FORMULA E | AD DIRIYAH E-PRIX PREVIEW: finalmente ci siamo, ecco Season 5 e tutti i suoi segreti…

0



Dopo cinque lunghi mesi d’attesa la all
electric race series
tornerà a far parlare di sè questo week-end, quando le
fiammanti monoposto di seconda generazione sfrecceranno lungo il tracciato di Ad
Diriyah
La giovane categoria sta affrontando un importante momento di transizione,
che a sua volta ha saputo innescare un processo di crescita esponenziale. Al
momento si stanno raccogliendo i frutti del gran lavoro svolto negli scorsi
anni, quando da zero e nello scetticismo generale nacque il primo campionato
dedicato totalmente all’elettrico
, che tra pochi giorni è pronto a stupire
ancora una volta regalandoci un grande spettacolo, in quello che sarà il debutto più
atteso della breve storia della Formula E.


Come detto tra le novità più importanti di Season 5 possiamo
certamente annoverare le nuove vetture rivoluzionarie, che sono capaci di
fornire un grado di competitività al quanto superiore. Effettivamente le nuove “belve”
avranno la facoltà di arrivare ad una velocità massima di 280km/h, impiegando
solamente 3 secondi per raggiungere i
100 km/h. Queste importanti
prestazioni si ottengono grazie alla potenza sprigionata dal motore
totalmente elettrico che pesa solamente 18 kg, capace di proporzionare al
veicolo la bellezza di 340 cavalli
.



Batterie: un altro dato importante da tenere in conto sarà l’autonomia delle
batterie, visto che rispetto al passato la Gen2 potrà sfrecciare lungo “le stradine” delle capitali senza dover mettere in atto lo switch di vetture a metà gara. Infatti
le nuovissime batterie fornite da McLaren Applied Technologies hanno il merito di aver profondamente cambiato il formato della competizione. A dispetto di un’
ingombro e peso quasi uguale le prestazioni sono praticamente raddoppiate se confrontate con quelle della vecchia specifica. Di conseguenza grazie all’importante incremento effettuato la
competizione si 
trasforma in “one shot”, regalando
così quella fluidità necessaria alla categoria per fare un ulteriore passo in avanti nel mondo
del
Motorsport.

Generazione
1: 280 kg –  28kW di potenza accumulata
Generazione
2: 320 kg –  54kW di potenza accumulata
Aerodinamica: per quanto riguarda la aerodinamica sappiamo che il concetto della Formula
E prevede una chiara filosofia a drag limitato, essendo peraltro la vettura sprovvista di un grande alettone posteriore centrale per generare downforce.
 Per questa ragione l’auto può godere di una minore resistenza all’avanzamento otre ad un cospicuo risparmio
di energia dovendo impiegare una potenza minore visto l’assenza di ingombri aerodinamici
, che conseguentemente dà la possibilità alla Gen2 di poter sfruttare a pieno
tutti i cavalli erogati dalla sua power unit. 


Per ovviare a questa perdita di carica aerodinamica data dall’assenza della spinta verticale generata da un grande alettone, i tecnici in fase di disegno hanno studiato un fondo particolare nelle sue forme, capace di esasperare la sua conformazione nella parte finale con un diffusore molto voluminoso. Grazie a questa soluzione la vettura trova quella deportanza persa dall’assenza di ali, essendo in grado di generare un’ alta aderenza che ovviamente si traduce in una velocità in curva più elevata.

Layout: le new entry di Season 5 non si fermano alle vetture ed ai regolamenti e prevedono l’ingresso in calendario di nuovi circuiti, tra i quali senza dubbio
spicca su tutti Ad Diriyah per la sua particolare conformazione che si
distacca dai soliti layout cittadini utilizzati in
Formula E
Il nuovo tracciato ricavato nelle strade della città ubicata a nordovest
della capitale, sarà di fatto l’incaricato di aprire i battenti di quella che
si attende come la stagione più emozionante della categoria.

Buttando un occhio al circuito salta alla vista come il tracciato sia
molto ben assortito, con una sezione di scorrimento ad alta velocità senza
tutte le classiche curve a 90 gradi
, che risultano tipiche dei circuiti urbani. 
Il layout che si snoda attraverso le strade del capoluogo è composto da
21 curve (di cui 9 a sinistra e 21 a destra) per una lunghezza totale pari a
2.847 Km
, dove la parte nuova s’incontra con la zona antica di Ad Diriyah costeggiando le mura della città storica, per poi dirigersi fino alla linea del traguardo nel cuore del distretto.


Osservando attentamente l’immagine in alto ci rendiamo conto rapidamente di
come la pista sia divisa immaginariamente in due parti ben distinte. Dopo un
breve rettilineo e la successiva staccata
le monoposto aggireranno una zona
verde, per poi immettersi in un susseguirsi di curve di media velocità intrecciate
tra di loro, che sicuramente daranno filo da torcere ai piloti
. Effettivamente
questa zona richiede la massima concentrazione per azzeccare la traiettoria
ottimale, che a sua volta consentirà la giusta velocità di percorrenza facendo
la differenza in questo settore.

Al contrario se guardiamo la seconda parte del tracciato vediamo come la
velocità sia molto importante, visto che il layout comprende in questa zona 3
rettilinei intervallati da frenate decise
. Senza dubbio la trazione meccanica che
le vetture sapranno generare
in questo settore sarà il fattore più importante
da tenere in conto, per poi essere in grado di raggiungere buone velocità di
punta accelerando il prima possibile in uscita dalle curve.

Pensando ai possibili sorpassi che le Gen2 potranno effettuare in
pista, la zona che risulta più plausibile sembrerebbe la frenata di curva 18,
anche se con il nuovo sistema “attack
mode
” ed il già collaudato “fanboost”
le sorprese saranno dietro l’angolo.

– Orari per l’Italia…

Senza dubbio il formato fresco e dinamico della all electric race series è capace di attirare su di sè le attenzioni di tutti. Come sappiamo la Formula
E
è una categoria che va a mille, visto che tutte le sessioni ufficiali si svolgono
lo stesso giorno (sabato). Si inizia presto con le libere per poi poco dopo più
di un’ora effettuare le qualifiche. Successivamente la frenesia allenta le sue
briglie, lasciando spazio ai tecnici per studiare tutti i dati provenienti
dalle sessioni, per poi cercare di preparare al meglio la gara. 


– Conclusione
Un´incognita importante da tener in conto sarà quella di poter finalmente contemplare il comportamento in pista delle nuove vetture di seconda generazione, senonché scoprire l’effettivo e reale rendimento una volta messe sotto torchio per bene. Durante i test pre-stagionali abbiamo visto alcuni valori ma si sa, tutti giocano sempre un po a nascondersi, e solo sabato sapremo realmente chi ha fatto meglio i compiti a casa. Inoltre grazie al rinnovato regolamento e alle nuove modalità in gara la situazione lascia presagire sensazioni molto positive, essendo padrona di tutti i crismi per regalarci un gran fine settimana di Motorsport.

Buona Formula
E a tutti…
AutoreAlessandro Arcari @BerrageizF1–  @motorlat  
FotoABB Formula E – Alessandro Arcari
VideoABB Formula E

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui