A report card with a hint of wittiness by Froldi Azerbaijan Grand Prix

Add Comment
A report card with a hint of wittiness by Froldi Azerbaijan Grand Prix 

Yesterday’s Azerbaijan Grand Prix really put people’s coronary to the test. Highlights: Hamilton does his usual and stupid action (it’s not the first time that he slows down before a restart, and the fact that other pilots did the same thing before him is not a good excuse) and Vettel commits an intentional foul that would have meant disqualification. Anyway, Mercedes was expecting a double win but they got just Robottas’ (robot + Bottas) second place (it is useful mostly for the Constructors' Championship) and Hamilton’s 5th place, which is the wholly defeated one. Vettel, with a less powerful car engine, manages to make it through the second part of the race after the restart, and he is able to earn 2 points in the World Championship standings. It’s hard to add the hint of wittiness after this Grand Prix, but I’ll give it a go. 



Robottas. Score: A software update will be released soon. He was set up to hold back Vettel, but yesterday he picked the wrong Ferrari. An incident occurred during the race. That’s ok. But is it even possible that Terminator / Mr. Servant never gets a penalty? How many times did he damage Raikkonen? 

Hamilton’s sportsmanship. Score: Who saw it? It makes me laugh a bit the fact that he accuses someone else of not being a man when everyone knows him as “cry baby” and yesterday, while the poor Robottas was racing, he asked the box to tell him to slow down in order to slow Vettel down and make it easier for him to overtake the Ferrarista. But Mercedes unexpectedly found some dignity and they didn’t allow him to do so. 

Vettel. Score: fool. He was completely fooled by Lewis and the intentional fouls, even at 50km/h, should not exist in Formula1. Yesterday he did his best while driving, but he did his worst during some crucial moments. Of course, we understand his question “Why do I get a penalty and Hamilton doesn't?”

 Hamilton and his behaviour during the race. Score: Muhammad Ali. The great boxer, which I think is, along with Senna, an idol for the three-time world champion, had a “talent” (besides an exquisite technique): he used to psychologically sabotage his rivals by making fun of them. The same “talent” applies to Formula 1 when the S-Car is on the track and a pilot slows down in order to make the tires of the rival cool down and tease and make mad the rival himself. Hamilton does it pretty often, and yesterday they reminded him that he should do it less frequently. I can’t justify Vettel, but I can understand him. By the way, Senna never cried over the radio, neither did Mansell and Piquet. They would have pushed you off the track, if you misbehaved with them.

Vettel and Hamilton’s love story. Score: end credits? Guys, keep calm. You know, the course of true love never did run smooth. A little storm refreshes the passion. I think the two turtle doves will sort everything out and they will be back together, but if it doesn’t go like that… well, we’ll see some fiery challenges because, we know, a great love can turn into a great hate.

FIA official telemetry. Score: nonsense. They say they didn’t punish Hamilton because he did the same thing during the (I believe three) restarts. Someone said: he didn’t brake. But in the video we all saw that he brake, because it was red. My malicious translation is: if you try to be sly and you suddenly slow down as you enter the turn (from 80 to 40 km/h) and you do it at least three times, it’s ok. Villeneuve (which was involved in a infamous collision with the Kaiser in the 1997 F1 title decider race, which led to the Ferrari driver being excluded from that year's world championship) referring to Hamilton said: “A pilot should never do those ugly things”. I’d like to know when the Federation is going to use on Hamilton the article 39.13 of the sporting regulation. I’ll write the interesting part, without any comments: “In order to avoid the likelihood of accidents before the safety car returns to the pits, from the point at which the lights on the car are turned out drivers must proceed at a pace which involves no erratic acceleration or braking nor any other manoeuvre which is likely to endanger other drivers or impede the restart.” 

Hamilton’s unsafe release. Score: another nonsense. Even if I don’t like the rule that says that if there is an unsafe release the pilot should be punished (but it’s not his fault), wasn’t it an unsafe release, being released while the side impact protection is flying away? And why didn’t the Federation immediately intervene? It has been the team’s autonomous and right choice to call Hamilton back to the box (it seemed like it was dangerous for himself and for the other pilots)… but nothing happened, no stop and go, no five-second penalty… nothing. Oh, the mysteries of this Formula 1! 

Baku. Score: 3. It is one of the worst Tilke circuits; yesterday it gave us a great show, but without beating around the bush, it is not appropriate for these single-seaters. Don’t even get me started on the marshals around the track that looked like tourists that just happened to show up there.

Raikkonen. Score: Stoic. Sooner or later the bad luck will go away, but I suggest to Mr. Bwoah to go to Lourdes on pilgrimage. 

S-Troll. Score: dopey. He was kissed by the fortune after the F1 lovers bet on him, he couldn’t believe on the 2nd place. It was in trance… that’s when Bottas overtook him.

Ricciardo. Score: the luck of the Irish. He couldn’t believe it. “I win?” “What?” “I didn’t smell the shoe for a long time”… “Am I dreaming or awake? Oh well, I’ll make S-Troll drink the champagne from the mephitic shoe”. Yes, you win, and I don’t mind at all. 

Mad Max. Score: 7. He didn’t cause any crash at the start (what a surprise!), but karma struck again. He’s serving for all the blusters he did last year. Carry on (what a bliss) 

Niki Lauda. Score: Awful. A friend of mine told me that Mercedes has to keep him for a while until he retires. Lauda keeps talking, and talking, and talking… but then, is it really important what he has to say? 

Marc Gené. Score: Science fiction. Come on Marc, are you serious about the theory that Hamilton’s steering wheel steered by itself (possessed by Verstappen’s spirit)? 

Arrivabene. Score: Bravo. As you know, Iron Mauri is not my favourite, but yesterday he said something right. He defended the team and the pilot against a Formula 1 who keeps being Mercedes-centric (no, I’m not a conspirancy nut, but the importance of the three-pointed star is undeniable). Then, face to face, he may have told Vettel off. I’m going to copy this from my colleague Luca Dal Monte: “Ferrari never complained about certain situation that abroad people casually mark as mafia if they’re referred to Italy, I thought that certain estrangement manners should make room for the protection of our interests by any means possible”. Enzo Ferrari said that in the summer of 1976. I have nothing further to say.

 S-Car vs. VS-Car. Score: the first one, without any doubt

P.S.: I’m a Ferrari supporter, I don’t deny it and it’s not a fault. If you think that this report card is not impartial is ok. But I put my face on anything that I say, and I always try to explain in full knowledge of the facts. I’m going to bet with you: in a short amount of time the FIA is going to change the rules to restrict Hamilton’s (or somebody else’s) actions while the S-Car is on the track. And if the FIA will do that… well, you’ll know what it means. 

by Mariano Froldi Translated by Isabella Lai

GP BAKU: el análisis de la carrera

Add Comment
Ninguno podía imaginarse una primera edicción tan espectacular del Gran Premio del Azerbaijan con dos team, Ferrari y Mercedes, que como prestaciones dimostraron un nivel muy superior a todos los demás pero que no consiguieron encontrar la victoria con ninguno de los cuatros coches a disposición. El suicidio Mercedes/ Ferrari antes, y luego aquello Force India, unido a la mala suerte que sigue a afectar Max Verstappen, permitieron entonces a Daniel Ricciardo, sobre Redbull más lenta en la pista, conquistar la quinta victoria en carrera por delante de un Valtteri Bottas indultado por los stewards después del contacto inicial con Kimi Raikkonen y a un extraordinario Stroll sobre Williams FW40.


Os anticipamos que no iremos a analizar el accidente entre Lewis Hamilton y Sebastian Vettel que tan está haciendo hablar tras los social y los varios medias.
No empezó en la manera mejor el Gran Premio del Azerbaijan por Daniel Ricciardo que tuve anticipar de mucho la primera parada a causa de algunos detritos que se despegaron por la SF70H de Kimi Raikkonen que obstruí parcialmente uno de los conductos de refrigeración de los frenos anteriores de su RedBull RB13. Un pit-stop adelantado a la quinta vuelta, montando Soft nuevas, que se pensaba hubiera comprometido la carrera del piloto australiano del team anglo-austriaco. Pero así no fue en cuanto lo que pasó en las vueltas siguientes permitió a Ricciardo de explotar los dos set nuevos de SuperSoft que le quedaban , compound que se demostró más rapido que aquello Soft.


Antes de entrar en lo vivo del articulo, analizando entonces algunas partes de la carrera, es bien enfocarse aun por algunas rayas sobre la negativa clasificación del sábado de ambos las Ferrari. El team italiano se aplicó muchisimo en este fin  de semana para llevar los neumaticos traseros en el correcto range de temperatura en configuración de clasificación y entonces con poquisimo carburante en el coche. El alineamiento aerodinamico más descargo (pero más cargado de lo utilizado por Mercedes) requerido por el circuito de Baku, emparejado a aquello mecanico, por cierto más rígido respecto a los otros Gran Premios, no permitió a los dos ferraristas de explotar en pleno el enorme potencial del compound SuperSoft en el dia del sábado. En la lucha muy bonita entre Ferrari y Mercedes la diferencia principal en los varios weekend de carrera siempre está hecha por como los dos team logran explotar  las Pirelli 2017. Si un team consigue hacerla trabajar mejor que el otro team ( Mercedes mejor en Canadá y en Baku, Ferrari en toda las precedentes citas) pues la diferencia puede ser importante. Y si a esto agregamos el hecho que Ferrari no pude utilizar ninguna de las dos vecturas la especifíca Spec 2 (o EVO 1) de su propia Power Unit que garantiza 10 CV (2 decimos) más respecto a la Power Unit Spec 1, además a una perdida estimada en el 1% de la potencia del motor endotermico  (8 CV, 0.15 seg.) por el elevado quilometraje del motór endotermico  (3400 km), se puede entender de donde llega el enorme gap que Mercedes consiguió imponer a Ferrari durante las clasificaciónes de la octava cita de la temporada.


Ferrari que también por esa octava cita tuvo elegir un alineamiento aerodinamico más cargado respecto a Mercedes para generar el correcto cargo aerodinamico que sirve claramente también para hacer funcionar en la manera mejor los neumaticos, sobretodo en condiciones de carrera; eso desafortunadamente hice perder algunos importantes km/h ( y pues algunos decimo en terminos cronometrico) sobre el largo recto de 2.2 que lleva a la meta. Mercedes, teniendo una vectura con una mejor eficencia aerodinamica, pude descargar mayormente sobretodo la ala posterior, generando entonces más velocidad en el tercero sector aunque teniendo excelentes prestaciones sea en el primero sector que sobretodo en el segundo. Esto sea en clasificación que en la primera parte de carrera. Más de dificil lectura los tiempos de Lewis Hamilton en la última parte de carrera en cuanto el piloto inglés sufrió de los problemas que habían “limitado”  las prestaciones de Sebastian Vettel en el primero stint del Gran Premio de Rusia, o sea un deletéreo recalentamiento de la Power Unit con la parte íbrida que no  pude funcionar a potencia llena haciendo perder mucho terreno al piloto inglés sobretodo en el segundo sectór dónde el ayudo del MGU-K en las muchas repartencias es fundamental.


Pero para Mercedes el comienzo del weekend no fue de los mejores aunque gracias a un excelente trabajo efectuado entre las FP2 y las FP3 y las clasificaciónes del sábado, modificando en manera notable el alineamiento mecanico y llevando correctivos a aquello aerodinamico todavía  sin modificar en modo macroscopico la W08, consiguieron llevar a la pista dos vecturas muy competitivas. El team anglo alemán apuntó mucho sobre las clasificaciones para conseguir a empezar la carrera con ambos los pilotos delante de todos los demás, administrandola en seguida, supiendo que para las dos Ferrari, habiendo elegido un alineamiento aerodinamico más cargado, habría sido casi imposible encontrar el ataque en los confrontes de las rapidisimas (en recto) W08. Pero después pocas centenar de metros de la salida, los excelentes planos del Team anglo-alemán han caído gracias sobretodo a una salida muy agresiva de Kimi Raikkonen y a un error del connacional Valtteri Bottas. El piloto Mercedes calculó mal la distancia que estaba entre él y un Raikkonen que lo estuve atacando por fuera de curva 2, cortando demasiado en el bordillo y perdiendo claramente  direccionalidad por algunos metros con un contacto con el piloto Ferrari que devenió inevitable. Accidente que habría tenido que llevar a la penalización del piloto finlandés de la Mercedes en cuanto el espacio para evitar por lo tanto parte del bordillo de curva 2 y el consiguiente ligero despego, Raikkonen lo había dejado como se puede bien ver en la imagen en bajo. Error de valutación de parte de Bottas que los stewards habrían tenido que sancionar.


Hay que subrayar como la grande salida de Kimi Raikkonen, sobretodo en el trazo entre curva 1 y curva 2, haya allanado el camino a un excelente (agonisticamiente hablando) Sebastian Vettel; si el finlandés se hubiera puesto en la cola a Bottas antes de curva 2, el piloto alemán de la Ferrari habría pasado en la meta después la primera vuelta solo en cuarta posición , haciendole perder mucho terreno en la primera parte de carrera en los confrontes de su  acérrimo rival para la conquista del mundial 2017, o sea Lewis Hamilton.


Siempre hablando de Bottas no nos gustó su brusco frenazo poco antes de curva 1 para proteger su posición en los confrontes de los dos pilotos Ferrari. Un frenazo que habría podido costar caro a Sebastian Vettel, precisamente detrás al piloto finlandés de la Mercedes como podéis ver de la imagen poco arriba.


Por lo que concierne los ritmos carrera, primera parte con un Hamilton muy competitivo pero un Vettel netamente mejorado respecto a la decepcionante clasificación mientras en la última parte Vettel más competitivo pero con un Hamilton ligermente alicaído también a causa de una power Unit no completamente a llena potencia. Pero aunque con ese inconveniente el piloto inglés de la Mercedes consiguió tener un ritmo carrera en general mejor de lo de Sebastian Vettel si se miran los calculos efectuados por el amigo español F1sMyDrug.


Por lo que concierne RedBull, hay que subrayar la excelente capacidad de generar grip mecanico de parte de la RB13 evolvida en muchos detalles hace el GP de España,  a pesar de un alerón posterior “Monza Spec” que fue necesario para contrastar los 35 CV que la Power Unit Renault paga aun de aquella Mercedes después de la actualización de la gasolina Petronas de parte del team anglo alemán en Canadá y la actualización de 10 CV que Renault llevó a Baku. El team con residencia a Milton Keynes, por todo el fin de semana consiguió hacer registrar excelentes segundos punto intermedios, pagando mayor arancel en el primer y tercero sector, los más rapidos del veloz circuito azero. Si se mira el ritmo carrera pero no hay comparación con Mercedes y Ferrari, y eso desdice las declaraciones de un Max Verstappen  que querían una RedBull delante de una Ferrari en aquel de Baku. En clasificaciones era por cierto posible (y Ferrari riesgó mucho) mientras en carreta, verdad que Verstappen era más rapido que Ricciardo, pero los fenomenales crono del dúo Hamilton/ Vettel eran muy dificil de hacer registrar por el piloto olandés.



En conclusión: dados los valores en campo y como podía acabar una carrera completamente “limpia”, la Ferrari puede ritenerse completamente satisfecha del resultado final de la carrera. Claro, por como se habia puesto la carrera, si Sebastian Vettel no hubiera cometido aquel grave error, la victoria habría sido por cierto suya, y eso  podía significar grande destaque en campeonado. Pero es todavía una carrera más terminada y sobretodo dos puntos ganados por Sebastian Vettel en los confrontes de Lewis Hamilton. Con una Ferrari muy lejana en configuración de clasificación del sábado pero más cerca en configuración carrera de una Mercedes que pero demostró serse restablecita si no totalmente, en modo todavía importante después las actualizaciónes mecanicos introducidos sobre la W08 en Canadá. Pero hay también que subrayar que circuitos de bajo y medio cargo como Montreal y Baku no iban en ninguna manera a exaltar las caracteristicas tecnicas de la SF70H, vectura nacida bien en los neumaticos si tiene la posibilidad de poder cargar en modo importante las alas. Ahora hay que entender si las mejores prestaciones Mercedes, mostradas sea en Canadá que  en Baku , no puedan todavía molestar una Ferrari que en muchas de las primeras seis citas de esta temporada 2017 dominó mucho en circuitos de medio, medio-alto y alto cargo.

GP BAKU: "regoliamoci" - di Alessandro Rana

8 Comments
Sono quattro gli episodi portati all’attenzione dei commissari dell’Azerbaijan. Tre sanzionati con delle penalità; uno no. Cerchiamo insieme di capire il perché.

Episodio n°1: car 77 (Bottas) collided with car 7 (Raikkonen) non punito dai commissari

Incidente che rientra nei casi dell’articolo 38

“Il direttore di gara può segnalare ogni incidente in pista o sospetto di violazione del presente Regolamento Sportivo o del Codice (un “incidente") agli steward. Dopo la revisione, avverrà a discrezione dei Commissari Sportivi decidere se procedere o meno con un’indagine. I commissari possono anche indagare su un incidente notato da loro stessi (38.1). Sarà a discrezione dei Commissari Sportivi decidere se ogni pilota coinvolto in un incidente deve essere penalizzato."


L’incidente non è stato penalizzato dai commissari di gara in quanto è stato valutato che Bottas ha perso il controllo della vettura passando troppo sopra il cordolo all'interno e quindi la colpa non era da attribuire completamente a lui. 

A mio modestissimo avviso, per lo spettacolo della F1 giusto così, ma se anche fossero arrivati 5/10 secondi di penalità non sarebbe stato uno scandalo.

Episodi n°2 e n°3: car moved from the fast lane whilst the race was suspended per Perez e per Raikkonen punito con un drive through 

Violazione dell’articolo 41.5 

“Senza aver chiesto alla FIA, nessuna auto può essere spostata dalla fast lane mentre la gara è sospesa. Verrà inflitta una penalità ai sensi dell'articolo 38.3 (c) a qualunque pilota che viene spostato dalla fast lane o in ogni altra parte della pit lane. In ogni momento i piloti devono seguire le indicazioni dei commissari.” 

Articolo 38.3 

“I commissari possono imporre una delle sanzioni di seguito su qualsiasi pilota coinvolto in un incidente: 

a) Una penalità di cinque secondi. Il conducente deve entrare nella pit lane, fermarsi al suo pit per almeno cinque secondi e poi ri-partecipare alla gara. Il pilota in questione può tuttavia decidere di non fermarsi, se non svolge alcuna ulteriore sosta prima della fine della gara. In questo caso saranno aggiunti cinque secondi al tempo di gara trascorso del pilota interessato. 

b) Una penalità di dieci secondi. Il conducente deve entrare nella pit lane, fermarsi al suo pit per almeno dieci secondi e poi ri-partecipare alla gara. Il pilota in questione può tuttavia decidere di non fermarsi, se non svolge alcuna ulteriore sosta prima della fine della gara. In questo caso saranno aggiunti dieci secondi al tempo di gara trascorso del pilota interessato. In entrambi i casi sopra il pilota interessato deve effettuare la penalità alla successiva volta che entra nella corsia box. 

c) Una penalità “drive-through”. Il conducente deve entrare nella corsia dei box e ri-unirsi alla corsa senza fermarsi.

d) Dieci secondi di penalità. Il conducente deve entrare nella pit lane, fare un pit stop per almeno dieci secondi e poi ri-unirsi alla gara.” 



Sia la macchina di Perez che quella di Raikkonen sono state spostate all'interno della fast lane per permettere il lavoro dei meccanici mentre la gara era interrotta con bandiera rossa per i parecchi detriti in pista. Operazione vietata dal regolamento ed esplicitamente sanzionata. I commissari hanno applicato alla lettera quanto scritto.

Episodio n°4: car 5 (Vettel) collided with car 44 (Hamilton) punito con una penalità di 10 secondi stop/go + 3 punti patente

Violazione dell’articolo 27.4

In nessun momento una macchina può essere guidata inutilmente lentamente, in modo irregolare o in un modo che potrebbe essere considerato potenzialmente pericoloso per gli altri piloti o per qualsiasi altra persona.”

Dalle immagini è abbastanza chiaro che Vettel si affianca alla vettura di Hamilton e poi sterza verso quest’ultima impattando ruota contro ruota, senza causare grossi danni. Per i commissari si tratta di guida pericolosa, giustamente sanzionata. Vettel deve stare attento ora: ha perso 9 dei 12 punti patente a disposizione. Ricordo che una volta terminati, scatta una gara di squalifica. dal GP di Silverstone i punti attualmente in possesso da Vettel verranno azzerati.

Ora ci si domanda, ma perché Vettel compie questa manovra?

Facciamo un passo indietro: siamo in regime di Safety Car, ormai al termine. La vettura di sicurezza ha già spento le luci. Da questo momento è il leader della corsa a fare l’andatura. Hamilton rallenta costantemente e usciti da curva 16 non accelera come immaginava Sebastian Vettel. Da qui il tamponamento. La reazione è un episodio dato dalla frustrazione dell'incidente precedente.

Molti hanno parlato anche di manovra scorretta di Hamilton.

Il regolamento dice (articolo 39.13)
“Quando il direttore di gara decide che è sicuro far rientrare la Safety Car il messaggio “SAFETY CAR IN THIS LAP" verrà visualizzato da tutti i team sul sistema di messaggistica ufficiale e le luci arancioni della vettura vengono spente. Questo sarà il segnale per le squadre e i piloti che sono entrati nella pit lane alla fine di quel giro. A questo punto la prima auto in fila dietro la Safety Car può dettare il ritmo e, se necessario, cadono più di dieci lunghezze di auto dietro di essa.

Per evitare il rischio di incidenti prima che la Safety Car torni ai box, dal punto in cui vengono spente le luci della vettura, il pilota deve procedere ad un ritmo che non comporta alcuna accelerazione o frenata irregolare né qualsiasi altra manovra che possa mettere in pericolo gli altri piloti o impedire il riavvio.

Come la Safety Car si avvicina all'entrata della pit-lane le bandiere gialle e le tavole SC verranno ritirate e, tranne che  all'ultimo giro della gara, sostituite dallo sventolamento di  bandiere verdi con le luci verdi sulla linea. Questi verranno visualizzati fino a quando l'ultima vettura attraversa la linea.”


La prima auto in fila detta il ritmo, quindi sta agli altri adattarsi. Vero, Hamilton rallenta (40 km/h in circa 4 secondi, decelerazione quindi da non considerarsi pericolosa) in curva 16, ma è pur sempre una curva. La dicitura che prevede un ritmo costante senza frenate o accelerazioni irregolare è rispettata come dimostrato dalla telemetria analizzata dai commissari. Probabilmente se avessero dato anche 5/10 secondi di penalità non si sarebbe scandalizzato nessuno ma allora la penalizzazione inflitta a Sebastian Vettel per il comportamento successivo doveva essere ben più importante dei soli 10 secondi inflitti nella realtà. 

GP MONZA: Pirelli annuncia la scelta delle mescole

Add Comment
PIRELLI ANNUNCIA LA SCELTA DI MESCOLE

E I SET OBBLIGATORI PER IL GRAN PREMIO D’ITALIA 2017



Milano, 29 giugno 2017 - Pirelli schiererà le seguenti tre mescole al tredicesimo GP della stagione 2017 (1-3 settembre).



(1) Come da regolamento: obbligo di conservare per il Q3 un set della mescola più morbida fra le tre selezionate. Tale set andrà restituito a Pirelli dai 10 piloti che si qualificano per il Q3, mentre sarà a disposizione per la gara per tutti gli altri piloti esattamente come avviene oggi.

(2) Si ricorda che ogni pilota dovrà portare entrambi questi set in gara, con l’obbligo di utilizzarne almeno uno. I Team sono liberi di scegliere i 10 set rimanenti, per un totale di 13 set per il weekend, ad esclusione dei prime cinque Gran Premi dell’anno.

GP AUSTRIA: Set di Pneumatici scelti per pilota

Add Comment
Gran Premio d’Austria: 7-9 luglio 2017

SET SCELTI PER PILOTA

Milano, 27 giugno 2017 – La FIA ha comunicato a Pirelli il numero di set di pneumatici e relative mescole scelti da ciascun pilota per il Gran Premio d’Austria, in programma a Spielberg dal 7 al 9 luglio prossimi.


GP BAKU: la cronaca della gara - di Alessandro Rana

GP BAKU: la cronaca della gara - di Alessandro Rana

Add Comment
25 giugno 2017. Baku, Azerbaijan. Ottavo appuntamento con il mondiale di Formula 1.

Gara costellata di colpi di scena vinta da Ricciardo su Red Bull che precede Bottas e un fantastico Stroll. Seguono quindi la Ferrari di Vettel e la Mercedes di Hamilton, autori di scaramucce in pista quasi fossero due “automobilisti della domenica”. Verstappen è costretto al ritiro così come Raikkonen. Ma cerchiamo di analizzare, squadra per squadra, quanto successo oggi:


Al via partono tutti bene davanti; in curva 2 un arrembante Raikkonen si trova in seconda posizione, ma Bottas lo attacca molto deciso, salta sul cordolo e perde il controllo della vettura che va quindi a toccare la rossa del finlandese che a sua volta tocca il muro. La peggio va a Bottas, però, che si ritrova con l’ala anteriore danneggiata e una gomma forata. Gara che sembra totalmente compromessa quando rientra in pista doppiato.

Il tutto favorisce Vettel che si mette in marcatura di Hamilton e i due scappano via insieme, inseguiti da Perez e da Verstappen. Quest’ultimo, proprio mentre cerca l’attacco sul messicano, è costretto al ritiro per problemi tecnici.

Arriviamo al giro 14, quando le cose iniziano a farsi complicate: Kvyat si ferma in pista e i commissari non riescono a rimuovere subito la sua macchina. Safety Car e tutti ai box per cambiare le gomme. Trascorre qualche giro e c’è la ripartenza, ma dopo poche curve ecco di nuovo in pista la vettura di sicurezza. Raikkonen ha perso dei pezzi dal fondo parecchio danneggiato dal contatto al via con Bottas. Qui succede anche il fatto che farà discutere molto: poco prima della nuova ripartenza, Hamilton rallenta parecchio, forse troppo. Vettel lo tampona da dietro, danneggiando l’ala anteriore, ma l’episodio più importante è che subito dopo il tedesco si affianca alla Mercedes e imprecando verso Hamilton finisce anche per colpirlo ruota contro ruota. Nasce quindi l’investigazione che porterà ad una penalità di 10 secondi stop/go per Vettel. Si riparte, ma anche stavolta subito dopo curva 2 c’è un incidente: Ocon tenta il sorpasso sul suo compagno di squadra, ma lo chiude troppo e Perez finisce a muro. Volano detriti ovunque e Raikkonen non li può evitare. Foratura per lui e fondo danneggiato anche dall'altro lato. Sia Perez che Raikkonen devono ritirarsi. Altra Safety Car, ma i detriti sono troppi e ovunque. Si decide quindi per fermare la gara con bandiera rossa. Circa mezzora di stop e si può ripartire. I colpi di scena non sono finiti però: dopo qualche giro ecco che Hamilton ha un problema. La protezione della testa non è ben fissata e si alza! L‘inglese prova a fissarla, ma non riesce. E’ costretto così ad un’ulteriore sosta ai box. Vettel fa quindi due giri da qualifica prima di rientrare per la penalità e al ritorno in pista riesce a stargli davanti.


Nel frattempo, in testa alla gara si è portato Ricciardo con Bottas che, dopo essersi sdoppiato, è risalito fino in zona punti, proprio davanti a Vettel e grazie al suo ritmo migliore riesce a guadagnare ancora posizioni. Ritmo che gli consente anche di superare Stroll per la seconda piazza proprio sulla linea del traguardo dell’ultimo giro. Anche Vettel e Hamilton guadagnano giro dopo giro, fino a portarsi in 4^ e 5^. Raikkonen, che era riuscito a tornare in pista grazie alle riparazioni effettuate in regime di bandiera rossa, prima è vittima di un drive through per il lavoro dei meccanici nella slow lane; poi si ritira definitivamente.

Dunque, in casa Mercedes, dopo un venerdì disastroso, si vede un’ottima qualifica e una grande gara con un passo straordinario. Vista la sfortuna di Hamilton con la protezione, Bottas avrà molto da mangiarsi le mani, dato che senza quell'incidente al via probabilmente avrebbe vinto. Hamilton è apparso in gran forma durante la gara, soprattutto quando è stato in testa. Forse al momento del “fattaccio” con Vettel ha realmente rallentato troppo, ma non per i commissari. Certo è che senza il problema che gli è costato una sosta in più avrebbe vinto e sarebbe passato avanti nel mondiale con la penalità rimediata dal tedesco.


Per quanto riguarda Ferrari, un sabato sottotono, ma una domenica con un passo gara fantastico (l’unico team a stare dietro a Mercedes). Vettel ha sbagliato lasciandosi prendere dalla rabbia. E quando sei in lotta mondiale non ti deve succedere. Con i guai di Hamilton, senza quella penalità, avrebbe vinto e sarebbe volato via nel mondiale. Lato Raikkonen, una sfortuna pazzesca per il finlandese. Prima viene colpito da Bottas e danneggia parte del fondo; poi non può evitare detriti altrui, fora e rompe l’altro lato del fondo. Un vero peccato, soprattutto in ottica mondiale costruttori.

Come due settimane fa, anche qui gara a due facce in casa Red Bull. In qualifica bene Verstappen, con Ricciardo vittima di un errore e contatto con le barriere. In gara ancora una volta c’è un problema tecnico sulla monoposto dell’olandese, al 4° ritiro nelle ultime 6 corse. Decisamente fortunato Ricciardo che si trova a vincere una gara sfruttando tutte le disgrazie altrui. Il passo gara non era sicuramente da vittoria, ma nemmeno da podio se ci fossero state sia le due Ferrari che le due Mercedes.


In casa Force India continua il duello iniziato due settimane fa: sembravano arrivati per chiarirsi e invece… Perez disputa una buona gara in zona podio, grazie alle disgrazie altrui, fino a quando Ocon non lo manda a muro causandone il ritiro. Il francese chiude poi in 6^ posizione, ma si può fare meglio. E all'interno del team c’è bisogno di calmare un po’ il clima.

Buona gara anche per Williams, purtroppo a due facce anche qui. Massa deve ritirarsi, ma fino ad allora era in lotta per le posizioni di vertice. Decisamente ottima la gara di Stroll invece che riesce a chiudere sul podio. Non sembra nemmeno un lontano parente di quello delle prime gare. Il test che ha fatto ad Austin con macchina 2014 e set up di Massa è servito eccome. Molto molto bene.

Ancora decisamente negativo lo week end sia per Toro Rosso che per Renault. per Toro Rosso, Kvyat si ritira per problemi tecnici e da il via a tutti gli episodi di Safety Car e quant'altro; Sainz riesce a chiudere in 8^ posizione, ma con una gara abbastanza anonima. Per quanto riguarda Renault, invece, Palmer finisce la gara subito per problemi tecnici; Hulkenberg commette un errore di guida ed è costretto al ritiro per rottura della sospensione quando stava lottando intorno alla 5^ posizione.
Per Haas, buona la gara di Magnussen che per un certo periodo si trova anche in zona podio; poi deve accontentarsi della 7^ posizione: il ritmo degli altri era nettamente più forte. Gara anonima per Grosjean, con i soliti problemi ai freni e chiude in ultima posizione.


In casa Sauber una classica gara anonima, chiusa in 10^ e 11^ posizione, davanti solo a Vandoorne. I problemi all'interno del team continuano e il fatto che il team principale sia stato cacciato, ne da ulteriore conferma.

Problemi che continuano anche in casa McLaren, ma ormai non danno più notizia. Entrambi i piloti partono con un numero esorbitante di posizioni di penalità per elementi della PU sostituiti oltre il limite; Alonso lotta tutta gara e riesce ad entrare in zona punti per la prima volta quest’anno, chiudendo 9°; Vandoorne con problemi anche durante la gara, è costretto a terminare la gara dietro anche ai Sauber. Non ci siamo….

Prossimo appuntamento sul circuito austriaco tra due settimane. Vettel arriva ancora da leader del mondiale, con addirittura due punti in più di vantaggio su Hamilton, decisamente insperato da come era partita la gara. Ci sarà il ritorno alla vittoria della rossa? Wait&see…


di Alessandro Rana (@AleRana95)

GP BAKU: la Spec 3 completa di Honda non arriverà prima di SPA

Add Comment
E' stata una prima edizione del Gran Premio dell'Azerbaijan che possiamo definire clamorosa, con la vittoria a sorpresa della RedBull più lenta in pista, la numero 3 di Daniel Ricciardo e non di una Mercedes o una Ferrari che hanno mostrato dei passi gara notevolmente migliori rispetto a tutte le altre vetture in pista. 

Nell'enorme caos del nono appuntamento stagionale c'è sicuramente da far notare che Fernando Alonso è riuscito a portare a Woking i primi punti della stagione per il Team Mclaren Honda. Un pacchetto Mclaren Honda 2017 che anche a Baku ha mostrato i suoi grossi limiti per colpa principalmente di una Power Unit Honda sempre carente soprattutto sul lato endotermico. Analizzando gli intertempi, realizzati da Fernando Alonso in gara, si nota chiaramente che, solo nell'ultimo settore, la McLaren pagava oltre 6 decimi dai migliori, mentre, nei primi due, molto più lenti e guidati, dove è importante il carico aerodinamico ed il grip meccanico, la MCL32 era tra le vetture più competitiva.

Non solo tanti CV in meno ma anche grossi problemi di consumi che limitano enormemente le prestazioni della ottima vettura inglese soprattutto su circuiti come quello di Montreal e di Baku dove il rimanere per oltre il 70% del tempo sul giro con la farfalla aperta non aiuta sicuramente gli endotermici più esosi di combustibile. 


Le scarse prestazioni dell'unità motrice giapponese hanno fatto perdere la pazienza ad uno dei principali azionisti del Team, ossia Mansour Ojjeh, che già all'inizio della scorsa primavera aveva sondato la possibilità di passare alla motorizzazione Mercedes per la prossima 2018. Un qualcosa che qualche settimana dopo, in Spagna, se è concretizzata con la firma di un pre accordo tra il Team Mclaren e Mercedes nel caso il Team di Woking trovi la via d'uscita, anche solo di un anno, dal contratto in essere con Honda. Questa è una delle opzioni che Boullier e Zak Brown stanno valutando ormai da qualche settimana e ciò è stato confermato proprio anche dal Team Principal del Team Mclaren nel weekend azero:

"Una Power Unit diversa fino a quando vedremo che Honda avrà risolto tutti i suoi problemi? Perché no? Questo è uno dei vari scenari che stiamo considerando."

Intanto il motorista giapponese, seppur in ritardo (la Spec 3 completa era programmata inizialmente per il GP del Canada), è riuscito a portare in pista parte della tanto attesa Spec 3 (per questo chiamata da noi Spec 2.5) nel weekend di Baku


Un aggiornamento testato solamente da Fernando Alonso nelle prove libere del venerdì e che ha coinvolto la parte endotermica, il motore elettrico MGU-H e il turbocompressore. Entrando più nel dettaglio, a quanto abbiamo capito le modifiche all'endotermico erano solamente dei fix minori rispetto alla seconda parte dell'aggiornamento che arriverà non prima di Spa Francorchamps. Grazie ad una nuova benzina portata a Baku dal colosso petrolifero BP, accoppiata a nuove modifiche software che hanno coinvolto l'iniezione e più in generale le mappature motore, Honda è riuscita a migliorare la potenza e i consumi del suo endotermico. Sempre parlando dell'incremento di potenza, pari a 20 CV totali relativi all'aggiornamento 2.5, c'è da sottolineare come le nuove specifiche di turbocompressore e MGU-H portati a Baku siano state pensate principalmente per risolvere i problemi di affidabilità avuti durante la prima parte della stagione ma cosi facendo hanno permesso ad Honda di sbloccare anche qualche CV della potenza ancora non utilizzata sulla Spec 2 introdotta in Spagna. 

Infine c'è da sottolineare come Fernando Alonso abbia comunque corso la prima edizione del Gran Premio dell'Azerbaijan con le versioni evolute di turbo e MGU-H ma senza il nuovo endotermico "migliorato" e la nuova benzina. Una Power Unit Honda Spec 2.5 che, salvo inconveniente nei prossimi giorni (l'ICE utilizzato da Alonso sarà verificato in Giappone nelle prossime ore), verrà introdotta anche sulla seconda Mclaren in pista nel prossimo appuntamento stagionale che si correrà in Austria tra meno di due settimane. 

GP BAKU: l'analisi della gara

1 Comment
Nessuno poteva immaginarsi una prima edizione cosi spettacolare del Gran Premio dell'Azerbaijan con due Team, Ferrari e Mercedes, che come prestazioni hanno dimostrato un livello nettamente superiore a tutti gli altri ma che non sono riusciti a trovare la vittoria con nessuna delle quattro vetture a disposizione. Il suicidio Mercedes / Ferrari dapprima, e poi quello Force India, associato alla sfortuna che continua a colpire Max Verstappen, hanno permesso infatti a Daniel Ricciardo, sulla RedBull più lenta in pista, di conquistare la quinta vittoria in carriera davanti ad un Valtteri Bottas graziato dagli stewards dopi il contatto iniziale con Kimi Raikkonen e ad un pazzesco Stroll su Williams FW40.

Vi anticipiamo che in questo articolo non analizzeremo l'incidente tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel che tanto sta facendo parlare sui social e non.


Non era iniziato nel migliore dei modi il Gran Premio di Azerbaijan per Daniel Ricciardo che ha dovuto anticipare notevolmente la prima sosta per via dei detriti staccatisi dalla SF70H di Kimi Raikkonen che hanno parzialmente ostruito uno dei condotti di raffreddamento dei freni anteriori della sua Red Bull RB13. Un Pit Stop anticipato al quinto giro, montando Soft nuove, che si pensava avesse compromesso la gara del pilota australiano del Team anglo austriaco. Ed invece non è stato cosi perchè quanto successo nei giri successivi ha permesso a Ricciardo di sfruttare i restanti due set nuovi di SuperSoft, compound che si è dimostrato notevolmente più veloce rispetto a quello Soft.     


Prima di entrare nel vivo dell'articolo, analizzando quindi alcune parti della gara, è bene focalizzarsi ancora per qualche riga sulla negativa qualifica di entrambe le Ferrari. Il Team italiano ha faticato enormemente in questo fine settimana a portare gli pneumatici anteriori nel giusto range di temperatura in configurazione da qualifica e quindi con pochissimo carburante a bordo. L'assetto aerodinamico più scarico (ma più carico di quello utilizzato da Mercedes) richiesto dal circuito di Baku accoppiato a quello meccanico, certamente più rigido rispetto ad altri Gran Premi, non ha permesso al duo ferrarista di sfruttare appieno l'enorme potenziale del compound SuperSoft nella giornata di sabato. Nella bella lotta tra Ferrari e Mercedes la differenza principale nei vari weekend di gara viene sempre fatta dal come i due Team riescono a sfruttare le Pirelli 2017. Se un Team riesce a farle lavorare molto meglio dell'altro (Mercedes meglio in Canada e a Baku, Ferrari in tutti i precedenti appuntamenti), allora la differenza può anche essere importante. E se a ciò accoppiamo il fatto che Ferrari non ha potuto utilizzare su nessuna delle due vetture la specifica Spec 2 (o EVO 1) della propria Power Unit che garantisce 10 CV (2 decimi) in più rispetto alla Power Unit Spec 1, oltre ad un perdita stimata nell'1% della potenza del motore endotermico (8 CV, 0.15 secondi) per l'elevato chilometraggio del motore endotermico (3400 km), si può capire da dove deriva l'enorme gap che Mercedes è riuscita ad infliggere a Ferrari durante le qualifiche dell'ottavo appuntamento stagionale. 


Ferrari che anche in questo ottavo appuntamento ha dovuto optare per un assetto aerodinamico più carico rispetto a Mercedes per generare il corretto carico aerodinamico che serve ovviamente anche per funzionare nel migliore dei modi gli pneumatici, soprattutto in condizioni di gara; ciò purtroppo fatto perdere qualche importante km/h (e quindi qualche decimo in termini cronometrici) sul lungo dritto di 2.2 che porta sul traguardo. Mercedes, avendo una vettura con una migliore efficienza aerodinamica, ha potuto scaricare maggiormente soprattutto l'ala posteriore, generando quindi più velocità nel terzo settore pur mantenendo ottime prestazioni sia nel primo settore che soprattutto nel secondo settore. Questo sia in qualifica che nella prima parte di gara. Più di difficile lettura i tempi di Lewis Hamilton nell'ultima parte di gara poiché il pilota inglese ha sofferto dei problemi che avevano "limitato" le prestazioni di Sebastian Vettel nel primo stint del Gran Premio di Russia, ossia un deleterio surriscaldamento della Power Unit con la parte ibrida che non ha potuto funzionare al pieno della potenza facendo perdere molto terreno al pilota inglese soprattutto nel secondo settore dove l'assistenza del MGU-K nelle tante ripartenze è fondamentale.  


Ma per Mercedes l'inizio del weekend non era stato dei migliori anche se grazie ad un ottimo lavoro effettuato tra le FP2 e le FP3 e tra le FP3 e le qualifiche, modificando notevolmente l'assetto meccanico e apportando correttivi a quello aerodinamico pur senza modificare macroscopicamente la W08, è riuscita a portare in pista due vetture veramente competitive. Il Team anglo tedesco ha puntato molto sulla qualifica per riuscire ad iniziare la gara con entrambi i piloti davanti a tutti, gestendola successivamente, sapendo che per entrambe le Ferrari, avendo optato per un assetto aerodinamico più carico, sarebbe stato quasi impossibile trovare l'attacco nei confronti di entrambe le velocissime (sul dritto) W08. Ma dopo poche centinaia di metri dalla partenza, gli ottimi piani del Team anglo tedesco sono caduti grazie soprattutto ad una partenza molto aggressiva di Kimi Raikkonen ed ad un errore del connazionale Valtteri Bottas. Il pilota Mercedes ha calcolato male la distanza che c'era tra lui e un Raikkonen che lo stava attaccando all'esterno di curva 2, tagliando troppo sul cordolo e perdendo ovviamente direzionalità per qualche metro con un contatto con il pilota Ferrari che è divenuto cosi inevitabile. Incidente che avrebbe dovuto portare alla penalizzazione del pilota finlandese della Mercedes poiché lo spazio per evitare almeno parte del cordolo di curva 2 e il conseguente leggero decollo, Raikkonen lo aveva lasciato come si può ben vedere dall'immagine in basso. Errore quindi di valutazione da parte di Bottas che gli steward dovevano sanzionare. 


Da sottolineare come la grande partenza di Kimi Raikkonen, soprattutto nel tratto tra curva 1 e curva 2, abbia spianato la strada ad un comunque ottimo (agonisticamente parlando) Sebastian Vettel; se il finlandese si fosse accodato a Bottas prima di curva 2, il pilota tedesco della Ferrari sarebbe passato sul traguardo dopo la prima tornata solamente in quarta posizione, facendogli perdere tanto terreno prezioso nella prima parte di gara nei confronti del suo acerrimo rivale per la conquista del mondiale 2017, ossia Lewis Hamilton. 


Sempre parlando di Bottas non ci è piaciuta la sua brusca frenata poco prima di curva 1 per proteggere la sua posizione nei confronti dei due piloti Ferrari. Una frenata che poteva costar caro a Sebastian Vettel, proprio dietro al pilota finlandese della Mercedes come potete vedere dall'immagine poco sopra.  


Per quanto riguarda i passi gara, prima parte con un Hamilton molto competitivo ma un Vettel nettamente migliorato rispetto alla deludente qualifica mentre nell'ultima parte Vettel più competitivo ma con un Hamilton leggermente sottotono anche per via di una Power Unit non completamente a piena potenza. Ma pur con questo inconveniente il pilota inglese della Mercedes è riuscito ad avere un passo gara in generale migliore di quello di Sebastian Vettel se si guardano i calcoli effettuati dall'amico spagnolo F1sMyDrug. 


Per quanto riguarda RedBull, c'è da sottolineare l'eccellente capacità di generare grip meccanico da parte della RB13 evoluta in molti dettagli dal GP di Spagna, nonostante un alettone posteriore "Monza Spec" che è stato necessario per contrastare i ben 35 CV che la Power Unit Renault paga ancora da quella Mercedes dopo l'aggiornamento della benzina Petronas da parte del Team anglo tedesco in Canada e l'aggiornamento da 10 CV che Renault ha portato a Baku. Il Team con sede a Milton Keynes, per tutto il weekend è riuscito a far segnare ottimi secondi intertempi, pagando maggior dazio nel primo e terzo settore, i più veloci del veloce circuito azero. Se si guarda il passo gara però non c'è confronto con Mercedes e Ferrari, e ciò smentisce le dichiarazioni di un Max Verstappen che volevano una RedBull davanti a Ferrari in quel di Baku. In qualifica era sicuramente possibile (e la Ferrari ha rischiato grosso) mentre in gara, vero che Verstappen era più veloce di Ricciardo, ma i fenomenali crono del duo Hamilton / Vettel erano decisamente difficili da far segnare per il pilota olandese. 



Concludendo: visti i valori in campo e come poteva andare a finire una gara completamente "pulita", la Ferrari può ritenersi completamente soddisfatta del risultato finale della gara. Certo, per come si era messa la gara ad un certo punto, se Sebastian Vettel non avesse commesso quel grave errore, la vittoria era sicuramente sua, che poteva significare grosso allungo in campionato. Ma è comunque una corsa in più terminata e soprattutto due punti guadagnati da Sebastian Vettel nei confronti di Lewis Hamilton. Con una Ferrari lontanissima in configurazione da qualifica ma più vicina in configurazione di gara da una Mercedes che ha però dimostrato di essersi ripresa se non totalmente, in modo comunque importante dopo gli aggiornamenti meccanici introdotti sulla W08 in Canada. Ma c'è anche da sottolineare che circuiti da basso carico come Montreal e Baku non andavano in nessuna maniera ad esaltare le caratteristiche tecniche della SF70H, vettura nata bene sugli pneumatici se ha la possibilità di poter caricare in modo importante le ali. Ora ci sarà da capire se le migliori prestazioni Mercedes, mostrate sia in Canada che a Baku, non possano dare comunque fastidio ad una Ferrari che in molti dei primi sei appuntamenti di questa stagione 2017 ha dominato in lungo e in largo su circuiti da medio, medio-alto e alto carico. 

GP BAKU: il pagellone semiserio del Froldi

3 Comments
Un gran premio che ha messo a dura prova le coronarie di molti sportivi quello che si è svolto ieri in Azerbaijan. Note salienti: la solita “balordata” di Hamilton (non è nuovo a esagerati rallentamenti prima delle ripartenze in S-Car, e il fatto che lo abbiano fatto altri prima di lui non è una scusante), un brutto fallo di reazione di Vettel che poteva costargli una squalifica. Comunque, su una pista in cui la Mercedes si aspettava una doppietta, è arrivato un secondo posto di Robottas quasi insperato (che serve soprattutto per la classifica costruttori) e un quinto posto di Hamilton, che è il vero sconfitto della giornata. Vettel riesce, con un motore spompato, a tenerserlo dietro nella seconda parte della gara, dopo la ripartenza, e agguanta due punti d’oro in ottica mondiale sul diretto inseguitore. Difficile essere semiseri dopo questo Gran Premio. Ci proveremo.


Robottas. Voto: aggiornamento software a breve. E’ programmato per tenere dietro, in tutti i modi, Vettel. Ieri ha beccato la Ferrari sbagliata. Incidente di gara. Va bene. Ma possibile che il terminator-cavalier servente non venga mai sanzionato? Quante volte ha danneggiato Raikkonen?

Sportività di Hamilton. Voto: “Chi l’ha vista?”. Fa un po' sorridere che il nostro accusi gli altri di non essere uomini, quando ormai lo stanno soprannominando tutti “il piangina” e addirittura ieri, mentre il povero Robottas stava facendo la sua gara, abbia chiesto ai box di dirgli di rallentare per fare da tappo a Vettel, onde permettergli di superare il ferrarista. In Mercedes hanno avuto un soprassalto di dignità e niente, non glielo hanno permesso.

Vettel. Voto: pollo. E’ cascato come un pollo nel trappolone di Lewis. E i falli di reazione, anche a 50 chilometri orari non devono esistere in Formula 1. Ieri ha dato il meglio di se alla guida ma il peggio di se nei momenti che contavano. Certo, resta la sua domanda: “Perchè io vengo sanzionato e Hamilton no?” Ci arriviamo.

Hamilton e la sua condotta di gara. Voto: Cassius Clay. Il grandissimo pugile, e mi pare, assieme a Senna, idolo del tricampione inglese, aveva una “dote” (oltre alla tecnica sopraffina): sfotteva e demoliva psicologicamente l’avversario. Ecco, le mosse mutuate in Formula 1 sono, ad esempio, con la S-Car, rallentare vistosamente per far raffreddare le gomme del tuo avversario, stuzzicarlo, farlo incavolare o farlo sbagliare. Lo fa spesso, ed è plurirecidivo. Ieri almeno gli hanno ricordato che forse è meglio farlo di meno. Non giustifico Vettel, ma lo posso capire. Ah…Senna non piangeva via radio, e manco Mansel e Piquet…vedi come ti stampavano a muro quelli se facevi il furbetto…

Storia d’amore Vettel/Hamiltom. Voto: “Siamo ai titoli di coda?”. Eh...ragazzi, calma e sangue freddo. Sapete…l’amore non è bello se non è litigarello. Un po' di tempesta ravviva la passione. Confido che i due piccioncini si chiariranno e torneranno vicini vicini. Se non accadrà..bè, sarà sfida rovente, perché come sapete, dopo un grande amore, arriva un grande odio.

Telemetria Fia. Voto: una buffonata. Dice...Non abbiamo punito Hamilton perché si è comportato nelle ripartenze (credo tre) allo stesso modo. Qualcuno ha affermato: non ha frenato. Ma nel video che tutti hanno potuto vedere il “brake”, la frenata è rossa (significa che stavi frenando). Tradotto malignamente da me: se fai il furbastro e rallenti di botto ad entrata curva (da 80 a 40 chilometri all’ora) e lo fai almeno tre volte, allora va bene. Mi basta quanto detto da Villenueve (che ha ricevuto una ruotata, quella si pericolosa, dal Kaiser nel 1996, nel gran premio determinante che gli assegnò giustamente il titolo), riferendosi proprio a Hamilton: “Sono cose che un pilota non deve fare, nessun pilota dovrebbe fare una cosa del genere, sono cose brutte”. Ah…vorrei sapere quando la Federazione vorrà usare con Hamilton l’articolo 39.13 del regolamento sportivo. Riporto la parte interessante senza commenti: "Per evitare la possibilità di incidenti prima che la safety car ritorni in pitlane, dal momento in cui si spengono le luci i piloti devono procedere a una velocità che non comporti accelerazioni o frenate improvvise (si impiega il termine "erratic") né altre manovre che mettano in difficoltà gli altri piloti o li ostacolino al restart". 

Unsafe Release Hamilton. Voto: altra buffonata. Anche se a me non piace la regola per cui se c’è un unsafe release venga punito il pilota (che non ha colpe), non era forse un unsafe release avere le protezioni laterali che stavano volando via? E come mai la Federazione non è intervenuta subito? E’ stata una giusta ed autonoma scelta del team il richiamare Hamilton ai box (era pericoloso per se stesso e per gli altri, guardare le immagini tv)...eppure niente, nessun stop & go, 5 secondi di penalità...niente di niente. Misteri di questa Formula 1.

Baku. Voto: 3. E’ uno dei peggiori circuiti di Tilke; ieri ci ha regalato un grande spettacolo, ma non meniamo il can per l’aia, non è adatto a queste monoposto. Per non parlare dei commissari di pista che ieri sembravano dei turisti capitati li per caso...

Raikkoneno. Voto: stoico. Prima o poi la sfiga passerà, ma consiglio a mr Bwoah di fare un pellegrinaggio a Lourdes.

S-Troll. Voto: inebetito. Baciato dalla fortuna, dopo gare in cui si scommetteva fra gli appassionati quando si sarebbe piantato (che si piantasse era scontato), non credeva al secondo posto. Era quasi in trance...e infatti Robottas lo ha infilato come...un salame.

Ricciardo. Voto: posteriore infinito. Dai, neanche lui ci credeva alla fine. “Ho vinto?” “Cosa?” “Eppure non mi sniffo lo scarponcino da un pezzo”…“Sogno o son desto? Vabbè faccio bere lo champagne dal mefitico scarponcino a S-Troll” Si..hai vinto, e a me non spiace affatto.

Mad Max. Voto: 7. Non ha causato incidenti al via (è già una notizia), ma ancora una volta il karma ha colpito. Sconta tutte le spacconate dell’anno scorso. Continui così (goduria)

Niki Lauda. Voto: pessimo. Un amico mi ha detto che la Mercedes se lo deve tenere ancora un po' per dargli la pensione. Lauda parla, parla, parla...ma alla fine,è davvero importante ciò che dice?

Marc Gené. Voto.: Fantascienza. Dai Marc, va bene tutto, ma la teoria che lo sterzo si sia girato da solo (posseduto dallo spirito di Verstappen?)…

Arrivabene. Voto: Bravo. Come sapete non è che Iron Mauri mi scaldi il cuore più di tanto. Però ieri ha detto le cose giuste. Ha difeso la squadra e il pilota contro una Formula 1 ancora Mercedes-centrica (leggere politica, e no, non sono compolottista ma è innegabile il peso della stella a tre punte). Poi magari a 4 occhi avrà pure tirato le orecchie a Vettel. Copio dal collega Luca Dal Monte: “La Ferrari non ha mai fatto reclami ma di fronte a certe situazioni che all’estero disinvoltamente definiscono mafiose quando riferite all’Italia, ho pensato che certi atteggiamenti di riservato distacco debbano far posto alla diretta tutela dei nostri interessi sportivi con tutti i mezzi possibili”. Lo diceva Enzo Ferrari, nell’estate del 1976. Non ho altro da aggiungere.

S-Car vs VS-Car. Voto: tutta la vita la prima.


P.S.: Sono un tifoso Ferrari, non lo nascondo e non è certo una colpa. Perciò se vi pare che questo pagellone sia poco obiettivo, ci sta. Ma in quello che dico ci metto la faccia e cerco sempre di argomentarlo con cognizione di causa. Faccio con voi una scommessa: a breve la Fia interverrà sul regolamento per limitare quanto fatto da Hamilton (o altri che facessero lo stesso) in regime di S-Car. E se lo farà…capirete cosa significa ;) 

GP BAKU: il pensiero dei lettori - di Vito Quaranta

Mai come il GP di ieri, da quando è iniziato questo esaltante mondiale 2017, ha diviso gli appassionati che lo hanno guardato.

Naturalmente mi riferisco al famigerato fattaccio che è successo al giro 19 tra Lewis e Seb. I fatti, li conosciamo tutti, il problema è cercare di distinguere ciò che è giusto da quello che non lo è...e non sempre ci si riesce!

Ieri, dopo aver sbollito l'adrenalina (lo confesso: all'inizio mi sono schierato eccome!!) riflettendo sul comportamento dei piloti e sui tanti commenti letti su Twitter sono giunto ad una conclusione: l'unica differenza tra l'azione commessa da Lewis e quella commessa da Seb sono i modi! Infatti, sebbene ci sarà sempre il dubbio sull'intenzionalità dell'inglese; su quella del tedesco non ce ne sono!!!

L'errore di Seb è clamoroso, ma non tanto per il gesto in se e per tutto quello che ha scaturito; ma perché un professionista come lui deve sapere a cosa può portare un'azione del genere!
Certo, col senno di poi è semplice per me dire questo (io stesso dal divano avevo la vena chiusa!!), ma la differenza tra me e Seb è che io non sono nessuno, lui è pagato profumatamente anche per evitare situazioni del genere...se non altro perché guida per la Ferrari!!



A volte mi pongo la domanda: ma siamo sicuri che Seb sia tedesco? Non è che per caso ha sangue campano come il mio?? No perché, dire che il ragazzo è passionale e fumantino è dire poco! Non dimentichiamo che non è nuovo a tutto questo....solo l'anno scorso (per dirne una) mandò allegramente affanculo il direttore di gara in piena diretta!!!

In tutto questo però, lo stesso Lewis comunque la si mette, non esce bene anche lui. I suoi modi furbi (qualcuno direbbe "di mestiere") di cercare di raggiungere il risultato rasentano la scorrettezza. Ma sebbene possa sorvolare sul suo rallentamento (voluto? sicuramente! si può dimostrare? non del tutto!!), di certo l'inglese ha macchiato la sua gara chiedendo al box di "attivare" Robottas (ormai io e Mariano Froldi siamo lanciati!!) per far rallentare Seb al fine di poterlo superare! No mio caro Lewis, non è cosi che ci si comporta e anche tu come Seb; dalla ragione sei passato nel torto!

Almeno, la pantomima dell'amore sbocciato tra i due (sebbene questa sia una cosa tutta dell'inglese) ormai è definitivamente conclusa....sono due campioni del mondo che non guardano in faccia a niente e nessuno (come giusto che sia!) pur di raggiungere il risultato. 

La mia conclusione?
Purtroppo entrambi hanno torto, entrambi ne escono male da questa storia...entrambi sarebbero dovuti essere puniti; l'uno più pesantemente dell'altro!
Un'ultima considerazione: fino all'anno scorso la F1 era ingessata, imbalsamata in un regolamento al limite dell'assurdo per quanto restrittivo (forse Seb, se avesse sportellato volontariamente Lewis l'anno scorso gli avrebbero dato il 41bis!!), regolamento che ci ha condizionato a tal punto che siamo noi stessi ad invocare il "magistrato" per risolvere il sorpasso in pista!

Quello che è successo ieri era la normalità prima, anzi vi dirò che è stato proprio il corpo a corpo che ha contribuito alla fortuna della F1 stessa. Naturalmente ribadisco che il comportamento dei due campioni avuto ieri è esecrabile, per carità...ma ben venga la lotta; quella sportiva, quella dura e corretta...quella che tanto amiamo nella nostra F1.

GP BAKU: commento dei lettori - di Mauro Petturiti

Meno male che il GP di Baku era stato annoverato come "noioso" e non da F1, dopo le prime due giornate di prove svoltesi nel circuito cittadino della capitale Azzera.
L'ottavo appuntamento del mondiale di F1 ci ha regalato infinite emozioni fino all'ultimo metro di gara, come non si vedevano da anni, sfornando un risultato a dir poco sorprendente.
Ma non é tutto oro quel che luccica però, perché non é merito dell'ennesimo "Tilkodromo" se abbiamo assistito ad una gara che definirei veramente "pazza".


Ma andiamo per ordine e vediamo di riassumere la tre giorni caucasica:

Partiamo dal venerdì, con le prove libere che ci avevano dato una Mercedes in confusione, specialmente con Hamilton, e una Ferrari con un passo gara ottimo, in pratica, la macchina da battere, e una rediviva Red Bull, molto agile e sorprendentemente veloce.

Poi arriviamo al giorno della qualifica avendo ipotetiche certezze, che subito sono state spazzate via dall'ennesimo capolavoro di Lewis, sul giro secco, sfoderando una prestazione da campione quale é, conquistando la 66^ pole position e rifilando distacchi dovuti solo al suo manico. 
Ferrari che si é beccata oltre 1 secondo e campanelli di allarme che suonavano da tutte le parti, con Sebastian Vettel costretto anche a cambiare il motore termico, per problemi idraulici.
Mercedes che monopolizza tutta la prima fila e Ferrari che limita i danni conquistando con Kimi la terza posizione e Sebastian la quarta, con Verstappen 5^ appena dietro.

Gara che si preannuncia piena di interrogativi, sopratutto per gli uomini del Cavallino: sarà sufficiente il passo tenuto venerdì, o la Mercedes ha trovato la quadra sulle tanto agogniate gomme e sarà dura tenerle testa?

Basta attendere la partenza per fugare ogni dubbio, con Hamilton e Bottas che tengono La testa alla prima curva, con il finlandese però che frena molto presto, dando il largo subito al compagno e frenando in modo quasi volontario le due Ferrari, le quali hanno provato il sorpasso, senza però riuscire nell'intento, data la poca strada che separa la partenza dalla prima curva. Raikkonen che invece ci prova e ci riuscirebbe in curva 2, se Bottas non fosse così ardito da difendersi passando sopra al cordolo, colpendo il connazionale e facendo volare pezzi della macchina di Kimi, favorendo così Sebastian Vettel che si mette in coda ad Hamilton, con il gruppo che sfila dietro indenne, tranne Sainz che si gira in testacoda toccandosi con il suo compagno, rientrando comunque in gara. 

Ma questo è solo un antipasto di quello che accadrà poco dopo, con due safety car che entreranno in sequenza, la prima per togliere una Toro Rosso ferma in pista, attendendo con pazienza i "velocissimi" commissari Azzeri, e la seconda per spazzare via i pezzi persi dalla macchina di Raikkonen staccatasi durante la prima fase di gara. Qui si effettuano anche le soste ai box e sembra che le possibilità di ribaltare il risultato siano ancora più basse, dato che qui con una sola sosta si finisce il GP, ma prima della ripartenza, il tanto chiamato ruota a ruota tra Vettel ed Hamilton si compie davvero! Lewis rallenta tantissimo per spezzare il ritmo del gruppo, frena decisamente un paio di volte fino ad arrivare sotto i 50 km/h e Sebastian indispettito da questa manovra al limite della correttezza (e oltre), lo tampona andando a rovinare in parte la sua ala, poi lo affianca, alza un braccio sbraitando, e nel frattempo con la monoposto, da letteralmente una ruotata ad Hamilton, ritenuto colpevole di aver rallentato e frenato in modo intenzionale, per indispettire e indurre all'errore Sebastian. 

Qui cominciano le dispute su chi avrebbe o no ragione, mentre la gara riparte con i due piloti under investigation per molti (forse anche troppi?) giri, senza avere la minima certezza di cosa sarà il dopo. Ripartenza che ancora una volta vede piloti ingaggiati in duelli serrati, con i due Force India che si prendono, con detriti che volano ovunque colpendo l'incolpevole Raikkonen, che forerà una gomma e dovrà ritirarsi poco dopo. Proprio per questi detriti, viene interrotta la gara per 25 minuti dando l'opportunità di pulire la pista, con l'ennesima ripartenza dietro la SC, con Raikkonen rientrato miracolosamente in pista riparando in tempo record al sua Ferrari,così come le Force India.
Il "caso" poi ha voluto che, mentre Hamilton sfilava in prima posizione incalzato da Sebastian Vettel, per il pilota britannico sorgeva un problema alla protezione del casco, da qui richiamato ai box per evidenti problemi di sicurezza, spianando la strada al ferrarista, il quale però, viene penalizzato con uno stop&go di 10 secondi per la manovra di prima, e come se fosse una sceneggiatura scritta( penalità data con ritardo mostruoso e direi quasi a orologeria) si trova ancora una volta a tu per tu con Hamilton per la settima e sesta posizione.

In tuto questo caos, vediamo la classifica, e "scopriamo" che Ricciardo con una super manovra é passato al comando(il suo compagno Verstappen é stato lasciato a piedi nei primi giri dal motore Renault) e a dir poco fantascientifico, un secondo posto a Lance Stroll (giù il cappello oggi), bravissimo a sfruttare una giornata piena di colpi di scena, con Bottas che anch'esso per i problemi iniziali si era tornato addirittura doppiato.
Finale con Hamilton che le prova tutte, ma Vettel con giri da qualifica tiene bene dietro l'inglese e finisce al quarto posto.
Ottime prestazioni oggi delle seconde linee, con Alonso finalmente a punti e un gran premio che si conclude con la vittoria di Ricciardo su redbull, e al fotofinish Bottas che beffa un comune ottimo terzo Stroll con Vettel subito dietro, Hamilton, Ocon, Magnussen su Haas, Sainz, Alonso e Wherlein a punti.

Nonostante i numerosi stravolgimenti e momenti al cardiopalmo, la pista di Baku ha offerto spettacolo solo per una casualità di coincidenze, dovuta all'inesperienza dei commissari, della direzione gara e delle safety car che hanno creato scompiglio e favorito l'insorgere di situazioni culminate con l'incidente tra Vettel e Hamilton, frutto di mesi di "tensione" e frecciatine reciproche, con Vettel che non ha scusanti per il gesto compiuto, ma molto strano che non sia stato sanzionato il pilota inglese, reo di aver effettuato manovre di decelerazione improvvisa e premeditata, quando la safety car aveva già spento le luci, e quindi passibile di penalità, con lo scotto pagato solo dal provocato e non dal provocatore.

Importante sottolineare questo punto, dato che Hamilton è recidivo con questo tipo di manovre, intenzionalmente scorretta e volta a destabilizzare gli avversari(Vettel), con il britannico che sul finale di gara, quando non riesce a superare il ferrarista, chiede alla squadra addirittura di far rallentare Bottas per fare da tappo a Sebastian! Diventato ormai la sua ossessione dopo Rosberg del 2016..

Capitolo gomme: beh, con le soft sarebbero andati anche ad Assen e avrebbero corso anche il GP D'Olanda..Cara Pirelli, va bene le mescole conservative, ma queste gomme Flinstoniane proprio no, per il resto buon lavoro della casa italo-cinese.

In Tutto questo, Mercedes allunga nella classifica costruttori, ma Vettel guadagna punti in quella piloti, in un circuito senza dubbio non favorevole alla Ferrari, ma che allo stesso tempo ha promosso ancora la vettura italiana, la quale, senza la penalità di Sebastian, avrebbe potuto vincere a mani basse il gran premio, (e con un motore con oltre 3500km e senza evoluzioni) ma si sa, il mondiale 2017 per rimanere equilibrato ed incerto, deve andare avanti così, parola di Liberty Media..