Gran Premio di Russia 2016 – Qualifiche

Add Comment

NICO ROSBERG BATTE CON LE SUPERSOFT

IL RECORD SUL GIRO A SOCHI

Sochi, 30 aprile 2016 – Nico Rosberg ha stabilito il miglior tempo di sempre a Sochi conquistando la pole sui P Zero Red supersoft, battendo di oltre un secondo e mezzo la pole position dell’anno scorso. Visto che tutti i piloti hanno utilizzato le supersoft anche in Q2, è questo il pneumatico con cui i top 10 in griglia inizieranno la gara di domani. Con le temperature abbastanza basse di oggi in Russia, i piloti si sono dovuti concentrare attentamente sul portare in temperatura le gomme e condizioni simili sono attese per la gara di domani.

Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “Quella del GP di Russia è senza mezza termini una pista unica, perché presenta basso grip che mantiene consumo e degrado a un livello basso e consente anche lunghi stint. Per questo motivo abbiamo visto i piloti completare run di più giri in qualifica, con prestazioni consistenti dei pneumatici. Prevediamo che la strategia di una sola sosta sia la scelta preferita per domani ed è improbabile che sarà usata la mescola media”.
Come si sono comportati oggi i pneumatici:
Media Non vista durante le qualifiche e improbabile sia usata in gara.
Soft Prevedibile che i leader finiscano la gara con questo pneumatico: cruciale per la strategia.
Supersoft Poco meno di un secondo più veloce della soft e altrettanto competitiva nei long run.

Strategia di gara: Una sola sosta dovrebbe essere la strategia preferita sull'asfalto liscio di Sochi nei 53 giri di gara. Partire sulle soft o le supersoft fa una differenza minima rispetto al tempo di gara complessivo. Partendo sulle supersoft, la soluzione più veloce è passare alle soft dopo 18 giri. Partendo sulle soft, è meglio montare le supersoft attorno al giro 35. Alcuni team potrebbero azzardare le due soste, in teoria il modo più veloce per affrontare la gara, ma il rischio è il traffico. In questo caso: partire sulle supersoft, passare alle soft nel giro 12, poi di nuovo soft nel giro 32.
PROVE LIBERE 3 – I PRIMI 3 TEMPI
Hamilton1m36.403sSuper Soft – New
Rosberg1m36.471sSuper Soft – New
Vettel1m37.007sSuper Soft – New
QUALIFICHE TOP 10
Rosberg1m35.417sSuper Soft – New
Vettel1m36.123sSuper Soft – New
Bottas1m36.536sSuper Soft – New
Raikkonen1m36.663sSuper Soft – New
Massa1m37.016sSuper Soft – New
Ricciardo1m37.125sSuper Soft – New
Perez1m37.212sSuper Soft – New
Kvyat1m37.459sSuper Soft – New
Verstappen1m37.583sSuper Soft – New
Hamilton  
STINT PIÙ LUNGHI FINORA
MEDIUMWehrlein7 giri
SOFTSainz J24
SUPERSOFTHaryanto23
MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA FINORA
MEDIUMPalmer1m42.886s
SOFTHamilton1m38.311s
SUPERSOFTRosberg
1m35.337s

GP SOCHI: l'analisi dei passi gara

Add Comment
Le prove libere odierne hanno messo in luce per l'ennesima volta una Mercedes W07 Hybrid stratosferica.

Il tracciato di Sochi, per come è sviluppato, esalta le caratteristiche aerodinamiche della vettura teutonica oltre a quelle dinamiche per via di un asfalto poco abrasivo e temperature ambientali particolarmente basse. Ma qui a Sochi il grosso del vantaggio Mercedes lo trova sicuramente nella propria Power Unit che come ben sappiamo è molto efficiente nel recupero di energia elettrica: l'MGU-H, quel motore che ha dato molti problemi a Lewis Hamilton nel GP di Cina, in realtà ha tantissimi pregi e ben pochi difetti, riuscendo a ricavare da una perfetta gestione del gruppo turbocompressore parecchia energia da inviare o alla batteria o direttamente ad MGU-K. E non è per niente un caso se la Williams su questo tracciato sembra tornata la vera Williams, soprattutto sul passo gara. 

Ma passiamo al sodo, e all'analisi quindi dei passi gara: Hamilton è stato il pilota più veloce in configurazione di qualifica e anche in simulazione gara se prendiamo in esame il run con le gomme più morbide utilizzabili sul tracciato di Sochi, ossia il compound SuperSoft. Il pilota inglese si è dimostrato finalmente a proprio agio con la W07 e molto competitivo girando con un passo medio del 1:41,8. Almeno per ora il compagno di squadra nonché Leader della classifica del Mondiale Nico Rosberg, non è riuscito a tenere il passo del campione del mondo 2015 girando con un ritmo 7 decimi più elevato (1:42,5). A differenza del compagno di squadra, il pilota tedesco della Mercedes ha effettuato anche un secondo stint con le gomme Soft usate come si può ben vedere dalla tabella in basso. 
Dal punto di vista tecnico, come vi abbiamo mostrato nella giornata di ieri, Mercedes è arrivata un Russia con una modifica all'ala anteriore che però non sembra sia piaciuta troppo ai due piloti del colosso tedesco. Ritornando ad analizzare il primo stint di Lewis Hamilton, colpisce il fatto che il pilota inglese è riuscito a girare, come potete osservare dai grafici in basso, ben sei volte sotto il muro del 1:42,0 mentre Rosberg ci è riuscito solo 1 volta. Un altro dato molto chiaro sullo stato di forma dei due Mercedes è che Hamilton non è mai salito sopra l'1:43,0 mentre Rosberg ha girato sopra questo tempo per soli due giri. 

Su quasi tutte le vetture, esclusa Mclaren e RedBull, le gomme SuperSoft hanno accusato un bassissimo degrado e quindi, il primo stint di gara sarà piuttosto lungo, un po come si fece ad ottobre 2015. A livello strategico non dovrebbero esserci quindi grosse sorprese in quanto le soste previste saranno solo UNA per la maggior parte dei piloti. Chi partirà con le super soft effettuerà l'ultima fase di gara con le soft mentre chi userà in partenza le soft farà un lunghissimo primo stint per montare le super soft negli ultimi 20 giri finali della corsa. Con la sorpresa di qualche top driver che potrebbe cercare il "tempone" nel Q2 con le "gialle" viste le termiche previste. Pirelli purtroppo non si è fidata a portare le UltraSoft già qui in Russia per via degli elevati carichi presenti soprattutto nella lunga curva 4.


Dopo Mercedes, stranamente a dire la verità, si è inserita in questo primo pomeriggio italiano la Williams che grazie a Bottas, per la prima volta in questa stagione ha dimostrato di essere piuttosto competitiva soprattutto sul passo gara. Entrambi i piloti del Team di Groove hanno realizzato un primo stint con gomme SuperSoft usate girando con un passo di 1:42,7 per Bottas e 1:43,3 per Massa. Tempi abbastanza buoni ma purtroppo per loro ed anche per gli appassionati di Formula 1, non confrontabili con il passo gara avuto da Lewis Hamilton. 

Nel secondo stint con gomme questa volta Soft, il passo tenuto da Bottas è stato ottimo riuscendo ad essere di ben 3 decimi più veloce rispetto a Rosberg. Massa invece, pur girando su tempi abbastanza costanti, non ha dimostrato di avere il passo del compagno di squadra, prospettandosi quindi un altro, forse l'ennesimo weekend molto difficile per il pilota brasiliano che sta seriamente rischiando il posto per il 2017. 

In casa Ferrari quest'oggi è stata una giornata di duro lavoro per trovare il giusto assetto della SF16-H. Come vi abbiamo già mostrato nella giornata di ieri, e come avevamo anticipato nei giorni scorsi, la Ferrari è arrivata in Russia con delle modifiche alla parte termica della Power Unit oltre ad una nuova versione di ala anteriore che è stata oggetto di comparazioni con la versione precedente nelle prime prove libere. La notizia positiva è che la tanto attesa novità all'anteriore sembra sia piaciuta ai due piloti della rossa, tanto che l'hanno voluta utilizzare fin da subito nelle libere del pomeriggio. Purtroppo però la SF16-H è ancora una vettura tutt'altro che affidabile, una vettura che quasi certamente non vincerà il campionato del mondo 2016 di F1 perchè senza la giusta affidabilità non si va molto lontano. Un problema di natura elettrica ha infatti colpito la nuovissima arma del Team italiano guidata da Sebastian Vettel, non permettendo quindi al Team e anche al pilota tedesco di completare il lavoro programmato che è fondamentale quando disponi di una vettura completamente nuova come la SF16-H.

Entrambi i piloti della Ferrari durante le seconde prove libere sono riusciti ad effettuare le simulazioni di qualifica dimostrando un buon potenziale pur lottando, un pò come tutti i piloti, con il corretto riscaldamento delle gomme SuperSoft che con le condizioni ambientali odierne hanno fatto veramente fatica a dare il meglio di sé soprattutto sul giro secco.

Per via del problema sopra descritto alla vettura di Sebastian Vettel, il lavoro in vista della gara è stato effettuato solo da Kimi Raikkonen; il pilota finlandese ha simulato solo la prima parte di gara con il compound supersoft. Il passo gara, in questo venerdì russo, non sembra per niente incoraggiante: oltre ad essere più lento delle due Mercedes, Raikkonen ha preso paga anche dalla Williams di Bottas. La SF16-H, pur con la grossa scusante di aver girato piuttosto depotenziata per salvaguardare il nuovo ICE oltre che il gruppo turbocompressore, ha dimostrato di non essere in palla dal punto di vista di assetto. E dei tre settori, quello in cui la SF16-H soffre maggiormente non è stranamente il terzo settore di questo tracciato, ossia il più lento. Quello è un settore dove si affrontano principalmente curve a 90° e dove i problemi di gestione del turbo-lag, uniti ad una vettura ancora non al top sulle curve più lente, ahimè si fanno molto sentire.



Parlando degli altri Team, la Mclaren si può dire che pur girando piuttosto scarica abbia destato una ottima impressione dimostrando per l'ennesima volta le buone doti telaistiche e aerodinamiche. Purtroppo i problemi di gestione del compound SuperSoft non sembrano completamente risolti, mentre un po meglio Button è andato con la mescola Soft che si è comportata meglio anche per via delle fresche condizioni ambientali. Il duo della Mclaren però può considerarsi piuttosto soddisfatto pensando che il gap motoristico è ancora molto, troppo ampio. 

E la RedBull che tanto avevamo apprezzato in Cina, ha fatto già qualche passo indietro; ciò è da spiegare dalle condizioni molto diverse dell'asfalto oltre che a delle pressioni che quest'oggi hanno creato molti meno problemi di settings agli altri Top Team rispetto allo scorso Gran Premio. I maggiori problemi la RedBull li ha incontrati con la mescola più soffice, visto che Kvyat nella sua simulazione è stato il pilota in pista dei Top Driver con il maggior degrado (al di sopra del secondo contro i pochi decimi accusati da Mercedes e Ferrari). Problema che non si è presentato invece per Ricciardo nel suo run su gomme Soft di ben 22 giri (43.3, tempo molto vicino a quello fatto segnare da Sainz di Toro Rosso su un run da ben 24 giri), portato dal pilota australiano nel giusto range di temperatura ma come già detto poco sopra, far funzionare la Soft con queste condizioni ambientali oggi era molto più facile rispetto alla mescola SuperSoft. E' proprio per questo motivo che la Ferrari ha preferito concentrarsi con Kimi Raikkonen sulla simulazione del passo gara con il compound più morbido poiché le condizioni che troveranno i Team domenica non saranno troppo diverse da quelle odierne dal punto di vista termico. 

Concludendo l'articolo, c'è sicuramente da sottolineare come la favoritissima per la vittoria del Gran Premio di Russia in quel di Sochi è certamente la Mercedes e principalmente Lewis Hamilton che vuol da subito accorciare il grande gap che lo separa dal compagno di squadra. Per la Ferrari si sapeva che questo poteva essere un Gran Premio difficile, poiché le caratteristiche del tracciato non esaltano i tanti pregi della SF16-T; anzi mettono tanto in evidenza quel grosso problema di energia sprecata dal turbocompressore, che dovrebbe invece essere utilizzata dall'MGU-K per uscire più velocemente dalle curve lente soprattutto del terzo settore. Sarà una serata intensa nel motorhome del Team italiano dove piloti, e soprattutto ingegneri, dovranno trovare la giusta quadra per avvicinare nella giornata di domani, anche grazie a un po di CV odierni mancanti, la SF16-H alla W07. E' si, perchè la rossa in Russia ha anche un nuovo motore endotermico che potrà garantire nella giornata di domani quei 5-10 CV che possono anche significare un decimo di secondo al giro. E poi per domenica bisognerà puntare tutto sulla costanza di Kimi (Vettel verrà penalizzato di 5 posizioni in griglia di partenza per la sostituzione del cambio) che dovrà fare un mezzo miracolo anche solo per centrare la seconda posizione! Mercedes e (forse) Williams permettendo!

GP SOCHI: Ferrari "promuove" la nuova ala

Add Comment
In casa Ferrari, al contrario di ciò che hanno fatto i Mercedesdopo alcune prove comparative effettuate durante le Prove Libere 1, è stata confermata la nuova versione di ala. Essa, per chi si fosse perso le seconde prove libere è stata utilizzata su entrambe le SF16-H a dimostrazione che i dati raccolti nelle primissime prove libere hanno dato segnali e sensazioni confortanti



La nuova ala ha subito grossi interventi nella zona dei flap superiori che si presentano con una forma molto più filante rispetto alla vecchia versione. Questi flap sono composti ancora da due elementi ma su quello superiore è stata aggiunta una piccola soffiatura

Confermato il grosso deviatore di flusso ancorato al profilo principale utile a deviare il flusso d'aria esternamente agli pneumatici anteriori. Questo deviatore di flusso, fin dai test di Barcellona, presentava un piccolo taglio a "V" che nella nuova versione è stato eliminato.

Anche gli upper flap, rispetto alla precedente versione, non hanno subito interventi. Nella zona degli endplate è stato confermato il piccolo flap utile a creare deportanza e deviare flusso d'aria verso l'alto.

Foto @AlbertFabrega - Edit FUnoAnalisiTecnica
In prossimità del bordo d'uscita del profilo principale sono stati collocati, come potete osservare in basso, dei piccoli generatori di vortice che hanno una duplice funzionalità:
  • mantenere stazionario il flusso sull'ala e a "rimescolare" il flusso all'interno dello strato limite con quello al di fuori dallo strato limite in modo da ri-energizzarlo. Grazie a queste particolari appendici si riescono a ritardare gli effetti di separazione del flusso(quindi lo stallo e drammatici aumenti di resistenza). I generatori di vortici in generale aumentano un po' la resistenza perché creano dei vortici, ma evitano che in certe condizioni la resistenza aumenti in modo eccessivo a causa della separazione
  • evitare che i riccioli di gomma possano occludere i soffiaggi compromettendo il funzionamento dell'ala



GP SOCHI: rimandata a Barcellona la nuova ala Mercedes

Add Comment
Sulla Mercedes W07 Hybrid, dopo alcuni giri di collaudo nelle prime prove libere, è stata abbandonata la nuova ala anteriore dotata di modifiche nella zona degli endplate (clicca qui per analisi approfondita).

Foto AMus
Per gli anglo tedeschi non si tratta di una bocciatura della nuova versione di endplate in quanto è stata portata in pista per cercare di raccogliere alcuni dati da analizzare poi in fabbrica, apportando se ne sarà il caso, eventuali correzioni per il prossimo Gran Premio, in Spagna.

Gran Premio di Russia 2016 – Prove libere

Add Comment
MERCEDES PIÙ VELOCE IN ENTRAMBE LE SESSIONI
SU UN CIRCUITO IN RAPIDA EVOLUZIONE

TEMPERATURE DELLA PISTA PIÙ ALTE RISPETTO ALL’ULTIMO
GP DI RUSSIA, SVOLTOSI SOLO SEI MESI FA

MENO DI UN SECONDO DIVIDE LA MESCOLA SOFT DALLA SUPERSOFT,
APRENDO A MOLTE OPZIONI IN FATTO DI STRATEG
IA
Le temperature della pista nella primavera russa sono più alte rispetto a quando si è svolta la gara precedente, sei mesi fa, ma le caratteristiche essenziali del circuito di Sochi sono rimaste immutate: rapida evoluzione, con la pista inizialmente ‘verde’ che si gomma giro dopo giro, e una superficie molto liscia, che riduce consumo e degrado al minimo. La maggior parte dei piloti ha utilizzato i pneumatici supersoft già nelle FP1, molto adatti al layout della pista, e usati in entrambe le sessioni per fare i migliori tempi.

Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “Oggi in entrambe le sessioni abbiamo visto in azione i pneumatici soft e supersoft, e Mercedes e Ferrari hanno fatto diverse scelte strategiche sul loro uso. Con meno di un secondo tra le due mescole, la supersoft sembra essere la gomma da qualifica per domani e sarà interessante vedere se la gomma a mescola media entrerà o meno in gioco durante il weekend di gara. Adesso abbiamo moltissimi dati da analizzare, ma le prime indicazioni suggeriscono che potrebbe essere possibile una sola sosta: anche se è improbabile che sia la strategia più veloce. Tutto dipende dall’evoluzione della pista: una caratteristica di Sochi che continuerà a essere determinante per tutto il weekend”.

FP1 – TEMPI    FP2 – TEMPI  
1. Rosberg1m38.127sSupersoft new 1. Hamilton1m37.583sSupersoft used
2. Hamilton1m38.849sSupersoft new 2. Vettel1m38.235sSupersoft new
3. Vettel1m39.175sSoft used 3. Rosberg1m38.450sSoft new
FP1 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA
MEDIAWehrlein1m44.512s
SOFTRosberg1m39.097s
SUPERSOFTRosberg1m38.127s
FP2 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA
MEDIANessuna media 
SOFTHamilton1m38.311s
SUPERSOFTHamilton1m37.583s
STINT PIÙ LUNGHI DELLA GIORNATA
MEDIAWehrlein7 (laps)
SOFTSainz24
SUPERSOFTHaryanto23
Statistiche pneumatici del giorno:
 MediaSoftSupersoft
km percorsi *10536933112
set usati in totale **104838
maggior numero di giri **73529
* I numeri indicano la quantità totale di chilometri percorsi oggi in FP1 e FP2, tutti i piloti insieme.
** Per mescola, tutti i piloti insieme 
Pressioni minime prescritte per pneumatici slick: 23 psi (ant.) 19,5 psi (post.)

Il fatto del giorno Pirelli: Prima dell’inaugurazione di Sochi nel 2014, il Gran Premio di St Petersburg si svolse due volte nel 1913 e 1914. La prima gara fu vinta dal pilota russo Georgy Suvorin su Benz, la seconda dal tedesco Willy Scholl, anche lui su Benz da 35 cavalli.
Visto oggi nel paddock: Sergey Sirotkin. Questa mattina il 20enne pilota russo, che nel 2014 era stato indicato per un sedile ufficiale in Sauber, ha girato per la Renault nelle FP1, stabilendo un più che rispettabile 13° tempo (meglio del compagno di squadra). Attualmente impegnato in GP2, nella prossima stagione punta a un ritorno in F1. 

GP SOCHI: 3 gettoni per Ferrari, 2 gettoni per Mercedes

Add Comment
Nessuna sorpresa in Russia dove le due Ferrari, come avevamo preannunciato giorni fa, sono scese in pista con due nuove unità endotermiche

I motoristi della Ferrari hanno utilizzato 3 gettoni dei nove rimanenti ad inizio stagione per effettuare alcuni interventi alla camera di combustione in modo da incrementare la volumetria dei gas di scarico. Questa modifica, oltre a garantire qualche cavallo in più al motore endotermico di Maranello, andrà a tamponare, almeno in parte, i problemi di energia elettrica trasferibile tramite MGU-K alle ruote
Come più volte sottolineato su queste pagine infatti, il troppo turbolag relativo al gruppo turbocompressore va a "sprecare" attualmente parte di energia elettrica presente nella batteria. Con la nuova specifica di motore a combustione interna rimarrà in batteria più energia da trasformare in cavalli direttamente sulle ruote posteriori. 

Anche Mercedes, per questo appuntamento a Sochi, ha apportato delle modifiche alla propria Power Unit andando a modificare l'impianto di alimentazione del carburante. Per farlo ha utilizzato 2 gettoni, non  sostituendo le due Power Unit sulle W07 di Hamilton e Rosberg in quanto il sistema di iniezione non fa parte di quei componenti sottoposti a contingentamento.

GP SOCHI: prove comparative in casa McLaren

Add Comment
Durante le prime prove libere in casa McLaren sono state effettuate delle prove comparative tra i due piloti. Come abbiamo analizzato in precedenza, sulla vettura di Fernando Alonso si stanno provando i nuovi deviatori di flusso sulle fiancate con un piccolo ponte mentre sulla vettura di Button è montata la versione "classica".

Configurazione differenziata anche al posteriore in quanto il pilota spagnolo sta utilizzando un cofano motore più stretto mentre Button ha utilizzato la versione maggiorata che era stata portata in pista per la prima volta nei test di Barcellona 2.  


Si ringrazia @Joseki100 per la segnalazione

GP SOCHI: la McLaren MP4-31 con novità ai deviatori di flusso

Add Comment
Sulla McLaren MP4-31 oltre alla piccola modifica all'ala anteriore che abbiamo analizzato ieri, durante le prove libere di questa mattina si è notata un'altra novità sul corpo vettura della vettura di Woking.

Come potete osservare dal confronto in alto, i deviatori di flusso posti ai lati delle fiancate vanno ora a collegarsi al primo generatore di vortice formando cosi un piccolo profilo a ponte. Con questa modifica gli aerodinamici della McLaren, vogliono migliorare lo scorrimento dei flussi verso la zona posteriore della vettura. 

IMSA | ANTEPRIMA DEL MONTEREY GP DI LAGUNA SECA

Add Comment

Quarto appuntamento stagionale con il Monterey GP sul circuito di Laguna Seca. Da questa gara torneranno a partecipare le GTD, ricordando che quest'ultime non hanno disputato la terza gara di Long Beach. Si ripartirà dalla vittoria della Corvette DP del Wayne Taylor Racing che ha spezzato i due trionfi ottenuti dalla Ligier dell'Extreme Speed Motorsports - il team, come già detto più volte, tornerà per la 6 Ore di Watkins Glen e per la Petit Le Mans rimanendo, attualmente, impegnato full-time nel WEC - mentre in GTLM la Porsche ha spezzato anch'essa i due trionfi iniziali della Corvette.

Per la medesima gara non cambierà il Balance of Performance, già stato introdotto in occasione del GP di Long Beach.

Al via 42 vetture che, quest'anno, correranno in modo separato, comprese le prove libere: le P assieme alle GTLM e, invece, le PC assieme alle GTDEntry list ufficiale.

