GP SPAGNA | ANALISI BOTTAS vs VETTEL, la telemetria è impietosa: la FERRARI SF90 ha importanti problemi nel lento - medio/lento

La quinta doppietta Mercedes in altrettante gare non può che rendere infelici non solo i tifosi ma anche i vertici stessi della Formula 1. Una F1 che ha bisogno di "variabilità", come conferma anche Toto Wolff: “Se non parlo per il ruolo che ricopro ma come tifoso ovviamente vorrei più variabilità e imprevedibilità”


Una variabilità che potrebbe arrivare con il passare delle gare secondo il Manager tedesco: “Ferrari ormai lontana? Vogliamo rimanere umili. In Formula 1 le cose possono cambiare molto velocemente”. Difficile però dir quando. E' d'accordo anche Binotto: Al momento non abbiamo un’immagine chiara. Senza dubbio i maggiori problemi li abbiamo nelle curve lente e questo potrebbe dipendere da una combinazione di vari fattori”. Poi le due frasi che stanno spaventando un po' tutti gli appassionati: "Purtroppo non abbiamo ancora una risposta […] forse potrebbe essere un problema dell’intero concetto della nostra vettura


Quel concetto aerodinamico di cui va fiero da svariati anni il Team Mercedes e che nessun Team, tranne Toro Rosso (STR12) sull'anteriore e con scarsissimi risultati, ha mai cercato di copiare. Quel concetto aerodinamico che sembra adattarsi perfettamente ai nuovi regolamenti e soprattutto ai nuovi pneumatici Pirelli, con il 25% in meno di battistrada (in realtà varia in base alla mescola scelta). Avere un battistrada più sottile significa garantire un minor movimento alla gomma ossia un minor surriscaldamento della superficie che relativamente allo spessore tolto significa avere circa 10°C di temperatura. E’ proprio per questo motivo che le finestre di temperatura si sono, in termini assoluti, spostate verso l’alto. 


Finestre che secondo Pirelli dovrebbero essere di 25-30°C in base alla mescola ma che nella realtà, almeno secondo i Team sono molto inferiori. Un Team in particolare ci ha potuto dire che a volte sono addirittura solo 5 i gradi di "Optimal Window” per la loro vettura! Oltre a ciò, la specifica 2019 di pneumatici ha una spalla ben più rigida rispetto alle specifiche precedenti che stanno esaltando le prestazioni della W10 e del suo particolare concetto aerodinamico “Low Rake”. Una manna per Mercedes che è passata dal comprendere con difficoltà le specifiche di pneumatici degli anni precedenti ad addirittura esaltarsi soprattutto nei compound morbidi. Quei compound morbidi che venivano accarezzati dai progetti Ferrari 2017 e 2018 e da quel concetto High Rake che a detta di tutti, tranne Mercedes, era la miglior soluzione. Ora si è tutto capovolto: la Ferrari (solitamente) sembra prediligere i compound più duri, come le Mercedes degli anni passati, mentre fatica sui compound più morbidi. La F1 sembra prediligere il concetto Low Rake, o, per lo meno, chi sfrutta maggiori altezze da terra posteriori ha necessità di maggior tempo per adattare completamente la vettura. Come RedBull: “Sappiamo che il concetto aerodinamico (High Rake) che abbiamo evoluto negli ultimi anni era molto sensibile alle ali anteriori […] con la semplificazione regolamentare di quest’anno sull'anteriore dobbiamo semplicemente ribilanciarlo".

Anche in Bahrain in curva la SF90 era più lenta della W10 (curva 1 soprattutto) - Grazie a Aurelio Lafortezza

Anche a Barcellona, cosi come nei primi quattro appuntamenti stagionali (l'immagine appena sopra mostra le velocità nel lento in Bahrain), sia Ferrari che Red Bull hanno patito molto i tratti lenti nei confronti di Mercedes. Il circuito da alto carico del Montmelò ha accentuato il tutto aprendo in modo impressionante la forbice tra gli ormai pluri campioni del mondo e i due Team sfidanti; confrontando la telemetria del giro di qualifica di Valtteri Bottas con quella di Sebastian Vettel, si nota come la SF90 sia riuscita a perdere oltre un secondo (1.2 secondi Vettel per la precisione) nelle 16 curve. Una vettura italiana che, con il passare delle curve, andava sempre più a scivolare e quindi a perdere quel grip necessario per fare il tempo al Montmelo. 


Nessun importante problema infatti fino a curva 4 poi sono iniziati i veri problemi con il grosso del gap raccolto tra curva 5, 7, 10, 12 e 13. La SF90 di Vettel non ha sofferto solamente sull'anteriore in ingresso e centro curva ma è arrivata anche a fine giro con le posteriori surriscaldate. Un qualcosa che nei test invernali non accadeva alla SF90 grazie a temperature più fredde. Quando si corre il Gran Premio solitamente il problema maggiore è evitare il surriscaldamento nel terzo settore sul giro secco, una difficoltà che nei test invernali non c’è a causa delle basse temperature. Questo ha permesso alla Ferrari di far segnare il suo miglior terzo intertempo in 26.1 nella otto giorni di test rispetto al 26.5 nel weekend di gara mentre Mercedes si è confermava sugli stessi livelli pur utilizzando una mescola più dura (nei test il crono era stato fatto segnare con le HyperSoft). Livelli molto alti per Mercedes anche durante i test visto il 25 alto, migliore di circa 2 decimi rispetto al crono fatto segnare dalla Ferrari. 


Sono quattro invece i decimi recuperati dalla SF90 nei confronti della W10 sui rettilinei grazie ad una Power Unit italiana leggermente più potente di quella tedesca ed a una minor resistenza all'avanzamento data da una efficienza aerodinamica migliore. Ma poco importa avere una efficienza migliore (carico aerodinamico / resistenza all'avanzamento) se il carico aerodinamico non è sufficiente. Haas, grazie agli aggiornamenti portati in Spagna, è riuscita ad incrementare il carico aerodinamico della sua vettura e di conseguenza ad allargare la finestra di lavoro degli pneumatici. Un concetto aerodinamico Low Drag per la Ferrari che potrebbe aiutare nel breve termine in circuiti come quello di Montreal o quello di Zeltweg (RedBull Ring), pneumatici in finestra permettendo.

Autore: PJ @SmilexTech

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

33 commenti

Write commenti
16 maggio 2019 15:25 delete

Wow, grazie dell analisi e in questi 2 giorni è apparso qualcosa di nuovo?

Reply
avatar
16 maggio 2019 15:37 delete

mi chiedo quindi che senso ha fare test invernali quando poi la maggior parte della stagione si corre con temperature ben piu elevate

Reply
avatar
16 maggio 2019 15:41 delete

"Oltre a ciò, la specifica 2019 di pneumatici ha una spalla ben più rigida rispetto alle specifiche precedenti che stanno esaltando le prestazioni della W10 e del suo particolare concetto aerodinamico “Low Rake”. Una manna per Mercedes che è passata dal comprendere con difficoltà le specifiche di pneumatici degli anni precedenti ad addirittura esaltarsi soprattutto nei compound morbidi."

Ma tu guarda IL CASO!!! Mi viene in mente il brano di elio "Ti amo campionato" :D

Reply
avatar
16 maggio 2019 16:02 delete

Quindi speriamo che nelle prossime 16 gare piova!! Temperature basse = Ferrari veloce :)

Reply
avatar
16 maggio 2019 19:22 delete

Il surriscaldamento delle posteriori credo sia dovuto al fatto che la SF90 riparte a velocità molto più bassa dalle curve lente, aumentando quindi il tempo in cui c’è lo sforzo di trazione. Un po’ come dire, è la conseguenza della bassa velocità di percorrenza delle curve. Ho come la sensazione che il centro di pressione aerodinamico sia troppo indietro, oltre ad una sospensione anteriore più rigida. Questo comporta un cronico sottosterzo che rende la macchina molto stabile (infatti è molto più bella da vedere al limite rispetto alla Mercedes) ma ahimè più lenta.

Reply
avatar
16 maggio 2019 20:08 delete

Non voglio immaginare a monacp e a singapore come saremo messi...A detta dell'articolo penso che il problema sia proprio il concetto di macchina della SF90 perché anche con gli aggiornamenti abbiamo pagato tanto come a Melbourne. Non ci rimane che aspettare che arrivino circuiti veloci almeno vedremo una Ferrari competitiva.

Reply
avatar
16 maggio 2019 21:05 delete

Salve.
Una domanda, magari non in linea con l'articolo (perfetto), e relativa ai test svolti martedì e mercoledì: la Ferrari ha portato in pista la nuova sospensione anteriore e la rivisitazione di quella (idraulica) posteriore, oppure no?
Grazie.

Reply
avatar
16 maggio 2019 22:55 delete

io credo che purtroppo la nostra macchina è nata male e stanno cercando di maschere tutte le magagne che ha, e credo che bisognerà già pensare al prossimo anno magari con un altro pilota al posto di vettel

Reply
avatar
16 maggio 2019 23:13 delete

Io penso che ci dobbiamo dare al ippica

Reply
avatar
17 maggio 2019 08:04 delete

Temo che la Mercedes vincerà tutte le gare della stagione. È praticamente senza rivali, purtroppo.

Reply
avatar
17 maggio 2019 09:07 delete

Abbiamo perso due campionati per probabile colpa dei piloti, questo sembra per la macchina...

Reply
avatar
17 maggio 2019 09:55 delete

Insomma guarda caso le scelte Pirelli vanno verso pneumatici che prediligono il low rake, le scelte della federazione altrettanto!. Se questa non è politica!

Reply
avatar
M&M
17 maggio 2019 10:35 delete

Fosse solo il battistrada più basso! Pressioni più alte e soprattutto termocoperte con temperature più basse, quando l'anno scorso Mercedes le doveva togliere. Sono stati accontentati su tutto. Ora voglio vedere il primo della FIA che si lamenta per il poco spettacolo. A me per esempio danno già fastidio le lacrime da coccodrillo di Toto Wolff (nulla da dire per carità sulle capacità eccezionali del personaggio). Mercedes a parte sarebbe un bel campionato combattuto ed equilibrato

Reply
avatar
17 maggio 2019 12:03 delete

Ma perché non la smettete di dare la colpa a vettel pensi che con Hamilton o leclerc alla guida vinci siii realista e colpa della macchina non dei piloti ignorante

Reply
avatar
17 maggio 2019 13:02 delete

Spiace ma Ferrari ormai in Fia non conta più un cazzo .....Mercedes fa quel che vuole che pena

Reply
avatar
17 maggio 2019 13:28 delete

Se fosse ancora in vita Ferrari penso che la f1 l'avrebbe lasciata già da 10 anni.troppa politica a favore della Mercedes,

Reply
avatar
17 maggio 2019 15:15 delete

Di questo passo la vera sfida e tra i piloti mercedes.. la vera delusione e per noi tifosi ferrari

Reply
avatar
17 maggio 2019 16:01 delete

Io credo che i problemi della Ferrari di questo anno dipendano dalle Sospensioni anteriori troppo rigide e dalle regolazioni di Camber oltre che dal Telaio! Infatti Red Bull e Mercedes hanno sviluppato sospensioni anteriori più sofisticate della Ferrari,non a caso sul bagnato vanno molto più forte di noi!

Reply
avatar
17 maggio 2019 18:03 delete

Quest anno il campionato tristemente per la Ferrari e finito già al primo grand premio d australia, credo che in Ferrari il problema più grande sia lincompetenza degli ingegneri e tecnici la chiave sia da attribuire solo ed esclusivamente a questo aspetto, perché se no da oltre 10 anni l’ultimo mondiale vinto fu il lontano 2007 si sarebbero recuperati i vari gap tra prima Red Bull e poi Dopo Mercedes, invece la Ferrari in questi 12 anni non solo a arrancato ma addirittura peggiorato le prestazioni della vettura rispetto ai concorrenti e con un badget così alto credo che il problema sia solo ingegneristico, non credo sia solo il periodo e gli anni delle Mercedes che finiranno un ciclo, se si va avanti così credo che Ferrari in futuro verrà anche superata da Red Bull. Gli ingegneri solo la chiave di tutto e basta e inutile chiacchierare d altro...

Reply
avatar
17 maggio 2019 18:58 delete

Certo che il livello è altissimo Mercedes non ha mai un problema una schiacciasassi io vorrei ancora vedere un gp in un circuito veloce oltre 220 di media prima di dare la Ferrari spacciata.Montecarlo non fa testo.

Reply
avatar
17 maggio 2019 19:28 delete

Purtroppo questo e il periodo della mercedes.non dimenticate che ci sono sempre stati. nel passato 4 o 5 anni vinceva la meclare.poi vinceva la villiams poi vinceva la ferrari.adesso vince la mercedes.ma state tranquilli che finirà anche per loro.non dimenticate che hanno preso anche Schumacher.senza riuscire a vincere.quindi.bisogna havere pazienza.

Reply
avatar
17 maggio 2019 23:28 delete

Sicuramente non si parla più dei buchi legali e illegali dello scorso anno , la Mercedes vinceva quando li adottava poi diventava normale o inferiore quando non li montava più, penso che la Pirelli abbia dato tante informazioni alla Mercedes, ricordate quando veniva doppiata ? ED COME PER INCATO DOPO DUE GARE DAI TEST TORNAVA AD ESSERE COMPETITIVA ? Qualcosa puzza .

Reply
avatar
17 maggio 2019 23:31 delete

La Ferrari deve prendere Hamilton !!!!

Reply
avatar
18 maggio 2019 00:23 delete

Prenditelo tu Hamilton a casa tua! Io in Ferrari quello li non lo voglio! Che vada a fare lo stilista quel scemo!

Reply
avatar
18 maggio 2019 00:26 delete

Credo che in mercedes lavorino 1000 persone,e provino soluzioni sulle berline, e poi dirottino i risultati.

Reply
avatar
18 maggio 2019 00:28 delete

La ferrari purtroppo e lenta nelle curve medio-lente, il potenziale lo ha nel rettilineo, toccondo anche 15 km/h più delle altre, ciò non basta, le gare in formula1 si vincono nelle curve. Nonostante tutto forza Ferrari e continua a lottare shumi!

Reply
avatar
18 maggio 2019 03:22 delete

Ma va la... Sempre a piangersi addosso.... Deve lavorare basta... Prendere hamilton... Lui indica la strada da seguire per come deve essere una monoposto vincente.... Ovvio deve guidarla non...... 😁 Forza LEWUISSSSS

Reply
avatar
18 maggio 2019 09:30 delete

Ce troppa tecnologia basta un niente per vincere o perdere.questa ventata cambiera.non dimenticate che ci havevano rubato alcuni documenti alcuni anni fa la mercedes perche non vincevano.pagando una multa salata.andate a vdere

Reply
avatar
18 maggio 2019 14:57 delete

Per me è tutta una farsa d'ora prima era la Ferrari a vincere ai tempi di Schumacher ora qualcosa non torna in Ferrari non è che dal oggi al domani la mercedes è diventata forte dai ancora a credere nelle favole

Reply
avatar
18 maggio 2019 19:46 delete

In Ferrari hanno tutto il tempo ed il budget per rifare la vettura laddove è carente, ossia nel carico aerodinamico. L'obiettivo quest'anno sarà riprendere e chiudere il gap prestazionale con le Mercedes. Adesso vedremo la vera forza di reazione e quanto vale realmente lo staff tecnico diretto da Binotto, prendendo come metro di paragone quello che hanno fatto in Mercedes negli ultimi 2 anni. Ossia, quando si presenta un problema serio, in Mercedes viene risolto da un gran premio all'altro rivoluzionando ed aggiornando la vettura. Se neppure quest'anno arriverà il titolo, almeno questo impegno la casa di Maranello deve portarlo a termine, per rispetto della sua storia e per i suoi tifosi!!

Reply
avatar
20 maggio 2019 13:03 delete

qualcuno ha notizie delle sospensioni magnetiche della mercedes? La supremazia nelle curve lente della mercedes parte da singapore dell'anno scorso, si parlo' molto di sospensioni magnetiche, sapete se c'e' qualcosa di vero?

Reply
avatar