FORMULA E / ROME E-PRIX: La "all electric racing series" sbarca nella città eterna...


Dopo sei eventi disputati nella quinta stagione di Formula E tuttavia regna l’incertezza, con ben 6 vincitori differenti in altrettante manifestazioni. Senza dubbio la passata edizione del Rome E-Prix è stata un vero successo, capace di entusiasmare gli spettatori soprattutto grazie all’azzeccatissima location. La capitale italiana pertanto ospiterà il secondo evento della sua storia a sud della città, nel quartiere Esposizione Universale di Roma.

Nella giornata di domani l’E-village aprirà i battenti alle ore 12, ospitando gratuitamente tutti i fan nell’area dedicata. Fiore all’occhiello della giornata sarà la sessione di autografi dove si potranno incontrare i piloti, accedere al buffet e cimentarsi con i simulatori. Inoltre alcune marche tra le quali BMW, Audi, Jaguar e Porsche metteranno a disposizione le proprie vetture elettriche per dispitare dei test drive.

Più tardi i team universitari di Formula Student scenderanno in pista per esibirsi con le monoposto elettriche realizzate dagli studenti stessi, mentre dopo la consueta e-parade che si svolgerà alle ore 18, gli spettatori dotati di monopattino, segway o qualsivoglia altro mezzo elettrico o eco-sostenibile potranno disputare un giro della pista. Per concludere in bellezza la prima giornata del Rome E-Prix ecco il concerto musicale, che prenderà il via dalle ore 20 con l'iconica ubicazione nella zona podio.

- Layout

Come detto in precendenza il circuito si sviluppa nella splendida cornice attorno alle antiche rovine di Roma, dove le monoposto di seconda generazione sfrecceranno lungo le strade della prestigiosa zona dell’Eur nell'imponente Piazzale delle Nazioni Unite, nel tentativo di conquistare la vittoria finale.

Il percorso studiato dall’organizzazione prevede una lunghezza pari a 2.840 km comprendente 21 curve (10 a destra e 11 a sinistra), presentando un asfalto con un livello medio di abrasione. Il tracciato dell’E-Prix di Roma è come risaputo molto impegnativo, con una superficie accidentata ed inclinata ed un livello tecnico molto alto. Solitamente la pista offre poco grip, quindi un corretto bilanciamento della vettura abbinato alla gisuta curva di coppia del propulsore sarà essenziale.


Osservando l’immagine anteriore possiamo notare come il layout comprenda molte curve a 90 gradi tipiche dei circuiti cittadini, con zone strette e tortuose. Poche rette e di breve durata non offrono grandi possibilità di sorpassi, anche se in vari punti del circuito c’è la possibilità di sferrare l’attacco al proprio avversario.

- Attack zone

Per il settimo round del campionato mondiale di Formula E, la zona di attivazione dell’Attack mode, posizionata in uscita di curva 6, sará come sempre capace di creare situazioni molto interessanti. Senza dubbio questa modalità che tutt’oggi fa molto discutere renderà ancora più avvincente la gara, regalando un impulso di potenza extra capace di creare spettacolo in pista.

- Orari per l’Italia

Dopo la prima parte del campionato dove per via del fuso orario lo spettatore italiano ha dovuto spesso adattarsi, in questo caso ovviamente si gioca in casa. Lo sviluppo giornaliero delle sessioni è come sempre molto frenetico, regalando pause corte tra le varie sessioni. 

Ecco la tabella completa per seguire tutto l’evento senza perdersi un solo istante…


- Conclusioni

Oramai sembra quasi banale ricordarlo, ma inconfutabilmente Season 5 non tradisce mai quando si tratta di regalare grandi trepitazioni agli spettatori. Con sei vittorie che portano il nome di altrettanti piloti con differenti scuderie, il biglietto da visita lanciato dalla categoria risulta forte e chiaro. Durante qualifiche e gara gli equilibri sono minimi, e per questa semplice ragione ogni piccola distrazione può veramente costare cara ai piloti.

Insomma, ancora una volta Buona Formula E a tutti…

Autore: Alessandro Arcari - @BerrageizF1
Foto: ABB Formula E

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »