GP. AUSTIN: Regoliamoci – di Alessandro Rana

0
Ed eccoci con un nuovo appuntamento di Regoliamoci.
Per prima cosa, analizziamo come al solito le penalità assegnate
per la sostituzione di componenti della power unit.
     30
sono le posizioni di penalità per Vandoorne: 10 per l’11° turbocompressore; 5
per l’11° MGU-H; 5 + 5 per l’8° e il 9° ICE e 5 per l’8° MGU-K.
     25
per Hartley, il debuttante: 10 per il 6° ICE; 5 per il 6 MGU-H; 5 per la 5^
batteria e 5 per la 5^ centralina
     20
invece per Hulkenberg: 10 per il 6° MGU-H; 5 per il 5° ICE e 5 per il 5°
turbocompressore
     15
sono quelle per Verstappen: 10 per il 6° ICE e 5 per il 6° MGU-H
Chiuso il capitolo PU, veniamo agli altri episodi che hanno
portato a sanzioni
In casa Williams, Massa ha utilizzato il treno di gomme concesso
per i primi 40 minuti delle libere oltre il tempo limite
, per questo il team è
stato sanzionato con 10.000€ di ammenda (sanzione sospesa per i prossimi 12
mesi)
.
L’articolo violato è il 24.4
Uso degli pneumatici:
Il ritorno ufficiale di pneumatici sarà effettuato elettronicamente in conformità con la procedura descritta
all’interno del appendice questo Regolamento Sportivo. Ogni set di gomme
restituiti elettronicamente deve essere fisicamente restituito al fornitore
prima dell’inizio della sessione seguente….
g) Dai tredici set di
gomme da asciutto assegnate a ciascun pilota ai sensi dell’articolo 24.2 (c):
iii) Un set, che
ogni team deve nominare prima dell’inizio di P1 (o rinominato con il consenso
del delegato tecnico FIA) può essere utilizzata solo per i primi 40 minuti
della sessione. Se la sessione viene interrotta nei primi 40 minuti, il tempo
di fermo verrà aggiunto al tempo limite di 40 minuti.”
Il regolamento è chiaro; la sanzione è corretta
Passiamo alla qualifica. Qui si registrano due episodi: il primo
riguarda Magnussen che ostacola Perez nelle curve 12 e 13; mentre il 2°
riguarda Stroll che ostacola Grosjean nelle curve 19 e 20.
L’articolo violato è il 31.6
Ogni conducente che prende parte a qualsiasi
sessione di prove che, a giudizio dei Commissari Sportivi, si ferma inutilmente
sul circuito oppure ostacoli inutilmente un altro conducente è soggetto alle
sanzioni di cui all’articolo 31.5 (31.5  Nel caso di infrazione alla guida nel
corso di una sessione di pratica i Commissari Sportivi possono cancellare il
tempo (o i tempi) del giro/i o far retrocedere 
il conducente di un numero di posizioni in griglia che ritengono
opportune. A meno che non è del tutto chiaro che un pilota ha commesso
un’infrazione di guida, tale evento sar
à di norma studiato dopo la sessione plenaria. Se è il caso, sarà anche dato riguardo alle
disposizioni di cui all’articolo 18.1).”
In entrambi i casi è evidente che il pilota sotto accusa ha
causato impedimento per l’avversario, quindi i commissari hanno giustamente
assegnato 3 posizioni
di penalità + 1 punto patente sia a Magnussen sia a Stroll.
Il rischio corso da Grosjean che ha dovuto persino andare sull’erba
Concludiamo con la gara: gli episodi analizzati sono 2: il primo
che vede coinvolti Ericsson e Magnussen; il secondo Verstappen e Raikkonen.
Nel primo caso, Ericsson si trova alle spalle di Magnussen.
Mentre vengono doppiati in fondo al lungo rettilineo, i due piloti si trovano
su due traiettorie diverse, ma all’incirca nello stesso punto. Il pilota Haas è
davanti, ma viene toccato al posteriore e si gira.
Il caso rientra nell’articolo 38.1
Il direttore di gara può segnalare ogni
incidente in pista o sospetto di violazione del presente Regolamento Sportivo o
del Codice (un “incidente”) agli steward. Dopo la revisione, avverr
à a discrezione dei Commissari
Sportivi decidere se procedere o meno con un’indagine. I commissari possono
anche indagare su un incidente notato da loro stessi.”
E’ chiaro che Ericsson a causato l’incidente, non grave, ma ha
la colpa. 5 secondi di penalità + 2 punti patente per lui giustamente assegnati
Veniamo all’altro episodio: durante l’ultimo giro, Verstappen
tenta l’attacco su Raikkonen in fondo al lungo rettilineo
, ma il pilota
finlandese si difende e il tentativo fallisce. Avanzano pochi metri, e in curva
17 tenta un nuovo attacco che questa volta va a segno.
Ma dalle immagini è chiaro che sia uscito con tutte e 4 le gomme
dalla pista.
E quindi evidente che il sorpasso su Raikkonen sia riuscito
perchè “ha lasciato la pista e ne ha tratto vantaggio”, quindi giusto
assegnare 5 secondi di penalità + 1 punto patente.
Parentesi: Verstappen stesso e molti hanno criticato questa
decisione, mettendola a confronto con varie altre uscite di pista.
E’ bene ricordare però che gli altri piloti, pur essendo usciti,
o non hanno concluso il sorpasso o comunque non erano ingaggiati in lotte.
Se al posto della pista anche oltre la riga bianca ci fosse
stata sabbia o erba il sorpasso di Verstappen non sarebbe mai avvenuto.

Anche a mio avviso, la penalità è giusta

amm_zt = 0;
amm_ad_siteid = 258;
amm_ad_zone = 1927;
amm_ad_width = 160;
amm_ad_height = 600;

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui