

Rubrica strepitosa, complimenti all'autore e alla redazione , andate avanti così !

Reply
avatar