Antonio Giovinazzi elogia la sua C38: "La macchina è nata bene"



Uno degli esordienti di questa stagione di Formula 1 è Antonio Giovinazzi.

Il pilota italiano affiancherà Kimi Raikkonen nel team Alfa Romeo Racing dopo anni di gavetta come terzo pilota Ferrari.

La sua prima uscita durante i test pre stagione a Barcellona è stata molto convincente, e questo si deduce anche dal sorriso smagliante che ha a fine giornata. Un quinto posto con 1:19.312 con gomma C4 (101 giri all'attivo).

Antonio Giovinazzi comincia il suo resoconto della giornata dicendo che oggi la performance è stata messa un po' da parte, prediligendo un lavoro basato sui long run




"Ho dovuto fare dei push da 10-11 giro l'uno, perché al team servivano dei dati di quel genere. La performance è stata messa un po' da parte. Nel pomeriggio sono stato di più al box rispetto al previsto per delle modifiche alla vettura. Era tutto calcolato."

Il pilota italiano parla anche della sua C38, facendo anche un confronto con la C37:

"E' stato un bello step in avanti. L'ultima volta che ho provato la monoposto del team Alfa è starà ad Abu Dhabi (la C37). Con il cambio di regolamento la vettura è molto diversa, ma certamente è nata bene. Logicamente domani migliorare, e questo dovremmo farlo in queste due sessioni di test. Abbiamo provato molte cose e sono tutte risultate molto positive."


Il team Alfa, insieme a quello Ferrari, hanno portato in pista un'ala anteriore molto estrema che sembra funzionare bene.

Giovinazzi, però, parla anche della scia con la nuova ala anteriore:

"Sono stato dietro Pierre (Gasly, ndr.). Sinceramente non è molto semplice stare dietro; non se se derivi dal fatto che fossi dietro alla Red Bull o meno. Bisognerà vedere come andrà con i sorpassi, ma al momento non è stato facile."

Il pilota di Martina Franca spiega così gli obiettivi della stagione:

"L'obiettivo è difficile dire quale sia, perché dobbiamo prima scoprire quale sia il vero potenziale della macchina e la vera forza degli avversari. Il mio obiettivo, al momento, è quello di migliorare giorno dopo giorno. Sicuramente ho di fianco a me un maestro.Oggi è il mio primo giorno da pilota ufficiale, di conseguenza tutto ciò che faccio deve essere finalizzato a migliorare la mia macchina, e con Kimi dovremmo fare un gran lavoro di squadra."






"Non guarderò ai risultati che ha fatto Charles. Dovrò concentrarmi su me stesso, prendendo come riferimento Kimi (specialmente nell'utilizzare la sua telemetria)"

Il pilota italiano esprime un suo parere anche sulle nuove gomme:

"Sulle gomme non posso dire molto, perché le temperature sono basse. Per dirvi di più dovrò svolgere altre giornate di test"


Share this

Related Posts

Previous
Next Post »