GP BELGIO: la cronaca della gara

0



Spa-Francorchamps, Belgio. Tredicesima
gara della stagione. In pole position
troviamo una Mercedes, quella di Nico Rosberg,
seguita da Verstappen, Raikkonen, Vettel e Ricciardo. Solamente in 21^ posizione Hamilton, costretto a partire dal fondo per aver montato più
elementi della power unit oltre i 5 consentiti in stagione.


Ferrari, Rosberg e Ricciardo hanno
giocato un jolly in qualifica,
riuscendo a passare il taglio della Q2 con la gomma soft.
La supersoft, infatti, degrada molto rapidamente.
Ci
siamo: sulla griglia di partenza, tutto è pronto…. si accendono i
semafori…. tre, quattro, cinque….. VIA
VIA VIA, sono partiti!!

Scatta
bene Rosberg davanti, seguito da un ottimo spunto delle due Ferrari che sopravanzano Verstappen. Ma ecco che in curva 1 l’olandese si infila all’interno di
Raikkonen! I tre si toccano! Vettel finisce in testacoda, Raikkonen ha
una foratura e Verstappen distrugge l’ala
anteriore
! Ahi, ahi, ahi…. Gara compromessa per loro. Poche
curve più avanti Wehrlein tampona Button ed entrambi sono costretti
al ritiro.

Giro
numero 2. Sainz passa sopra qualche
detrito di troppo. C’è lo scoppio della
posteriore destra per lui con
rottura dell’ala posteriore. Finisce qui la sua gara. Virtual Safety Car in pista per ripulire i detriti. E’ sufficiente un giro. La pista torna
subito pulita e la gara può riprendere.
Dopo
le carambole iniziali Rosberg guida il
gruppo
davanti a Hulkenberg, Ricciardo, Bottas e Grosjean. Vettel è 15°; Verstappen lo segue, mentre Raikkonen
è in ultima posizione. Di
tutto questo ne approfitta Hamilton,
che è salito fino alla 12^ posizione.

Giro numero 6. Botto violentissimo dopo la salita dell’Eau rouge per Magnussen!
Macchina completamente distrutta, barriere anche! Safety Car in pista; il pilota fortunatamente esce da solo dalla
sua auto, anche se zoppicante. Con
questa Safety Car (che si preannuncia lunga), possono rientrare in gara, almeno
in parte, le Ferrari.



Al giro 9 viene concesso a Raikkonen di sdoppiarsi e riportarsi così in fondo al gruppo. E’ evidente però
che la riparazione delle barriere
richiederà parecchio tempo. Whiting
ferma la gara con bandiera rossa. Tutti
rientrano in pit lane. Questo gioca a
favore di Rosberg e di Ricciardo
che non si erano fermati appena entrata in
pista la Safety Car e che possono così effettuare la prima sosta senza perdere
tempo. Hamilton, nel frattempo, è
risalito fino alla 5^ posizioneDopo 20 minuti di stop, le barriere
sono riparate e la gara è pronta a ripartire.

Giro
11
. La Safety Car rientra. Via libera alla gara. Rosberg inizia subito a prendere
il largo
su Ricciardo; dietro Hamilton
impiega un giro per sbarazzarsi di Alonso
e salire in 4^ posizione. Vettel si trova 11° e Raikkonen è già 15°. Davanti a lui c’è Verstappen
e subito si ingaggia un’altra lotta.
Raikkonen attacca in più punti, ma Verstappen si difende sempre. In modo corretto per i commissari; in modo
scorretto per tutti gli altri
.
Giro
13
. Vettel supera Palmer ed entra in zona punti.
Giro
16
. Vettel supera Grosjean e sale in 9^ posizione. Dietro Raikkonen è ancora
alle prese con uno scorretto Verstappen. Solamente al giro 17 gli riesce il
sorpasso. L’olandese, infatti, rientra ai box. Con lui la gomma media non
funziona. Intanto Vettel passa Kvyat per l’8^ posizione.



Giro 18: Hamilton supera Hulkenberg e
sale virtualmente sul podio; dietro continua la rimonta di Raikkonen che supera
Palmer e sale in 13^ posizione.

Giro 22. c’e la sosta ai box per Hamilton.
Gomma soft nuova per lui, per andare all’attacco della testa della corsa.
Rientra in pista 8° Intanto Raikkonen sfruttando la sosta di Kvyat e i sorpassi
sulle Haas entra in zona punti.

Giro 24. Vettel rientra ai box per
la sosta. Gomma media per il tedesco, per andare fino ala fine. Torna in pista 10°, dietro Verstappen, che però dovrà
fermarsi un’altra volta. Nel
giro successivo è la volta di Raikkonen per fermarsi ai box. Stessa strategia di Vettel per
lui. Gomma bianca e via fino alla fine. Torna in pista 11°.

Giro 26. Anche Ricciardo si ferma ai box.
monta gomma bianca e riparte. era
e 2° resta. Alle sue spalle c’è ancora Hamilton e davanti a lui c’è ancora Rosberg.
Il
tedesco si ferma ai box, nel giro 27.
Anche per lui c’è la gomma bianca pronta. Ritorna in pista ancora da leader, con circa 10 secondi di
vantaggio su Ricciardo.

Giro 27 in cui Vettel riesce a sbarazzarsi di Verstappen per l’8^ posizione. Ci
aveva già provato nel giro precedente, ma ancora scorrettamente l’olandese ha
chiuso la porta.
A
questo punto tutti sono con gomma media per andare fino in fondo, tranne
Hamilton che monta gomma soft. Gomma soft che però non è così più prestazionale
della bianca e Hamilton non riesce ad avvicinarsi ai suoi avversari.

Giro 33. Ultima sosta ai box anche per Hamilton. Montano gomma
bianca
anche sulla sua Mercedes. Scelta
strana
però, visto che aveva a disposizione anche la gialla e che mancano
solo 11 giri. Rientra in pista 4°, ma ci mette solo un giro a superare
Hulkenberg e a tornare quindi sul podio. Dietro
Vettel attacca prima Massa e poi Alonso, portandosi così, al giro 35, in 6^ posizione. Verstappen risale qualche posizione
nelle retrovie. Al momento è 11°. La
gomma nuova di Hamilton gli permette di girare più forte di Ricciardo, ma il
distacco ormai è abbastanza grande da colmare. Lo stesso vale per Vettel dietro
su Perez. Qualche giro è buono, ma il distacco è troppo ampio da una Force
India che va tutt’altro che male su questa pista.


Giri 40 e 41. Due giri velocissimi per Hamilton!
Il giro veloce della gara è suo in 1:51.583!


Giro 42. C’è tempo per un’ultima
emozione. Raikkonen supera Massa e
sale in 9^ posizione.


Finisce
così: dopo 44 giri scende la bandiera a
scacchi
sul traguardo! Rosberg vince,
anzi, domina il gran premio del Belgio. 2° Ricciardo e terzo Hamilton dopo una
grandissima rimonta. 4^ e 5^ le due Force India. 6° Vettel; 7° un fantastico
Alonso (partito 22°). 9^ l’altra Ferrari di Raikkonen. Subito fuori dai punti
Verstappen.
Gara
dominata in lungo e in largo da Rosberg, anche se la bandiera rossa gli ha
sicuramente dato un vantaggio. Fantastica la rimonta di Hamilton, così come la
gara di Alonso.
Buona
prestazione per Ricciardo, considerato che non era una pista proprio favorevole
a Red Bull.
Ferrari
ha raccolto il massimo dopo il patatrac della partenza.
Verstappen
voto 0 oggi, così come i punti che ha portato a casa. Personalmente non ricordo
un pilota così scorretto negli ultimi 15 anni. Forse con una squalifica in
stile Grosjean 2012 si calmerebbe….
Decisamente
buona la gara di Force India, ma su questa pista è sempre andata parecchio
bene.
Dopo
la pausa estiva la F1 non si ferma. Appuntamento a settimana prossima per il
gran premio d’Italia, in casa della Ferrari. Chissà che questo non dia una
bella carica in più alla rossa che oggi avrebbe fatto podio senza….

di
Alessandro Rana (@AleRana95)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui