GP CINA - KIMI RAIKKONEN: " La C38 ha un buon potenziale"


"Volevo avere un casco aperto, ma c'erano alcuni problemi dal punto di vista del regolamento!"

Questa battuta di Kimi Raikkonen è soltanto una delle tante che ha fatto Iceman nel corso della conferenza stampa. Il pilota finlandese ha dato risposte su tutto, passando dalla questione sigarette alla competitività della sua C38Questo weekend si correrà la millesima gara di Formula Uno, e per celebrare tale evento i piloti hanno raccontato come si sono avvicinati al mondo delle corse. 

Ecco il racconto di Kimi...

"Si', non so che anno e' stato, ma e' stato molto tempo fa, negli anni '80, questo e' certo. Penso che i primi ricordi che ho sono collegato ad una delle ultime gare di Keke (Rosberg, ndr.), che era finita con una foratura per il pilota finlandese in pieno rettilineo; non mi ricordo bene dove si stesse svolgendo la gara, forse ad Adelaide. Comunque, ovviamente stavo tifando per i piloti finlandesi, ma non pensavo che un giorno sarei diventato un pilota; forse ci credi di più quando inizi a correre con i go kart, ma per fare il salto di qualità sono necessari molti soldi. Forse ho creduto un po' di più quando ho avuto l'aiuto dei miei manager e poi sono arrivato a correre con le auto di Formula. Immagino fosse un sogno."

Subito dopo il pilota del team Alfa Romeo Racing ha parlato anche della sua monoposto, e dei suoi obiettivi stagionali.

"Non ho obiettivi, quindi è piuttosto difficile cambiarli. Non posso parlare dell'auto dell'anno scorso (la C37). Ovviamente ho fatto un test ma è una pista, quindi da parte mia è difficile dire cosa sia meglio su questa vettura rispetto a quella dello scorso anno, ma sicuramente hanno fatto un buon lavoro durante l'inverno, dalla vettura che ho guidato ad Abu Dhabi nel test gomme a quella che abbiamo ora. Ovviamente ci sono ancora molte cose da migliorare, ma in generale penso che sia un pacchetto abbastanza buono, solido."


Quest'estate Kimi Raikkonen infrangerà il record del maggior numero di gare disputate in carriera in F1, e ci ha spiegato a modo suo come riesce ad essere motivato ancora oggi.


"Non lo so bene. Non faccio cose particolari per motivarmi. Ultimamente per me è diventato più un hobby che altro e probabilmente è per questo che è di nuovo più divertente, quindi, sì, cerco sempre di fare il meglio possibile. Alcuni giorni va un po' meglio di altri, ma è così quando si corre. Alcuni giorni è un po' più difficile di altri. Non è mai stato un problema. "

Si parla infine della questione sigarette, e di tutte le polemiche che ci sono state.

"No, non ho problemi. Mio figlio vede le pubblicità di alcool e sigarette,ma non penso che queste influenzino le sue scelte."







Share this

Related Posts

Previous
Next Post »