TEST F1 / GIORNO 7 – FERRARI SF90: tre nuovi deviatori di flusso sul fondo per incrementare l’efficienza del posteriore

0

Leclerc molto pimpante nelle prime simulazioni di qualifica (se cosi si possono definire, essendo pur sempre test da cui difficilmente si estrae il 100% della vettura) effettuate nell’ultima ora della sessione mattutina dalla Scuderia italiana. Il crono più interessante è sicuramente il 17.2 sulla mescola C2 (ex Medium), poi abbassato al 17.0 sul compound C4 e al 16.2 sulla ipotetica HyperSoft (C5). 

Questi crono sono stati tutti fatti segnare utilizzando la nuova specifica di fondo montata sulla SF90 nelle ore centrali della odierna sessione mattutina. Un fondo piatto che presenta ora tre deviatori di flusso nella zona davanti agli pneumatici posteriori utili a gestire il vortice Y250 in arrivo dall’anteriore della vettura. Ricordiamo che questo vortice si stacca nella zona di collegamento tra la parte neutra dell’ala e quella interna di mainplane e flap superiori e percorre lateralmente tutto il corpo vettura e permette alle turbolenze in uscita dalle ruote anteriori di non interferire con il fondo vettura creando una sorta di minigonna aerodinamica che sigilla il flusso d’aria passante al di sotto la vettura. Seconda funzione, ma non per importanza, è quella relativa alla gestione del tyre squirt, ossia di quelle turbolenze generate dalla rotazione e dalla deformazione degli pneumatici posteriori che incidono in modo importante su una possibile riduzione nelle prestazioni (efficienza) del diffusore. Da notare come Ferrari abbia inoltre eliminato la lunga soffiatura davanti alle ruote posteriori inserendo invece un piccolo gurney flap. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui