Mattia Binotto non molla: “ci sentiamo assolutamente in lotta per il mondiale..."


Archiviato Il round numero quattro del mondiale di Formula Uno 2019 la scuderia Ferrari sembra essere smarrita, ed incapace di massimizzare il pacchetto a sua disposizione. Fin dai test pre-stagionali si è parlato tantissimo delle potenzialità della SF90, e della "presunta" competitività da sbloccare che secondo molti sarebbe altissima.

Senza fare voli pindarici possiamo dichiarare che il progetto di Maranello si attesta su di un buon livello, anche se guardando allo strapotere Mercedes che in nonchalance firma la quarta doppietta stagionale consecutiva, sembra risultare ben poca cosa. Uno dei problemi per i tecnici in rosso risiede nella scarsa gestione della squadra, completamente inefficiente nell'azzeccare una strategia cosi come inadatta per valorizzare le qualità tecniche e umane del team.

Messi alle spalle solamente quattro Gran Premi forse è troppo presto per attaccare Mattia Binotto e compagnia, anche se di una cosa si può francamente essere già certi. Se la Ferrari non si sveglia prontamente mettendo da parte le belle parole lasciando lo spazio ai fatti, il mondiale potrebbe essere seriamente compromesso a dispetto dell’ancora lungo calendario da disputare.


Il team principal del Cavallino dopo un altro fine settimana troppo pasticciato cerca di analizzare le cause dell’insuccesso, dividendo le motivazioni dell'esito non all'altezza in vari momenti del week-end, ricordando l’estrema forza sciorinata fino ad oggi del team di Brackely

Che la Mercedes fosse molto forte lo sapevamo fin dai test invernali a Barcellona, e lo avevamo sottolineato in varie occasioni. Detto questo a Baku le nostre aspettative erano ben altre. La vettura nella qualifica di ieri avrebbe potuto fare meglio, perché un conto è partire davanti ed un altro dietro...ci siamo complicati la vita. Inoltre non ci sono state tante opportunità, speravamo magari in qualche Safety Car che non è arrivata. Comunque oggi loro [Mercedes] sono stati più veloci e non abbiamo mai avuto il ritmo per attaccarli anche son Sebastian. Non ci resta che analizzare i dati per capire i punti deboli e cercare di migliorarli”.

Certamente con due vetture nei primissimi posti la scelta delle strategie sarebbe stata più semplice, ed il ventaglio di possibilità per mettere in difficoltà le frecce d’argento molto più ampio, come conferma Mattia con le sue parole.

Sicuramente essere davanti con entrambe le monoposto aiuta anche per l’utilizzo delle gomme, mentre quando si è nella mischia risulta sempre tutto più difficile. Si è visto anche con le difficoltà di Hamilton nel tentare di attaccare Bottas... stare dietro è dura per tutti. È vero che ci sono le piste come queste dove è molto più semplice superare, ma essere davanti in questi casi rende tutto sempre più facile”.

Malgrado i risultati non all’altezza delle aspettative nel team italiano in futuro non cambieranno le cose, essendo a Maranello convinti che il percorso intrapreso sia quello giusto.

Il modo di lavorare è sempre quello... cercando però di migliorare se stessi, capire i punti deboli e cercare di andare oltre. Dovremmo spingere su qualche scelta per riuscire ad essere più aggressivi nello sviluppo”.


Parlando della prova di Leclerc il boss della Ferrari crede che il monegasco abbia disputato una bella gara, nonostante nei primi giri gli pneumatici Medium lo hanno fatto soffrire un po.

Nel primo stint di gara Charles era avvantaggiato per via delle gomme con un minor degrado. Ha fatto comunque una bella gara e con calma analizzeremo tutti i dati. Partendo ottavo ha perso qualche posizione al via per colpa dei compound più duri, ma poi è stato bravo a recuperare”.

Le gomme sono uno dei fattori più importanti nella Formula Uno moderna, e di conseguenza le vetture che riescono a interpretare al meglio le coperture automaticamente godono di un plus.

Come sapevamo, gli pneumatici rossi già ad inizio gara non hanno funzionato bene dimostrandosi molto fragili sotto l’aspetto dell’usura. Abbiamo pertanto anticipato la sosta di Charles rispetto a quello che erano i piani, anche perché dopo essere stato superato dalle Mercedes ha perso un po di ritmo risultando più lento. Senz’altro i compound non sono certo di facile comprensione, e durante la gara hanno un ruolo nettamente determinante. Per questa semplice ragione bisogna essere in qualche modo bravi ad interpretarli”.


Per concludere l’analisi della giornata Mattia da uno sguardo al futuro, avendo molto chiaro il cammino da intraprendere sapendo che tuttavia la lotta offre ancora molte opportunità, con le quali il team italiano potrebbe rientrare prontamente in gioco.

Lo spirito in Ferrari è buono e c’è tanta voglia di far bene e di vincere lavorando in modo unito, essendo secondo il mio parere la ricetta giusta per il successo. Certamente in questa prima fase della stagione speravamo di essere più competitivi, ma per vari motivi non ci siamo riusciti. Ciò nonostante rimangono ancora tante le gare per dimostrare quello che possiamo valere. Ci sentiamo assolutamente in lotta per il mondiale...sono passate quattro gare e abbiamo altre diciassette opportunità per dimostrare di essere bravi. Non facciamo calcoli mondiali, e gara dopo gara cerchiamo di fare il meglio per portare a casa dei buoni risultati per noi stessi e per tutti i tifosi che se lo meritano, esattamente come i nostri piloti”.

Autore: Alessandro Arcari @BerrageizF1
Foto: Ferrari

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

8 commenti

Write commenti
28 aprile 2019 20:03 delete

Se ieri la scelta non era da contestare (parlo della scelta delle gomme "gialle" in Q2), oggi è tutto da contestare. Forse Binotto vuol nascondere, che la scelta di far rientrare così tardi Leclerc sia frutto della volontà di far arrivare a podio certo il caposquadra? Non si può spiegare diversamente il richiamare così tardi per il cambio gomme, perdendo un abisso di tempo. Aggiungiamo: come mai Leclerc riesce sempre ad essere più veloce di Vettel? Siamo così sicuri che il problema "Rosso" risiedeva nella "gestione Arrivabene" e nel motorista Sassi?

Reply
avatar
28 aprile 2019 21:19 delete

Ma che gara ha visto Binotto? Facile nascondersi dietro l'incidente di Leclerc.Vettel è l'ombra dello schiacciasassi degli anni "facili" in RB e da parte mia ritengo un errore madornale l'aver regalato Simone Resta all'Alfa Romeo. Sono l'unica squadra ad avere un responsabile unico per area tecnica e gestione del team..mah.

Reply
avatar
29 aprile 2019 00:07 delete

Campionato strano per tanti motivi:
1 Bottas che sembra poter vincere al pari di Hamilton
2 Mercedes e Bottas che alle vittorie esultano in modo molto blando e contenuto
3 la Ferrari che davanti alle disfatte sembra tranquillissima
Qui gatta ci cova, non mi meraviglierei se dopo Barcellona il campionato cambiasse completamente con protagonisti Ferrari e Red Bull

Reply
avatar
29 aprile 2019 07:52 delete

non si puó spiegare diversamente? le rosse non andavano e le bianche non le conosceva nessuno aveva senso tirare più possibile con le gialle e aspettare una safety per il pit, ma anche con la safety il passo leclerc non lo aveva comunque Pensa..i 2 mercedess con 40 giri sulle gomme ancora facevano giri veloci, non c’ era degrado sulle gialle, a fine gara leclerc era quasi al pari condizioni di mercedess e prendeva un secondo al giro...ergo non aveva passo ergo se parti dietro e non hai passo non combini nulla. Sarebbe arrivato davanti a Vettel solo fosse partito davanti a lui, ieri erano lenti uguali.
e quando mai ieri leclerc è stato più veloce di vettel se non con gomme diverse?? allora anche vettel è stato più veloce di leclerc quando leclerc ha montato le rosse nuove mentre vet andava con le gialle vecchie di 30 giri no? non riusciva a lontanarsi nemmeno da gasly...porca eva gente

Reply
avatar
29 aprile 2019 09:08 delete

Insisto su quanto da me gia' detto nei mesi scorsi: NON SI PUO' FARE CONTESTUALMENTE IL DIRETTORE TECNICO DELLA FERRARI ED IL TEAM MANAGER. Binotto dovrebbe capirlo. La crescita della macchina da questa situazione sembra rallentata!

Reply
avatar
29 aprile 2019 09:38 delete

Dite la verità !!in realtà non riuscite a fare arrivare il vostro punto forte (motore) in fondo alla corsa al massimo della potenza ... Le gomme sono una scusa Leclerc aveva una specifica più spinta di Vettel e intorno al 32 giro avete tolto un po' di potenza come in barhein . Spero che in Spagna finalmente siete a posto

Reply
avatar
29 aprile 2019 13:00 delete

Ma Lo volete capire che la Mercedes ieri stava passeggiando
Appena hanno voluto si è creato il vuoto dietro
Anche quest'anno si vince il prossimo
Continuerò a guardare la corse ma non mi farò più il sangue amaro
Questi sono un'armata invincibile

Reply
avatar
29 aprile 2019 13:01 delete

Aspetta e spera
Anch'io vorrei fosse così ma la realtà dice che non siamo all'altezza dei crucchi

Reply
avatar