VENGODOPOILGP N.6: Mercedes si prende anche Monaco, ma la doppietta l’ha fatta Niki...


È stato bello vedere i due caschi di Niki finire primo e secondo al traguardo, solo Mercedes e Ferrari sul podio tra champagne e sorrisi agrodolci nel commosso ricordo di Lauda. Sarà stato il caso...anche se non ci ho mai creduto più di tanto. Sfumata la sesta inquietante doppietta del team cannibale la vittoria non è stata del tutto serena come ci si poteva aspettare, per non parlare di Bottas fregato dalla cattiveria (penalizzata) di Verstappen al pitstop sotto SC e dalla conseguente foratura. 

Si è verissimo, Lewis girava col braccio di fuori alla ripartenza, ma altrettanto vero che le gomme medie sono state un chiarissimo errore, di quelli che al box avranno capito appena montate dopo pit stop. Un po’ come una scottatura. Passerà, ma ormai te la tieni. E così ha fatto, le ha tenute, curate molto bene all’inizio passeggiando (ma solo nei punti giusti) sull’1.19, gestite con esperienza e portato a casa un’altra vittoria dopo un po’ di agonia torturando in cuffia i ragazzi del muretto. Lo stesso Vettel del resto, a fine gara ha commentato: “dopo la SC era chiaro cosa stava accendendo” alludendo all’allegra passeggiata pomeridiana.

Una gara a tratti un po’ “maleducata” nel senso delle manovre cercate qua e là, alcune riuscite vedi quella a bruciapelo su Grosjean di Leclerc, altre meno, vedi sempre Leclerc su Hulk anzi sul guardrail. Si è fatto prendere la mano ma è l’indole dei giovani quella di voler recuperare tutto e subito e sinceramente mi sarei stupito del contrario perché, va bene essere più maturi della propria età però non esageriamo all’opposto. Era incazzato e ben venga.


A proposito di questo vorrei sorvolare su ciò che è successo in qualifica. Mi pare che si commenti da sè, nel senso che Binotto si è presentato con la sua solita arma, calma, ragionevolezza e lucide spiegazioni annunciando procedure che cambieranno. E molto, aggiungo. In realtà è chiaro che, alla luce di questo ultimo mese, cominciano a uscire piccoli rumors sui movimenti di cui accennavamo in GeS. Avvicendamenti se non epurazioni. Non è cosi. Ci sono in corso dei cambiamenti si, per ottimizzare le risorse, cioè dare a ciascuno il ruolo in cui è super specializzato, potenziando con nuovi arrivi quelle aree lacunose dove manca un pizzico di esperienza in più per capire al volo qualche dato.

Si parla del ritorno di Simone Resta, ci sta, ma non subito come ha detto Mattia, perché non è tanto una persona il punto risolutivo della questione. L’obiettivo è far rendere al meglio chi c’è, dedicandoli con molta più attenzione a cose . Al tempo stesso inserendo gente con esperienza F1 per lavorare sui coni d’ombra. In generale se non si costruisce un gruppo forte, solo coi fenomeni si ottiene poco.

Mi rendo conto che può sembrare un discorso poco affascinante perché si vive anche di nomi ma è la realtà. Tutto è in mano a Binotto avendo individuato le aree su cui intervenire, sulla vettura, in pista e in fabbrica. Lo vedrete. Una nota leggermente positiva c’è: per un motivo o per un altro Montecarlo non è stata poi la Caporetto che ci si attendeva quindi in Ferrari si può lavorare sodo e con un certa serenità per il Canada. Avremmo davvero bisogno come il pane di vedere qualcosa di speciale quella sera. Dopodiché, l’estate sta arrivando, chissà che non sia la stagione giusta per le novità di mercato a distogliere in parte l’attenzione da una classifica che per il momento regala solo brividi freddi.

Autore: Giuliano Duchessa @GiulyDuchessa
Foto: Mercedes - F1

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »