La presunta innocenza di Sebastian Vettel...


Le polemiche per il triste epilogo ferrarista nel Gran Premio del Canada prendono corpo, iniziando dai ripetuti sfoghi via radio di Sebastian Vettel, che molto probabilmente avranno una forte ripercussione durante tutta quanta la settimana. Secondo il parere del tedesco la sua manovra è stata dettata dalla situazione, non avendo nessun’altra opzione una volta reincorporatosi in pista. A fine gara il quattro volte campione del mondo della Ferrari non ha digerito la penalità andando su tutte le furie, prendendo addirittura in un primo momento la via dell’Hospitality, deciso a non partecipare alla cerimonia del podio.

Qualche minuto più tardi, quando la rabbia per l’accaduto poco a poco ha lasciato spazio alla ragione, Sebastian è tornato polemicamente in zona podio, posizionando il cartello del secondo posto davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton. Una volta sul podio le prime parole di Vettel vanno a premiare il pubblico canadese, reo durante tutta la competizione di un appoggio costante nei confronti del pilota di Heppenheim.

Prima di tutto ci tengo a dire che mi sono goduto molto la gara. In ogni giro tutti i tifosi mi animavano tantissimo, soprattutto alla frenata del tornantino

Entrando nel vivo della discussione Sebastian spiega la propria versione dei fatti, per poi lasciare il giudizio agli altri. Vettel dimostra tutto il proprio disappunto verso la decisione presa nei suoi confronti, deluso per una penalizzazione a suo modo di vedere totalmente ingiusta e fuori luogo.

È stata una gara molto intensa. Lewis mi stava pressando molto e io stavo semplicemente cercando di sopravvivere. Lui era più veloce ed inoltre eravamo obbligati a risparmiare un po di benzina. In quel momento la vettura non era per niente semplice da guidare e l’ho persa. Quando sono tornato in pista il vantaggio che avevo su Hamilton è scomparso. Sono stato fortunato di poter continuare la gara, anche se non so veramente cosa ho fatto di male. Per il resto credo che ho detto abbastanza... chiedi alla gente che cosa ne pensa. Non so se appellerò la decisione, ma credo che quello che è accaduto in pista sia molto chiaro a tutti. Ci sono un paio di persone chiuse in una stanza che hanno avuto un’opinione distinta”.


In conclusione Il ferrarista parla di Hamilton difendendolo dalla presa di posizione dei tifosi canadesi, visto i diversi gesti di disapprovazione sonora espressi nei confronti dell’inglese.

È stato un bellissimo spettacolo e Lewis mi ha dimostrato un grande rispetto. La gente non dovrebbe fischiarlo per niente, piuttosto andrebbero fischiate queste decisioni...”

Autore: Alessandro Arcari @BerrageizF1
Foto: Formula 1

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »