GRAN PREMIO DI RUSSIA GARA

0
VALTTERI BOTTAS VINCE SU MERCEDES CON UN SOLO PIT STOP 



DOPO UNA GRANDE BATTAGLIA FINALE CON LA FERRARI DI VETTEL



TEMPERATURE PIÙ ALTE DI TUTTO IL WEEKEND: 


PIT STOP UNICO PER LA MAGGIOR PARTE DEI PILOTI COME PREVISTO 



UN PO’ DI BLISTERING PER ALCUNI A CAUSA DELLA LUNGA CURVA 3 


MA SENZA IMPATTO SULLA PERFORMANCE DEI PNEUMATICI



Sochi, 30 aprile 2017 – Prima vittoria in carriera per Valtteri Bottas: il pilota della Mercedes ha conquistato il Gran Premio di Russia con una strategia ad un solo pit stop.
Quasi tutti i piloti hanno optato per una sosta unica, come sempre a Sochi. Bottas ha preso la testa della corsa alla prima curva, dopo essere partito terzo in griglia con mescola Ultrasoft, e ha cambiato con Supersoft prima del rivale diretto per la vittoria, Vettel. Vettel è rimasto in pista per sei giri in più rispetto a Bottas, cercando di sfruttare le gomme più nuove per raggiungerlo nelle fasi conclusive. I primi otto al traguardo hanno  tutti utilizzato la stessa strategia con Ultrasoft al via e cambio su Supersoft.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

MARIO ISOLA – RESPONSABILE CAR RACING

“Il Gran Premio di Russia si è giocato sulle strategia che avevamo previsto, nonostante l’ingresso della safety car all’inizio e le temperature più elevate di tutto il weekend. Si è formato un minimo blistering sul pneumatico anteriore sinistro di alcuni piloti, a causa della lunga Curva 3, ma questo non ha influenzato le prestazioni. La superficie liscia e il previsto basso degrado hanno spinto la maggior parte dei piloti a optare per una sola sosta. Abbiamo visto diverse strategie relative alla tempistica dei pit stop, in particolare da parte di Bottas e Vettel. Ciò ha reso questa gara molto emozionante fino alla bandiera a scacchi”.

LA PREVISIONE PIRELLI

Strategicamente la gara si è sviluppata come previsto. Avevamo ipotizzato che la strategia più veloce fosse ad un solo pit stop, con passaggio da Ultrasoft a Supersoft dopo il giro 26. Bottas si è fermato al giro 28, mentre Vettel ha proseguito per altri sei giri prima di effettuare la sosta. La tempistica scelta per i pit stop è stata influenzata dalla safety car iniziale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui