Pagelle Gp Canada

4
Montreal, Canada, 9 giugno 
Hamilton vince, con aiutino, il Gran Premio del Canada! Segue Vettel, vincitore sotto la bandiera a scacchi, quindi Leclerc. 4^ posizione per Bottas, 5° Verstappen.

Ma vediamo insieme i voti di questa gara:

 

Mercedes: 8 al team; 9 a Hamilton; 5 a Bottas

La vittoria è ancora loro, ma rispetto a quelle passate, non è così stra meritata questa. Hamilton, battuto in qualifica da un super Vettel, parte bene e mette pressione per tutta la gara al ferrarista, soprattutto con gomma hard, innescando una lotta fantastica. L’aiutino per la vittoria non ci voleva, per il bene dello sport… Al contrario, Bottas, non è parso in piena forma: in qualifica commette un errore nel primo giro in Q3 e si spegne, chiudendo poi solo 6°; in gara non è al top come al solito e rimane spesso imbottigliato alle spalle di Ricciardo. Giro veloce per lui, ma con una sosta in più nel finale per mettere gomma rossa.

 

Ferrari: 8,5 al team; 10 a Vettel; 8 a Leclerc

 

Pista più favorevole al team di Maranello e Vettel con un giro strepitoso si prende la pole al sabato e si difende da leone per tutta la gara con un ritmo decisamente ottimo la domenica. La vittoria era sua, ma l’errore c’è stato e la penalità (eccessiva?) anche. Per quanto riguarda Leclerc, invece, un errorino di troppo gli toglie la possibilità della prima fila al sabato; poi in gara fa il suo e chiude terzo. La strategia ad allungare il suo primo stint non paga, ma era giusto provarci, visto che comunque sarebbe arrivato in quella posizione.

 

Red Bull: 5 al team; 8 a Verstappen; 4 a Gasly

 

Le cose non sono andate proprio del tutto nel verso giusto all’interno del team: al sabato, tentano la qualifica con gomma media con Verstappen, ma la scelta non paga ed è 11°. Aspettano l’ultimo momento utile per rimetterlo in pista con gomma soft e scatta la bandiera rossa che lo costringe fuori. In gara poi fa il suo; recupera finché può e alla fine è 5°. Male Gasly: in qualifica ha “strada libera” mancando il suo compagno, ma si fa beffare la 4^ posizione da Ricciardo. In gara poi fa il gambero: chiude 8° addirittura doppiato. Se non si sveglia, rischia…

 

Renault: 8 al team; 9 a Ricciardo; 8 a Hulkenberg

 

Dopo i passaggi abbastanza negativi delle ultime gare, si vede finalmente un’ottima Renault! Strepitoso Ricciardo, a raccogliere il massimo possibile sia in qualifica, quando è 4°, che in gara dove chiude 6°. La macchina sembra fatta un po’ più anche per lui adesso e non solo per il tedesco. Ottimo lavoro, in ogni caso, anche lato Hulkenberg: in qualifica è un po’ più staccato (7°) e in gara rimane comunque alle spalle del compagno, ma la prestazione è buona. 

 

Racing Point: 7 al team; 9 a Stroll; 5 a Perez

 

Rinati dopo la crisi di Montecarlo! La qualifica lascia ancora a desiderare, con entrambi i piloti fuori in Q1, ma in gara la musica cambia, soprattutto con un sorprendete Stroll che è autore di una gara fantastica e chiude addirittura in 9^ posizione nonostante montasse una power unit più vecchia per i problemi avuti durante le libere. Non sufficiente la gara di Perez. Rimane fuori dai punti e il compagno ha dimostrato che si poteva fare di più.

 

Toro Rosso: 6 al team; 6 a Kvyat; 5 a Albon

 

Al contrario di Racing Point potremmo dire: loro erano andati bene a Monaco, ma non è stato lo stesso qui. In qualifica rimangono entrambi esclusi in Q2; in gara, Kvyat si difende e porta a casa un punticino; Albon non era lontano, ma un problema tecnico lo costringe al ritiro. Non era proprio la pista più adatta a loro…

 

McLaren: 6 al team; 5 a Sainz; 7,5 a Norris

 

La qualifica è ottima, ma il risultato alla fine della gara non la rispecchia. Sainz rimedia penalità per impedimento al sabato e la domenica non riesce ad andare oltre l’11^ posizione; Norris, invece, scatta 8°, ha un buon ritmo nei primi giri, ma poi un cedimento strutturale lo costringe al ritiro. Peccato, sta dimostrando di non essere niente male…

 

Alfa Romeo: 5 al team; 5 a Giovinazzi; 4 a Raikkonen

 

Il passo indietro rispetto all’inizio della stagione è ben evidente. La pista è completamente diversa a quella di Monaco, ma il risultato è pressoché simile. L’unica cosa positiva che si nota è il miglioramento di Giovinazzi, davanti al compagno sia in qualifica che in gara, tuttavia l’errore a girarsi quando è solo in pista la domenica non va bene. Raikkonen non pervenuto 

 

Haas: 5 al team; 4 a Grosjean; 4 a Magnussen

 

Anche qui, l’involuzione del team rispetto ad inizio stagione è lampante. Magnussen riesce a prendersi la Q3 al sabato, ma va a sbattere e distrugge la sua auto, costringendo al Q2 Grosjean. In gara, il francese è disperso in 14^ posizione; il compagno (partito dalla pit lane per la sostituzione del telaio) è ultimo e con una macchina inguidabile (a detta sua). Bocciati

 

Williams: 4 al team; 6,5 a Russell; 5 a Kubica

 

La situazione catastrofica della squadra non è colpa del team in pista, ma di chi comanda al di sopra. Russell nettamente meglio del compagno, sia in qualifica che in gara, davanti anche a Magnussen, che per la macchina che guida non è poco.



Autore: Alessandro Rana – @AleRana95
Immagini: Mercedes; Ferrari; Red Bull; Renault; McLaren; Toro Rosso; Racing Point; Williams; Alfa Romeo; Haas

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui