GP FRANCIA: i voti dell'ottava gara

Lewis Hamilton vince il gran premio di Francia e si riprende la testa del mondiale! Seguono quindi Verstappen e Raikkonen; poi Ricciardo e solo 5°Vettel, autore di una buona rimonta dopo un contatto con Bottas (7°) al via. 




Ma vediamo insieme di dare i voti alla giornata:

Mercedes: 9 al team; 10 a Hamilton; 8 a Bottas
Ottimo weekend per il team tedesco: debutta la nuova power unit ed è un successo. Hamilton domina in lungo e in largo, dalle libere alla gara. Bottas segue e quasi fa la sorpresa in qualifica. In gara rimane coinvolto nell'incidente con Vettel, ma non ha colpa e con la macchina danneggiata risale fino alla 7^ posizione. Quasi il massimo insomma.
Unico campanello di allarme il problema alla power unit accusato da Perez...




Ferrari: 8 al team; 8 a Vettel; 8 a Raikkonen
Sulla carta era una pista pro Mercedes, ma fin dal venerdì hanno dimostrato di poter dire la loro. Vettel in qualifica raccoglie il massimo; spreca poi al via, ma rimedia con una rimonta dal fondo. Non può più permettersi di perdere punti così comunque. 
Raikkonen al sabato è completamente spento; poi la domenica è full attack e riesce a prendersi il podio dopo che al via aveva perso terreno per stare alla larga dai contatti altrui. 
Tutto sommato un buon weekend per la squadra.




Red Bull: 8 al team; 9 a Verstappen; 8 a Ricciardo
Anche loro al sabato sanno di non poter competere con Mercedes e Ferrari, ma vedono Raikkonen in difficoltà e colgono l'occasione per mettersi davanti. 
Verstappen più in palla durante tutto il weekend; bravo a restare fuori dai casini al via e a portare a casa il secondo posto. 
Buona anche la gara di Ricciardo; peccato per il problema che l'ha rallentato nel finale e non gli ha permesso di lottare con Raikkonen per il podio.




Haas: 8 al team; 8,5 a Magnussen; 4 a Grosjean
Weekend decisamente positivo per il team se non fosse per i punti buttati da Grosjean.
Ottima la gara di Magnussen, 6°, a tenersi dietro anche Bottas nel finale. Unica pecca la qualifica, dove poteva stare almeno davanti all'Alfa Sauber di Leclerc.
Male Grosjean. In qualifica va a sbattere malamente ed è costretto a partire 10°; in gara va subito al contatto con Ocon al via e rimedia penalità. La differenza in classifica con il compagno inizia a farsi sentire...



Renault: 7 al team; 7,5 a Sainz; 6 a Hulkenberg
Gara di casa per il team francese e Sainz porta a casa i punti ancora una volta nonostante un piccolo problema alla power unit nel finale. Ottimo al via quando si ritrova addirittura in 3^ posizione. Buona anche la qualifica per lui, 7°. 
Non altrettanto bene Hulkenberg: in qualifica è escluso dalla Q3; in gara arriva a punti, ma alle spalle del compagno e sfruttando le disgrazie altrui. Può fare molto di più.




Alfa Romeo Sauber: 8 al team; 8,5 a Leclerc; 6,5 a Ericsson
I passi avanti che sta facendo il team gara dopo gara si vedono chiaramente. 
Fantastico Leclerc in qualifica (8°) davanti alle due Haas. Anche in gara la prestazione è ottima; ancora una volta a punti. 
Miglioramenti anche lato Ericsson: per la prima volta in Q2 al sabato, ma la domenica manca qualcosa. La differenza di talento con il compagno inizia a notarsi costantemente però..



Force India: 5 al team; 5 a Perez; 5 a Ocon
Weekend negativo per le pantere rosa: in qualifica entrambi sono esclusi in Q2; in gara Ocon viene prima colpito da Grosjean in rettilineo e poi messo fuori gioco qualche curva dopo da Gasly; Perez anonimo: conduce una gara nelle retrovie finché non è costretto a ritirarsi per un problema alla power unit.




McLaren: 4 al team; 5 ad Alonso; 5 a Vandoorne
La situazione non è per nulla buona per il team inglese: in qualifica entrambi vengono esclusi in Q1; in gara ad Alonso ne succedono di ogni: si gira mentre viene superato da Vettel; si ritrova con gomme finite ed è costretto al ritiro per il cedimento di una sospensione. Anche per Vandoorne gran premio da dimenticare: chiude 12° una gara solitaria. Così non va per niente bene...




Toro Rosso: 5 al team; 5 a Hartley; 5 a Gasly
Più o meno lo stesso discorso di McLaren. Non era una buona pista per loro e si è visto chiaramente. Hartley è costretto a partire ultimo per la sostituzione della power unit e chiude 14° (in pratica ultimo, dato che sta davanti solo a Sirotkin e ai ritirati). Gasly si qualifica in 14^ posizione, ma al via si autoelimina con Ocon. Da rivedere...




Williams: 2 al team; 4 a Stroll; 4 a Sirotkin
Continua l'imbarazzante situazione vista nelle gare precedenti. Sono ultimi in qualifica e in gara è la stessa cosa.
Non solo i piloti non vanno, ma proprio tutto il team al suo interno ha qualcosa che non va. Pericoloso quanto successo con Stroll: con un altro tipo di via di fuga poteva farsi e fare del male, ma la colpa è principalmente del team che non lo ha richiamato ai box...
Fa male vedere un team con la sua storia in queste condizioni...



@AleRana95











Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

4 commenti

Write commenti
25 giugno 2018 13:01 delete

Continuo a non capire come possa essere attribuito a Vettel l'errore in partenza. Hamilton rallenta palesemente e Bottas stringe (aveva tutto lo spazio per fare la curva ben sapendo di avere Vettel di lato).

Reply
avatar
25 giugno 2018 13:10 delete

È chiaro che non l’abbia fatto apposta, ma ha colpito Bottas. Quindi è un errore. Lo spazio l’aveva; doveva frenare prima. Solo che non si aspettava l’entrata di Bottas...

Reply
avatar
25 giugno 2018 13:44 delete

La responsablità dell'incidente è interamente di Seb,blocca perdendo la macchina e rovinando la gara di Bottas. Tutto sommato la SC e solo 5 secondi di penalità lo hanno salvato. Spero non comici a perdere colpi e lucidità proprio adesso che il campionato entra nel vivo.

Reply
avatar
26 giugno 2018 11:46 delete

Qui c'è gente che ancora si interroga se è colpa di Seb... 1) lo ha riconosciuto lui stesso 2) è stato punito dai commisari FIA 3) La Ferrari non ha detto nulla 4) ma più palese di cosi come potrebbe essere un errore?

Io sono ferrarista, ma proprio non capisco perchè ha allungato la staccata, dove voleva andare visto che ormai era chiaro che Bottas gli era tornato davanti... Veramente senza senso, eroore di rabbia e frustrazione perchè sapeva che con le US doveva superarne subito almeno uno, ma il rallentamento astuto di Hamilton glielo ha impedito

Reply
avatar