TEMPORADA 2019 - MERCEDES W10: Misma distancia entre ejes y un gran trabajo realizado en la unidad de potencia...

Add Comment

El cambio del reglamento obligó algunos equipos a pensar desde cero los conceptos macro aerodinámicos de los autos de la temporada pasada. Entre los team que no tendrán que realizar cambios importantes en la plataforma aerodinámica, sin duda está Mercedes, que ya desde diferentes años apostó para una larga distancia entre ejes y un bajo nivel de "rake", soluciones que deberían encajar perfectamente con el reglamento técnico 2019.


El Mercedes W10 mantendrá la misma distancia entre ejes del W09, y será una clara evolución del auto que entregó al equipo de Brackley el mundial de constructores y aquel de pilotos.


A pesar del utilizo de un tanque más grande (+5 kg en comparación con 2018), los ingenieros alemanes han logrado mantener la misma distancia entre ejes de las últimas dos temporadas, resultando sin duda la "más larga" del Circus. Recordemos que, aunque no sea el caso de Mercedes, el alargamiento de la distancia entre ejes no será una consecuencia directa del aumento del tamaño del tanque de gasolina, sino solo una adaptación a las nuevas reglas aerodinámicas que favorecen un macro concepto en comparación con otro. Algo que evidentemente como dijimos Mercedes no necesita.


MERCEDES W10 2019: el flujo de aire continuará con su recorrido externo al morro

El “morro” mantendrá la misma filosofía vista sobre los dos últimos autos de la escudería de Brackley, que comprende una nariz muy estrecha que permitirá al auto de llevar un mayor flujo de aire hacia el exterior de los pilares del soporte del alerón delantero.


Un camino ciertamente más "complicado", tanto que en las últimas temporadas nadie ha logrado replicar esta solución (sin duda resulta mucho más fácil llevar aire hacia el área de T-tray, guiándola a través del la parte interna de los pilones del ala, o incluso a través de canales estudiados "ad hoc" como en el caso de Force India Mclaren), ya que el único team que lo intentó (Toro Rosso) dio un paso atrás regresando enseguida a una especificación de nariz más clásica.


MERCEDES W10 2019: atención al desarrollo en las zonas laterales del cockpit detrás del alerón delantero

Debido al nuevo reglamento que simplifica mucho el ala anterior de los monoplazas, Mercedes está trabajando duro sobre importantes desarrollos en el área de los "colmillos", que el team alemán presentó en el lugar de los turning vanes durante el Gran Premio de España de 2017.


Estamos hablando de una zona no muy limitada por el reglamento técnico 2019, y por esta razón la imaginación de los distintos proyectistas podría ser muy imponente en la gestión de los flujos. Recordamos que desde el alerón frontal spec 2019 desaparecerán los upper flaps, el ahora famoso túnel externo y los diferentes perfiles internos y externos a los end plates. El alerón por lo tanto no podrá tener más de cinco elementos distintos además de formas arqueadas y acentuadas (máximo 15°) en los end plates, siendo ahora casi completamente definidos por la FIA. Más allá de eso, el número máximo de los desviadores de flujo que se colocarán por debajo del ala será igual a dos.


MERCEDES W10 2019: el equipo alemán no copiará la solución de Ferrari en el área de los sidepost, incluso si …

En el área de los pontones, continuará el trabajo realizado la temporada pasada con el objetivo de miniaturizar aún más las entradas de ventilación de los radiadores, y hacer que la parte central y terminal de los vientres sea más estilizada en comparación con el W09.


De tal manera que los técnicos alemanes usaran una posición "clásica" de los conos anti-intrusión, y no copiarán completamente (como hicieron muchos otros equipos) lo que Ferrari trajo a la pista hace dos temporadas, Red Bull incluido. Sin embargo, no nos deben confundir las imágenes que Mercedes enseñó hace un mes en Instagram, donde se vieron Hamilton Bottas dentro de lo que para muchos era el cuerpo del W10. En realidad, los dos pilotos estaban probando algunos accesorios dentro del cuerpo 2018 (W09).


MERCEDES W10 2019: a nivel suspensivo habrá mejoras en comparación con 2018

Hablando de mecánica podemos decir que no habrá grandes novedades, sino adaptaciones a nivel de geometría y mecanismos de las suspensiones confirmadas en su versión totalmente hidráulicas, aunque si en la última temporada crearon algunos problemas con los neumáticos, luego brillantemente resueltos en la segunda parte del mundial.



Sin duda se seguirán utilizando las tanto habladas llantas de la discordia que la FIA, aunque haya aclarado la situación para limitar la proliferación de soluciones aún más agresivas en esta área, no prohibió durante los meses de invierno.

MERCEDES W10 2019: mucho trabajo en la unidad de potencia para tratar de recuperar caballos al motor Ferrari

Mercedes comenzó a trabajar en los meses de verano del año pasado en la nueva power unit, para lograr cerrar la brecha de potencia sufrida con el team de Maranello, especialmente en la configuración de clasificación.


Se esperan muchas innovaciones conceptuales para el motor incluso si, hablando con personas cercanas al equipo alemán, Cowell y su personal no creen que podrán alcanzar el nivel de Ferrari por lo menos en las primeras carreras del año. Un gap que Mercedes espera cerrar, gracias al chasis y a la bondad mecánica de su monoplaza.


redactor: Cristiano Sponton @spontonc
traductor: Alessandro Arcari @BerrageizF1

STAGIONE 2019 - VENGO DOPO IL GP #0: la sfida nella sfida Vettel - Leclerc potrà rendere molto "accattivante" la prossima stagione

Add Comment

di Giuliano Gemma (@GiulyDuchessa)

Non mi è mai dispiaciuta l’atmosfera invernale che precede la carrellata di presentazioni più o meno sobrie delle nuove vetture di F1, per poi gustarle una dopo l’altra come ciliegie. Per il vero appassionato è forse il momento più sacro, una rinascita, nel senso che tutto si azzera, vittorie e delusioni, in cui ogni aspettativa è lecita. Per il tifoso di qualsiasi team è il momento in cui sognare, per i tecnici è quello di spiarsi con un occhio “presuntuoso”; infine, per i piloti c’è la fretta di "saltar su", sperando di avere una vettura migliore di quel che osavano credere. Insomma, ancora fuori da ogni polemica, la definirei un’attesa bella e “pulita”. 


L’inverno come avete visto non ci ha annoiato e ci sta regalando diverse clamorose novità, alcune sono tuttora in evoluzione, e direi determinanti per gli equilibri poiché riguardano il team più importante. Nel dettaglio su questo ne hanno parlato già Mariano (@MarianoFroldi) e Nicoletta (@Nikifloris) con i loro articoli pubblicati su queste pagine. 

Tornando invece alle presentazioni, può sembrare strana quella annunciata come molto asettica e minimal dal team campione del mondo, sempre favorito d’obbligo, cioè Mercedes AMG con la sua nuova W10. La sensazione al riguardo è che c’è un motivo piuttosto preciso, alla faccia del narcisismo, cioè che visto il cambio regolamentare piuttosto significativo, i tecnici di Bracley vogliano mostrare il meno possibile le scelte tecniche più visibili adottate. 


Nel complesso il 2019 è già ricco di temi trasversali, intanto scoprire a che punto sia il binomio RedBull - Honda, e se i giapponesi, sfruttando anche crudelmente Toro Rosso come “cavia”, si dimostreranno finalmente una carta vincente per Verstappen e Gasly, coppia secondo me giovane ma eccezionale o se Renault servirà la sua vendetta al team inglese e per mano di Ricciardo! 


Altre due squadre che potremo confrontare e valutare saranno Haas e Sauber Alfa Romeo; un po’ perché ovviamente hanno la stessa Power Unit (Ferrari 2019), un po’ perché a me sembra che potrebbe esserci un sorpasso definitivo in termini di performance. Dobbiamo considerare che a Hinwil hanno posizionato molto budget per il 2019 e il gruppo di Simone Resta potrebbe mostrarci una certa creatività tecnica, motivo per cui Kimi Raikkonen ha accettato pare con molto ottimismo (nei limiti di ciò che realisticamente si può aspettare, magari quarta / quinta fila costante, che non è per nulla poco s’intende).

Un bel punto interrogativo di curiosità lo metto sulla Racing Point anche Force India (in attesa di un nuovo nome e una nuova livrea) perché ha sempre dimostrato di saper ottimizzare le risorse e inventarsi una macchina solida, ma ha anche accusato alcuni cambiamenti non proprio sereni, tecnici e non solo, che a mio avviso potrebbero mettere in imbarazzo la nuova proprietà.


Infine i team inglesi storici McLaren e Williams si risolleveranno? Speriamo di sì, onestamente vederli nella ultima file non è stato piacevole.

Non c’è dubbio che a rendere tutto molto accattivante ai piani alti sarà la sfida nella sfida Vettel - Leclerc. A prescindere dal campionato è chiaro che la posizione del tedesco non è comodissima, eppure allo stesso modo ha una grande opportunità di rispondere alle molte critiche arrivatogli nei mesi scorsi. 

Fare una griglia di partenza ad oggi appare un po’ più difficile e rischioso rispetto agli ultimi anni, certamente i valori potrebbero anche essere rimasti simili, ma a me piace pensare che finalmente dopo troppo tempo ci possano essere delle sorprese e magari, perché no, dei podi diversi dal solito.

Concludo nel dirvi che ringrazio FUnoAnalisiTecnica perché avrò il piacere di potervi raccontare le mie impressioni, sensazioni o notizie dopo ogni Gp con una rubrica nei martedì post gara che ho voluto chiamare Vengo dopo il GP, hashtag Social #VengodopoilGP. La mia generazione e oltre capirà subito che non è certo tutta farina del mio sacco.

LA VERSIONE DI NIKI: Ferrari fra continuità e rivoluzione

4 Comments
Mattia Binotto è stato il grande annuncio fatto dalla Ferrari ad inizio anno, ma non sarà il solo. John Elkann e tutto il suo entourage, infatti, vogliono dare al tecnico italo-svizzero tutti i mezzi necessari per riportare il Team alla vittoria Mondiale.
Il presidente della scuderia di Maranello, infatti, non si è limitato a cambiare il leader della scuderia, ma anche alcune figure importanti all'interno del team.


La prima persona che ha dovuto lasciare la Ferrari è stato Alberto Antonini. L’ultimo addetto stampa della Scuderia aveva il contratto in scadenza, ma la dirigenza ha deciso di non rinnovarlo. 
Al momento non si conosce il vero sostituto di Antonini, ma stando alle ultime indiscrezioni arriverà Bernd Fisa (dopo il no di Colajanni). Questa figura non è nuova in Ferrari, infatti ha già lavorato a Maranello nel periodo 2000-2001.
La dirigenza di Maranello, però, ha rinnovato quasi tutta la parte dedicata alla comunicazione, portando a Maranello una press officer di grande esperienza. Dalla McLaren arriva Silvia Hoffer che sostituirà Stefania Bocchi (moglie di Maurizio Arrivabene e addetta stampa di Kimi Raikkonen). 
Questi cambiamenti nel campo dei mass media, togliendo anche figure importanti dell’era Arrivabene, fanno presagire come in Ferrari ci sia la volontà di far partire con Binotto leader una nuova fase a Maranello.
A confermare ciò ci sono anche delle altre novità in casa della Rossa.
In casa Ferrari arrivano i driver coach. I due piloti della Rossa saranno assistiti da delle figure che li aiuteranno nelle varie fasi del campionato. Charles Leclerc avrà come coach Jock Clear, mentre Sebastian Vettel avrà un mentore che arriverà direttamente da un team concorrente, la Red Bull.
Queste figure saranno introdotte a Maranello da questa stagione per aiutare i due piloti dal punto di vista mentale. Sicuramente nella scorsa stagione abbiamo visto Sebastian Vettel perdere un po’ le staffe in alcune circostanze (in pista e fuori), e un coach gli servirà senz'altro. Lo stesso vale anche per Leclerc che dovrà sostenere la pressione per la sua prima stagione a Maranello.

Nel frattempo, però, gli altri team non stanno a guardare. La Ferrari, infatti, non dovrà solamente aver timore della Mercedes, ma anche della Red Bull.
Il team di Milton Keynes avrebbe in serbo un gran jolly da usare durante la prossima stagione. Novità aerodinamiche o sorpresa del motore Honda? Lo scopriremo presto.

Cosa ne penso di questa rivoluzione in casa Ferrari?

Sinceramente non vedo una vera e propria rivoluzione a Maranello, perché in pratica non c’è stata. Elkann e il suo entourage hanno proseguito sul percorso tracciato da Marchionne, di conseguenza la struttura organizzativa e il muretto sono gli stessi.
I cambiamenti più importanti sono stati fatti all'interno dell’area della comunicazione, sinceramente poco importante all'interno del team.
E’ ovvio che si parli subito di una rivoluzione quando viene cambiato il Team Principal, ma gli ingegneri e lo staff tecnico sono rimasti gli stessi (più o meno). Ecco, questo mi preoccupa un po’.
Se dovessi essere un po’ maliziosa, penserei che tutti questi cambiamenti posti dalla Ferrari siano stati fatti perché è stata costretta (vedi ipotesi dell’ultimatum di Binotto) oppure perché si voleva risollevare un po’ il morale dei tifosi.
Credo, anzi sono sicura, che i problemi presenti in Ferrari la scorsa stagione siano presenti tutt’oggi. Il momento cruciale della stagione per il team italiano sarà la seconda parte (più o meno da Monza); soltanto lì si potrà capire se la Ferrari ha fatto il salto di qualità effettivo ed è veramente una contendente al titolo, oppure vedremo il classico harakiri a tinte rosse.

Mattia Binotto dovrà evitare l’ennesima debacle made in Italy.

di Nicoletta Floris (@nikifloris

FORMULA E - SANTIAGO E-PRIX: Sam Bird trionfa in una gara rocambolesca e ricca di colpi di scena...

Add Comment


Partenza pulita quella della seconda edizione del Santiago E-Prix senza nessun incidente o contatto. Sam Bird va subito forte e con una bella manovra all’ultimo tornantino supera la Audi di Daniel Abt. Nel frattempo la Nio di Tom Dillmann va a contatto con la Jaguar di Piquet Jr danneggiando la scocca, e dopo un rapido check con il team decide di continuare con la gara. Durante questo incidente Di Grassi (partito ultimo per la penalizzazione) si vede costretto a tagliare la chicane per evitare il contatto con la Nio, ma la federazione lo mette inaspettatamente sotto investigazione.

Davanti l’unico che riesce a tenere il ritmo di Buemi è il tedesco Wherlein, che con la sua Mahindra tenta il sorpasso approfittando dell’uscita di traiettoria dello svizzero per attivare l’attack mode. Un’altra bella battaglia è sicuramente quella tra Rowland e Massa, con il giovane inglese che dopo qualche giro di studio cerca di attaccare il più esperto pilota brasiliano. Il campione del mondo in carica Jean Eric Vergne oggi non sembra in gran forma, e lo dimostra dopo 12 minuti dalla partenza quando alla staccata dell’ultima curva va in testacoda. Purtroppo il francese vede sfilare tutto il gruppo trovandosi ultimo prima di poter tornare in gara.

Nel mentre Sam Bird utilizzando l’attack mode con una grande manovra si prende la posizione su Wherlein, che a sua volta decide di utilizzare la modalità per cercare di riprendersi il posto soffiatogli dall’inglese. Da costa intanto è obbligato ad un passaggio ai box, per sostituire la posteriore sinistra bucata. Dopo 15 minuti di gara Buemi è il lider della corsa con Sam Bird secondo che vede uno scatenato Wherlein rifarsi sotto poco a poco, volendo riprendersi a tutti i costi quella posizione persa pochi giri fa proprio ai danni dell'inglese.

Al giro 14 arriva il triplo colpo di scena che segna pesantemente l’andamento della gara. Gunter rimane inchiodato in pista con la sua Dragon per un problema tecnico, Mortara viene toccato da dietro dalla BMW di Sims e va in testacoda perdendo varie posizioni, mentre Massa si deve ritirare per un serio danno alla sospensione anteriore destra che non li permette di guidare in maniera corretta. Come se non bastasse alla tornata successiva Di Grassi arriva lungo tamponando il posteriore della Dragon di Lopez che va in testacoda, senza peraltro provocare delle serie conseguenze per i due piloti.

La direzione di gara visto i fatti è costretta a sventolare la full course yellow flag che di fatto congela momentaneamente la competizione, obbligando i piloti a girare con una velocità costante di 50 km orari, nel frattempo che la vettura di Gunther viene rimossa. Dopo essere stata ripristinata la situazione di normalità arriva la bandiera verde, e subito vediamo uno Sam Bird scatenato incollato al retrotreno di Buemi.

Contemporaneamente però Vandoorne commette un errore da vero rookie arrivando largo alla curva 3 perdendo la vettura. Lo scontro con le barriere è forte con l'ex pilota McLaren che danneggia pesantemente la macchina auto costringendosi al ritiro. La direzione di gara pertanto si vede costretta a sventolare un'altra volta la full course yellow flag, con i detriti presenti in uscita di curva 3 che devono essere rimossi prima di continuare.

I commissari sono molto rapidi e puliscono la pista in poco più di un giro, permettendo la ripresa della competizione. C’è da segnalare la grande gara di Sims che partendo nono adesso si trova in quinta posizione, mentre davanti a lui troviamo Daniel Abt che vede da vicino il diffusore di Wherlein. La lotta per la vittoria tra Buemi e Bird finisce prima del previsto con l'ennesimo colpo di scena, visto che Sebatien con un altro errore va a sbattere contro le barriere vanificando la sua ottima gara. Lo svizzero cerca di rientrare ai box per cambiare il musetto, ma i meccanici dopo aver controllato la monoposto li fanno segno che si deve ritirare, di fatto gettando alle ortiche una possibile ed importante prima vittoria stagionale. Stessa sorte per Jean Eric Vergne che quando mancano 12 minuti alla fine della corsa si deve arrendere, e dopo un altro testacoda rientra mestamente ai box senza poi ripartire.

Bird ringrazia ritiri ed errori prendendosi la prima posizione riuscendo nel frattempo a staccare Pascal Wherlein, che adesso deve preoccuparsi per l’arrivo di Sims che si è sbarazzato di Daniel Abt. Bella gara anche per Edoardo Mortara che dopo una prima parte sorniona si è messo a fare sul serio. L’italiano con passaporto svizzero quando mancano 8 minuti alla fine della gara si trova in un’ottima 5 posizione. Di Grassi dopo la delusione della penalizzazione e un inizio di gara difficile con tagli di chicane e testacoda, riesce a trovare un buon passo rimontando fino all’undicesima posizione. Lotta senza esclusione di colpi tra Mortara e Frijns, con il pilota olandese che cerca a tutti i costi il sorpasso sull’italiano con manovre al limite, mentre Lopez che non sta certo a guadare si porta in ottava posizione.

Quando mancano 3 minuti alla conclusione Wherlein si rifà sotto incollandosi agli scarichi di Bird, e con una serie di tentativi aiutato dal overboost del attack mode cerca il tutto per tutto per sorpassare l'inglese, per ottenere quella che sarebbe la sua prima vittoria in Formula E. Come sappiamo però l'esperienza nel mondo del motorsport sa essere determinante, e proprio per questa ragione Sam Bird riesce a difendersi brillantemente dagli attacchi nel giovane tedesco riacquistando un discreto vantaggio. Dopo una gara spettacolare Bird trionfa nella seconda edizione del Santiago E-Prix gestendo al meglio la competizione, regalando al team Virgin la prima vittoria in Season 5.

Dietro di lui troviamo comunque un'ottimo Pascal Wherlein che senza dubbio è autore di una prova molto incoraggiante per il futuro, dimostrando che l’ultima vittoria di Jerome D’ambrioso con la Mahindra non è certo casuale, con i due piloti del team indiano coscienti che possono disporre di una monoposto competitiva. In terza posizione troviamo Alexander Sims, che dopo una qualifica non brillante partendo dalla nona piazza agguanta un importantissimo podio per BMW, dopo l’ultimo sciagurato fine settimana dove il team bavarese ha perso l’occasione di una doppietta.

La terza prova di Season 5 è andata in archivio ed ancora una volta le emozioni sono arrivate a ripetizione, regalandoci una gara ricca d'incognite che ci hanno tenuto incollati ai teleschermi fino alla fine. Il prossimo appuntamento mondiale sarà tra tre settimane, quando il circus della Formula E approderà a Città del Messico.

Ecco di seguito la tabella finale


Buona Formula E a tutti!


Autore: Alessandro Arcari @BerrageizF1

FORMULA E - SANTIAGO E-PRIX: Uno strepitoso Di grassi conquista la pole con il miglior giro della sua carriera...

Add Comment


Giunti al terzo appuntamento di questo campionato mondiale di Formula E la battaglia entra ora nel vivo, con i reali valori dei differenti team che inesorabilmente iniziano ad emergere. La all electric race series trattasi di una categoria giovane con ovvi margini di sviluppo, capaci di rimescolare le carte in tavola da una gara all’altra. Inoltre come abbiamo potuto facilmente apprezzare nei due eventi di Season 5 fin'ora disputati, i distacchi tra le vetture non risultano mai abissali ed al contrario spesso troviamo moltissimi piloti racchiusi nello spazio di pochi decimi. Qui a Santiago i bolidi elettrici di nuova generazione si presentano per la seconda volta, anche se in questa edizione per differenti motivazioni (click qui per saperne di più) si utilizza un layout tutto nuovo, più rapido e accattivante.

Le due sessioni di prove libere svolte nella mattinata lungo le strade del Parque O’Higgins sono state caratterizzante da differenti inconvenienti, tra i quali senza dubbio spicca quello di Sebastien Buemi. Il pilota svizzero infatti durante le libere uno soffre un problema in staccata di curva sette, che lo porta al bloccaggio perdendo di conseguenza la direzionalità del veicolo rendendo inevitabile l'impatto.



La direzione si vede per tanto obbligata ad esporre la bandiera rossa stoppando momentaneamente la sessione, per dare la possibilità ai commissari di rimuovere la monoposto. Nonostante l’entità dello scontro non sia affatto grave, la vettura riporta danni al musetto e la rottura completa del braccio sospensivo anteriore destro. La sua partecipazione alle qualifiche non é in dubbio.

Dando un occhio ai tempi il più veloce delle libere 1 è stato Lucas di Grassi, che con la sua Audi Sport Abt Schaeffler ferma il cronometro in 1:08.630 sfrecciando per le strade del nuovo circuito creato dentro il Parque O'Higgins. Mentre durante le libere 2 con temperature in netto aumento ad imporsi è stato il pilota argentino José Maria Lopez. “Pechito” vista la vicinanza con il paese natale giudica quella si Santiago come la gara di casa, e con il tempo di 1: 08.194 si mette davanti a tutti, disposto a sorprendere con la sua velocità.

Tornando al presente come sappiamo le qualifiche della Formula E si svolgono in maniera particolare, con il formarsi di 4 gruppi distinti. Al termine di tutte le mini sessioni saranno presi in considerazione i 6 migliori crono, che di fatto aggiudicheranno la possibilità ai piloti più rapidi di partecipare alla Super Pole, ultima fase della qualifica. Da qui uscirà il nome del pilota che in gara partirà dal palo aggiudicandosi inoltre i 3 punti in palio previsti dal regolamento per il più veloce.

Gruppo 1

Robin Frijns - Envision Virgin Racing
Jean Eric Vergne - Ds Techeetah
Antonio Feliz Da Costa - BMW I Andretti
Adre Lotterer - Ds Techeetah
Jerome D’ambrosio - Mahindra Racing

La prima sessione è stata molto combattuta con differenti big in pista. Alla fine con il tempo di 1.09.307 Jean Eric Vegne mette tutti a tacere, precedendo per pochi millesimi il suo compagno di squadra Lotterer. D’ambrosio in questa occasione non è sembrato in forma commettendo qualche errore di troppo, che a sua volta non gli ha permesso di esprimere al meglio tutto il potenziale della sua auto.

Gruppo 2

Sam Bird - Envision Virgin Racing
Lucas Di Grassi - Audi Sport
Mitch Evans - Jaguar Racing
Sebastien Buemi - Nissan E-Dams
Alexander Sims - BMW I Andretti

Nella seconda parte delle qualifiche si conferma la velocità in questa configurazione del pilota Sebasatien Buemi, che con la sua Nissan marca il tempo di 1.08.664. Di grassi e Sim Bird sono dietro di solo 2 decimi, mentre la BMW di Sims oggi non è riuscita ad incidere come a Marrakesh pagando quasi mezzo secondo dallo svizzero.

Gruppo 3

Nelson Piquet - Jaguar Racing
Maximilian Gunter - Geox Dragon
Jose Maria Lopez - Geox Dragon
Oliver Rowland - Nissan E-Dams
Daniel Abt - Audi Sport

Oliver Rowland con la stessa vettura di Buemi non riesce ad avvicinarsi al suo compagno di squadra, beccando addirittura sette decimi. Jose Maria Lopez si prende la sesta piazza a mezzo secondo dall’attuale lider svizzero, mente Daniel Abt nonostante si metta in luce con un bel giro risultando il più veloce del suo gruppo, no va oltre il 4 posto nella classifica generale.

Gruppo 4

Stoffel Vandoorne - HWA Racelab
Tom Dillmann - NIO
Gary Paffet - HWA Racelab
Felipe Massa - Venturi
Edoardo Mortare - Venturi

Dopo l’ultima vittoria nello scorso Marrakesh E-Prix il team Mahindra sembra essere in gran forma, tanto che con il tedesco Pascal Wehrlein conquista il primo posto del gruppo 4 con il tempo di 1.08.463, collocandosi primo anche nella classifica generale. Buone notizie anche per Vandoorne che finalmente sembra essersi scrollato da dosso un po di polvere, piazzandosi in 5 posizione a mezzo secondo dalla vetta. La scuderia monegasca Venturi sembra aver fatto qualche piccolo passo in avanti, anche se la cima per loro resta lontana. Felipe Massa con un buon giro si colloca in decima posizione pagando 7 decimi dal primo.

Super Pole

Sam Bird - Envision Virgin Racing
Stoffel Vandoorne - HWA Racelab
Lucas Di Grassi - Audi Sport
Sebastien Buemi - Nissan E.Dams
Daniel Abt - Audi Sport
Pascal Wehrlein - Mahindra Racing

Il primo a scendere in pista per la Super Pole con una temperatura di 32 gradi è Daniel Abt. Il tedesco è stato uno dei piloti più regolari nei primi due appuntamenti, e lo dimostra anche oggi fermando il crono in 1.08.958 migliorando il suo tempo fatto nel gruppo 3.

Tocca poi a Stoffel Vandoorne misurarsi con i top della categoria qui a Santiago, e nonostante sia autore di un buon giro non va oltre la momentanea seconda posizione, perdendo parecchio terreno nell'ultimo settore.

Il terzo pilota a scendere in pista è Sam Bird e con la sua Virgin marca subito il record del primo e del secondo settore, perdendo poi inspiegabilmente tutto il vantaggio accumulato nell'ultima parte dell tracciato, dovendosi alla fine accontentare del terzo posto.

L’altro pilota Audi Lucas Di Grassi è il quarto a sfidare i più veloci del lotto. Il brasailiano è letteralmente scatenato e con una grandissima prestazione ferma il cronometro in 1.08.290, mettendosi davanti a tutti con quasi 7 decimi di vantaggio, autore di un giro davvero straordinario.

È poi la volta di Sebastian Buemi che con la sua Nissan parte molto forte, anche se poco a poco lo svizzero inizia a perdere rendimento ed alla fine del giro si piazza secondo, ottenendo ugualmente un ottimo risultato.

A questo punto l’unico che può rovinare la festa al brasiliano di Audi è Pascal Wehrlein, che con la sua Mahindra Racing ha la possibilità di fare un gran risultato. Purtroppo però nulla può con il capolavoro del brasiliano, e deve addirittura accontentarsi del terzo posto, collocandosi anche dietro Sebastien Buemi.

A fine sessione Lucas Di Grassi è molto soddisfatto per il lavoro effettuato: “ Senza dubbio é stato uno dei migliori giri della mia carriera in Formula E. Abbiamo una grande macchina ma per raggiungere la vetta bisogna fare grandi prestazioni”, racconta il brasiliano ai microfoni dell'organizzazione.

La gara che si disputerà alle 20.00 ora italiana nasconde delle insidie, come ben ricorda il pole man di giornata: “La gara sarà molto differente rispetto alla qualifica visto che le temperature saranno molto più alte. Non abbiamo mai corso con questo caldo...non sarà facile” conclude il pilota Audi

Per dovere di cronaca dobbiamo aggiungere che secondo ultime notizie è in corso una investigazione su Lucas Di Grassi. Il rischio penalizzazione ci sarebbe per un cavillo tecnico.

La terza qualifica dell’anno è stata ancora una volta molto emozionante, confermando la competitività della categoria. Ancora poche ore e potremmo godere di un nuovo spettacolo, sapendo che in gara spesso i valori cambiano, regalando sorprese insospettate.


Ecco la classifica generale dopo le qualifiche del Santiago E-Prix 



Buona Formula E a tutti!

Autore: Alessandro Arcari@BerrageizF1

2019 FORMULA ONE SEASON PREVIEW - MERCEDES W10: Same 2018 wheelbase, low rake and a lot of work on its Power Unit

Add Comment
The new regulation has forced some teams to rethink the past season aerodynamic macro concepts of the cars. Among those who will not have to make major changes to his aerodynamic platform there’s certainly Mercedes, which for several seasons had already focused his project on a long wheelbase and a “low rake” (for more information click here). These are solutions that should be perfectly in line with the 2019 technical regulation.


MERCEDES W10 2018: Long wheelbase and low rake philosophy

The Mercedes W10 will keep the same wheelbase of the W09, being a clear evolution of the car witch allowed the Brackley team to win the constructors and drivers world champion.


Despite the use of a larger tank (+5 kg compared to 2018) the German engineers have managed to maintain the same wheelbase, which for the last two seasons it is the longest of the Circus.
It’s interesting to remember that, although it is not the case with Mercedes, the lengthening of many 2019 cars wheelbase will not be a consequence of the increase in size of the petrol tank, but only an adaptation to the new aerodynamic rules that prefer a macro aerodynamic concept. Something that Mercedes does not need.


MERCEDES W10 2019: The air flow will continue to pass externally to the nose cone

The nose will maintain the same very tight philosophy seen on two last Mercedes cars (W08-W09). It means that will allow the German team to bring a greater airflow externally to the front wing pylons.


We are talking about a more complicated road. For this reason in recent last seasons no one has managed to replicate this solution. It is certainly easier to bring air into the T-Tray area, and driving it through the inside of the front wing pylons, or even a studied channels as in the case of Force India or McLaren. The only one who have tried it (Toro Rosso), has immediately taken a step back by returning to a more classic nose specification.


MERCEDES W10 2019: Keep an eye to the nose cone external area development behind the front wing

Taking a look to the simplified front wing, Mercedes is working hard on important developments in the “fangs" area that were introduced during the 2017 Spanish Grand Prix weekend, to replace the canons turning vanes.


This is not a very constrained area by the 2019 technical regulation, for this reason the designers imagination could be very important in the car air flow management. It’s worth remembering that the upper flaps will disappear in the 2019 wing spec, as well the now famous external tunnel and the various internal and external profiles to the endplates. The wing cannot have more than five distinct elements, and the endplates accentuated arched shapes it cannot exceed 15°. Beyond that, the maximum number of flow conditioners to be placed below the wing will be in the number of two.


MERCEDES W10 2019: The German team will not copy the Ferrari solution in the entrance area of ​​the sidepost, even if...

The work undertaken last season in the sidepost area will continue, with the aim of further miniaturizing the cooling vents radiators and to make it leaner compared to the W09.


The German team will use a "classic" anti-intrusion cones position, and will not replicate the 2017 Ferrari idea then copied by many other teams including Red Bull. However, they should not mislead the images shown by Mercedes's Instagram account during the Christmas holidays, where Brackley technicians were showing Hamilton and Bottas in what was seen by many as the body of the new car; in reality, the two pilots were just trying some accessories inside the 2018 body (W09).


MERCEDES W10 2019: There will be suspension upgrades compared to 2018…

At the mechanical level there will be no big news but only some adaptations in terms of geometry and suspension mechanisms, confirming front and rear hydraulic version that in the last season have created some tires usage problems then reduced in the second part of the championship.


For sure, Mercedes will continue to use the wheel hub design. Indeed the FIA didn’t forbid this solution during the winter tests, although it has not yet dedicated a regulation point about.


MERCEDES W10 2019: A lot of work on the Power Unit to earn HP compared to Ferrari
Mercedes began working during the last year summer months on power unit, to try to recover the power gap that separates it from Ferrari, especially in the qualifying configuration.


Many conceptual innovations to the Power Unit are expected even if, talking to people close to the German team, Cowell and his staff don’t believe they can count at the beginning of the championship with a strong engine, that can have the same level as the Italian sister. A Power Unit gap that Mercedes hopes to fill with the mechanical and chassis goodness of the car. We'll see in Australia.


MERCEDES W10 2019: 2019 launch date between 13th and 14th of February…

Talking about the presentation day there is still no official date, because a decision has not yet been made.



From the information gathered by FUnoAnalisiTecnica it is however unlikely that there will be a contemporary presentation of Ferrari and Mercedes. The new Bottas and Hamilton’s “beast” should be unveiled a couple of days before Maranello’s car (February 13 or 14).


Autore: Cristiano Sponton @spontonc
Traductor: Alessandro Arcari - @BerrageizF1

ANTEPRIMA STAGIONE 2019 - MERCEDES W10: stesso passo della vettura 2018 e grande lavoro sulla Power Unit per....

1 Comment

Autore: @spontonc

Il cambio regolamentare (clicca qui per leggere) ha costretto alcuni Team a ripensare ai concetti macro aerodinamici delle vetture della passata stagione. Tra i team che non dovranno apportare importanti modifiche alla piattaforma aerodinamica c'è sicuramente Mercedes che già da diverse stagioni ha puntato su un passo piuttosto lungo e "low rake" (per maggiori informazioni), soluzioni che dovrebbero "sposarsi" perfettamente con il regolamento tecnico 2019.


MERCEDES W10 2018: sarà ancora a passo lungo e basso rake
La Mercedes W10 conserverà lo stesso interasse della W09 e sarà una chiara evoluzione della vettura che ha consegnato al team di Brackley il mondiale costruttori e quello piloti. 


Nonostante l'utilizzo di un serbatoio più capiente (+5 kg rispetto al 2018) gli ingegneri anglo-tedeschi sono riusciti a mantenere lo stesso interasse che ormai, già da due stagioni, risulta essere il più "lungo" del circus. Ricordiamo che, pur non essendo il caso di Mercedes, l'allungamento del passo di molte monoposto 2019 non sarà una conseguenza dell'aumento di dimensioni del serbatoio benzina ma solamente un adattamento alle nuove regole aerodinamiche che prediligono un macro concetto aerodinamico rispetto ad un altro. Un qualcosa di cui Mercedes non ha però bisogno.

MERCEDES W10 2019: si continuerà a far passare il flusso d'aria esternamente al muso 
Il muso manterrà la stessa filosofia vista sulla W08 2017 e sulla W09 2018 ossia un naso molto stretto che permetterà al Team anglo tedesco di portare un maggior afflusso d'aria esternamente ai piloncini di sostegno dell'ala. 


Una strada sicuramente più "complicata", tant'è che, in queste ultime stagioni, nessuno è riuscito a replicare tale soluzione (è sicuramente più semplice portare aria nella zona del T Tray guidandola tramite la parte interna dei piloni dell'ala o addirittura tramite delle canalizzazione studiate "ad hoc" come nel caso di Force India o Mclaren) visto che l'unica ad aversi provato, ossia la Toro Rosso, ha subito fatto un passo indietro tornando ad una specifica di naso più classica.

MERCEDES W10 2019: attenzione allo sviluppo della zona interna dell'ala anteriore/esterna del muso 
Visto l'ala anteriore semplificata, Mercedes sta lavorando molto su importanti sviluppi nella zona delle "zanne" che sono state introdotte nell'ormai lontano Gp di Spagna del 2017 al posto dei canonici turning vanes. 


Quest'area non è una zona molto vincolata dal regolamento tecnico 2019 e per questo la fantasia dei vari progettisti potrebbe rivelarsi molto impostante nella gestione del flusso; ricordiamo che dall'ala anteriore Spec 2019 scompariranno gli upper flap, l'ormai "famoso" tunnel esterno e i vari profili interni ed esterni agli endplate. L'ala non potrà avere più di cinque elementi distinti oltre a forme arcuate accentuate (massimo 15°) negli endplate, elementi ora quasi completamente definiti dalla FIA. Oltre a ciò, il numero massimo di condizionatori di flusso da posizionare al di sotto dell'ala sarà nel numero di due.

MERCEDES W10 2019: il Team anglo tedesco non copierà la soluzione Ferrari nella zona di ingresso delle pance anche se...
Nella zona delle fiancate continuerà il lavoro intrapreso nella scorsa stagione con l'obiettivo di miniaturizzare ulteriormente le bocche di raffreddamento dei radiatori e per rendere più filante rispetto alla W09 la parte centrale e terminale delle pance.


Il Team anglo tedesco continuerà quindi ad utilizzare una posizione "classica" dei coni anti intrusione e non copierà appieno quanto portato in pista, e poi copiato da molti altri Team tra cui RedBull, dalla Ferrari ormai due stagioni fa. Non devono comunque far trarre in inganno le immagini mostrate dall'account Instagram di Mercedes nelle vacanze natalizie dove sono stati mostrati Hamilton e Bottas all'interno di quella che per molti è stata vista come la scocca della W10; in realtà, i due piloti stavano solamente provando alcuni accessori all'interno della scocca 2018 (W09). 

MERCEDES W10 2019: a livello sospensivo ci saranno degli upgrade rispetto al 2018
A livello meccanico non ci saranno grosse novità ma solamente degli adattamenti in termini di geometrie e cinematismi delle sospensioni, in versione completamente idrauliche confermate, anteriore e posteriore che nella scorsa stagione hanno creato ancora qualche problema di troppo nello sfruttamento degli pneumatici poi contenuti sono nella seconda parte di mondiale 2018.



Continueranno poi ad essere utilizzati i fori della discordia che la Fia, se non con un chiarimento per limitare il proliferare di soluzioni ancora più aggressive in questa zona, non ha bandito durante i mesi invernali. 


MERCEDES W10 2019: tanto lavoro sulla Power Unit per recuperare cavalli sulla Ferrari
Sulla  Power Unit, Mercedes ha iniziato a lavorare nei mesi estivi dello scorso anno per cercare di recuperare il gap di potenza che la separa dalla Ferrari specialmente nella configurazione da qualifica. 


Molte novità concettuali alla Power Unit sono attese anche se, parlando con persone vicine al Team anglo tedesco, Cowell e il suo Staff non credono di poter, almeno ad oggi, contare ad inizio mondiale su una unità motrice allo stesso livello della sorella italiana. Un gap di Power Unit che Mercedes spera però di colmare grazie alla bontà telaistica e meccanica della vettura. Vedremo in Australia.

MERCEDES W10 2019: presentazione tra il 13 e il 14 febbraio
Per quanto riguarda il giorno della presentazione non c'è ancora nessuna data ufficiale perché almeno, fino a pochi giorni fa, non era ancora stata presa una decisione. 


Dalle informazioni raccolte da FUnoAnalisiTecnica è comunque improbabile che ci sia una sovrapposizione di presentazione tra il Team con sede a Brackley e la Ferrari, con la nuova creatura di Hamilton e Bottas che dovrebbe essere svelata uno o due giorni prima (13 o 14 febbraio) della sua probabilmente principale antagonista.