GP FRANCIA - ANALISI PROVE LIBERE: un venerdì piuttosto positivo per la Ferrari ma basterà per battere le Mercedes?

Le prove libere del Gran Premio di Francia ci hanno mostrato una Mercedes molto competitiva in simulazione di qualifica e una Ferrari molto performante in quella di gara; Lewis Hamilton dapprima e Sebastian Vettel poi, sono riusciti a dominare le due fasi salienti dei venerdì di gara con ritmi che per gli avversari sono sembrati inarrivabili. Il quattro volte campione del mondo Mercedes ha dato la bellezza di 7 decimi al duo RedBull, con Ricciardo a comandare, e ben quasi 9 decimi e 1.1 a Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Distacchi poco veritieri e che verranno sicuramente compressi nella fase cruciale della qualifica di domani (inizio alle ore 16). Bottas, soli 7 giri all'attivo e un tempo molto alto, è stato "limitato" da una perdita idraulica sull'impianto di raffreddamento che non dovrebbe però causargli grossi problemi per la giornata di domani e quella di domenica. Pole Position degli "altri" per un Grosjean che ha potuto sfruttare una pista ben più gommata e maggiormente fresca alla fine della seconda sessione. Lo stesso discorso vale per Alonso


GP FRANCIA: la Mercedes in pista con la Power Unit EVO 1 evoluta (internamente Phase 2.1
Per chi ci segue costantemente, quella scritta in questo paragrafo non sarà sicuramente una notizia nuova. In serata la Mercedes ha confermato che in questo ottavo appuntamento porterà in pista la prima delle due evoluzioni delle sue Power Unit previste per questo mondiale 2018 di F1. In molti si sono chiesti del perchè di cotanta "melina" da parte del Team anglo tedesco, quando solitamente il cambio Power Unit, soprattutto di un Team molto attento alla comunicazione come Mercedes, viene annunciato qualche ora prima del giovedì di verifiche tecniche. Dalle informazioni raccolte nelle ultime ore da FUnoAnalisiTecnica quanto successo tra il Canada e quest'oggi è a considerarsi una "trollata" pazzesca da parte del team con sede a Brackley.


Non ci sarebbe stato nessun "grave" problema di controllo qualità alla vigilia della trasferta di Montreal ma ai tecnici Mercedes serviva solamente ulteriore tempo (la PU doveva girare ai banchi ancora per qualche giorno) per avere la certezza di sbloccare ulteriore cavalleria, non prevista inizialmente per il Canada pur prendendo qualche rischio in più che, in un mondiale cosi agguerrito come quello di quest'anno, potrebbe essere importante. Non c'era quindi nessuna grande preoccupazione o ipotetica scelta di optare per la vecchia specifica o la nuova dopo le seconde prove libere odierne. Tant'è che sulle W09 di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, nonché su entrambe le Force India e le Williams, sono state già montate oggi le nuove unità di endotermico, turbocompressori e MGU-H. Unità che ufficialmente, secondo Mercedes, presentano novità per incrementare sia l'affidabilità che le prestazioni.

GP FRANCIA: nella simulazione di qualifica un Hamilton mostruoso nel terzo settore del Paul Ricard
Passiamo all'analisi delle seconde prove libere odierne, iniziando ovviamente dalle due simulazioni di qualifica. Il primo run di simulazione di qualifica si è svolto con una temperatura di ben 50°C sull'asfalto. Cosi come a Barcellona, anche al Paul Ricard le gomme Pirelli ribassate di 0.4 mm nel battistrada sembrano comportarsi piuttosto bene su questo tracciato visto che, sia in FP1 che in FP2, nessun pilota si è lamentato di blistering. Pirelli teme molto queste alte temperature per la gara di domenica, quando le vetture vestiranno le Low Working Range UltraSoft o SuperSoft che funzionano correttamente ad un range di temperatura tra i 90°C e i 110°C. Secondo le previsioni meteo le termiche dovrebbero comunque essere più basse rispetto a quelle odierne, stabilizzandosi tra la giornata di domani e quella di domenica attorno ai 25°C.


Se ci focalizziamo sul primo stint di simulazione di qualifica possiamo notare che: Mercedes e Ferrari hanno diversificato il lavoro tra i due piloti mentre Red Bull ha mandato in pista entrambi i suoi piloti con la stessa mescola. Hamilton è stato il più veloce con la gomma “rossa” ed è riuscito a rifilare al compagno di squadra, su Soft, oltre mezzo secondo. La prestazioni di Bottas, con gomma gialla, è stata sicuramente ottima anche perché, se sommiamo i best sector, possiamo affermare che avrebbe potuto ottenere un “giro ideale” con un gap di poco più di 2 decimi da Hamilton nonostante l’utilizzo di una mescola meno performante ma pur sempre High Working Range e quindi più adatta alle condizioni climatiche odierne. Molto staccati RedBull e Ferrari che, nei confronti della Mercedes di Hamilton, hanno accusato un gap addirittura superiore al secondo.

Nel secondo stint, molto più significativo in quanto tutti i piloti hanno utilizzato la stessa mescola, l'UltraSoft, la W09 di Lewis Hamilton si è confermata la vettura più veloce in pista. Anche con le gomme “viola” i distacchi rimediati dai due Red Bull e dalle due Ferrari sono molto importanti. Sorprende in negativo il tempo di Vettel che con poco carburante non è riuscito a mettere insieme un buon giro. Una SF71H molto sottosterzante in ingresso curva sul giro secco, che faceva molto fatica a prendere il corretto ingresso curva. Oltre a ciò c'è da considerare il tempo perso dal pilota tedesco per via di un piccolo errore in percorrenza della curva 10 nonché, anche se il minore dei problemi viste le basse potenze che vengono utilizzate da tutti i Team il venerdì, l'utilizzo di una Power Unit affaticata, la 1 che ha ormai percorso quasi 5000 km migliaia di chilometri.


Guardando gli intertempi fatti segnare da Sebastian Vettel rispetto ai migliori di Lewis Hamilton si può notare come il pilota tedesco della Ferrari nel settore più veloce accusa un ritardo di un solo decimo e mezzo mentre nel più guidato, causa l'errore in curva 10, paga addirittura 8 decimi di secondo.

Nell'analisi dei tempi del secondo stint non è presente Bottas poiché il pilota finlandese ha accusato problemi ad un radiatore che non gli hanno permesso di proseguire la seconda ora e mezza di prove libere dopo il suo primo run. Il pilota della Mercedes non è riuscito a girare con le gomme UltraSoft e non ha raccolto dati per la Mercedes durante la simulazione gara visto che lui, secondo il programma, doveva effettuare il suo stint provando anche le gomme soft.

GP FRANCIA: nella simulazione di qualifica un Hamilton mostruoso nel terzo settore del Paul Ricard
Nella simulazione di gara, i valori riscontrati durante la simulazione delle qualifiche sono stati completamente stravolti perché la SF71H di Sebastian Vettel è sembrata un'altra vettura, ben bilanciata e con i due assali ben in temperatura con il peso aggiuntivo dato dalla benzina a bordo; come potete osservare dai grafici in basso, il quattro volte campione del mondo della Ferrari è risultato essere il più competitivo in pista. La Ferrari numero 5 del pilota tedesco è partita nella sua simulazione di gara utilizzando le gomme SuperSoft. Un compound che secondo la Pirelli dista ben 1 secondo dalle più morbide UltraSoft. Non cosi impensabile pensare per Ferrari, Mercedes e RedBull, passare il taglio del Q2 con la rossa piuttosto che con la viola. Se analizziamo i tempi del pilota tedesco della Ferrari possiamo notare che, nonostante lo stint sia stato abbastanza lungo, è riuscito ad essere molto veloce e soprattutto molto costante.


A parità di mescola con Vettel, Verstappen è stato costantemente più lento di 3 decimi al giro.

Tra i piloti che hanno simulato il loro long run con le UltraSoft, Hamilton è stato più veloce di pochi millesimi rispetto a Raikkonen mentre Ricciardo non è sembrato avere un buon ritmo con questa tipologia di pneumatici.


Nell'ultimo stint di gara, però poco significativo per i pochi giri percorsi, Vettel si è confermato il più veloce anche se, va comunque detto che, il pilota tedesco è stato quello che ha effettuato il maggior numero di giri nella prima parte di simulazione e quindi ha beneficiato di un minor numero di chilogrammi di carburante nel serbatoio. La differenza che notiamo tra Hamilton e Vettel, circa 9 decimi, non è comunque spiegabile solo con la differenza di benzina ma conferma la competitività della SF71H sul passo gara. Proprio per questi dati molto positivi consideriamo quello appena conclusosi, come uno dei venerdì migliori per Sebastian Vettel e la Ferrari. 


Nella gara degli "altri", guardando i crono odierni il Team Haas sembrerebbe avvantaggiato su Renault e Toro Rosso, in un gruppo comunque molto molto vicino.

Da quello che si è visto oggi in pista e considerando la Power Unit Phase 2.1 di Mercedes, il favorito per la Pole Position sembrerebbe Lewis Hamilton che deve anche riscattarsi dalla brutta qualifica di Montreal. La Ferrari sicuramente sarà più vicina alle frecce d'argento; fondamentale mettere almeno una vettura in prima fila perchè il sentore di molti Team è quello che la gara si possa decidere alla prima curva salvo "miracoli". RedBull terza forza in pista che dovrà lavorare più del solito tra il venerdì e il sabato, soprattutto per incrementare le prestazioni nel tratto più guidato del circuito, ossia il terzo settore. Concludendo, per avere un’idea più precisa bisognerà, come sempre d'altronde, attendere le FP3 poiché tutti i Team in queste ore lavoreranno molto sugli assetti delle vetture. Ancora di più in questa pista visto che non avevano nessun dato a disposizione relativo agli scorsi anni. Da tenere in considerazione anche l’abbassamento delle temperature che potrebbe avvantaggiare le vetture che oggi hanno sofferto maggiormente di surriscaldamento delle gomme posteriori.

Autori: @spontonc @smilextech

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

2 commenti

Write commenti
22 giugno 2018 23:39 delete

Se non sbaglio la Ferrari non ha fatto le PL col motore nuovo. Quindi tutte le analisi sono vere però relativamente.

Reply
avatar
22 giugno 2018 23:58 delete

La frase più triste:" fondamentale mettere almeno una vettura in prima fila perchè il sentore di molti Team è quello che la gara si possa decidere alla prima curva salvo "miracoli"

Reply
avatar