Come serie di contorno ci sarà il Continental Tire Sportscar Challenge, Porsche GT3 Cup USA e Lamborghini Super Trofeo North America.


Orari

Venerdì 29 aprile:
Prove Libere 1 (PC/GTD) | 20:45 - 21:45
Prove Libere 1 (P/GTLM) | 22:50 - 23:50
Prove Libere 2 (P/GTLM) | 01:20 - 02:20
Prove Libere 2 (PC/GTD) | 04:45 - 05:45

Sabato 30 aprile:
Prove Libere 3 (PC/GTD) | 21:00 - 21.45
Prove Libere 3 (P/GTLM) | 23:05 - 23:50
Qualifiche GTD | 04:30 - 04:45
Qualifiche GTLM | 04:55 - 05:10
Qualifiche PC | 05:20 - 05:35
Qualifiche P | 05:45 - 06:00

Domenica 1 maggio:
Gara (P/GTLM) | 23:15 - 01:15
Gara (PC/GTD) | 03.45 - 05:45

Qualifiche e gara visibili in live streaming sul sito web ufficiale.

GP SOCHI: le previsioni meteo

Add Comment

Prove libere 1° sessione – Venerdì ore 9:00/10:30 (ora italiana): prima sessione delle prove libere con cieli sereni e temperature intorno ai 15°C. Venti deboli dai quadranti sud-occidentali.

Prove libere 2° sessione – Venerdì ore 13:00/14:30 (ora italiana): seconda sessione del tutto simile alla prima, con temperature sempre fresche e venti deboli dai quadranti sud-occidentali.
 
Prove libere 3° sessione – Sabato ore 11:00/12:00 (ora italiana): la giornata di sabato sarà quella relativamente più incerta. Nella mattinata i cieli saranno comunque tra il sereno ed il poco nuvoloso, con temperature sempre relativamente fresche. Venti deboli dai quadranti occidentali.
 
Qualifiche – Sabato ore 14:00 (ora italiana): qualifiche che sono caratterizzate da una piccola incertezza: sull’immediato entroterra avremo un peggioramento del tempo, che nel pomeriggio/sera potrebbe portare a qualche debole precipitazione anche a Sochi. Basse comunque le probabilità che tali precipitazioni si spingano sul tracciato durante le qualifiche. Situazione che comunque andrà monitorata.

Gara Domenica ore 14:00 (ora italiana): gara caratterizzata da cieli sereni. Le temperature, a differenza di come veniva mostrato qualche giorno fa, non subiranno particolari cambiamenti, e risulteranno nel complesso fresche. Venti deboli dai quadranti meridionali.
   

GP SOCHI: la Red Bull continua ad evolvere l'ala posteriore

Add Comment
Gli aerodinamici del Team di Milton Keynes continuano ad evolvere la propria versione di ala posteriore, la quale come abbiamo già scritto più volte presenta tre soffiature nella parte alta della deriva verticale con l'aggiunta di una soffiatura unica verticale che va a collegarsi con la prima soffiatura orizzontale.


Per questo tracciato, che richiede un alto carico aerodinamico generato, sono stati aggiunti tre profili utili a ridurre l'effetto dello strato limite, e più in generale utili ad aumentare l'efficienza aerodinamica delle paratie.

Oltre a questa modifica sembra sia anche stata aumentata la dimensione della soffiatura verticale per cercare di incrementare il passaggio d'aria dalla parte esterna verso quella interna dell'ala in modo da incrementare la deportanza. Ma per confermare ciò servirà una immagine migliore.

GP SOCHI: la W07 Hybrid ha un nuovo endplate dell'ala anteriore

Add Comment
La Mercedes dopo aver introdotto delle modifiche di micro-aerodinamica nel recente GP della Cina, nel quarto appuntamento della stagione 2016 di Formula 1 ha pensato di sviluppare la propria ala anteriore.

Come si può ben vedere dall'immagine in basso la nuova versione di endplate differisce dalla precedente nella parte terminale in quanto la deriva verticale, nella zona più vicina agli pneumatici anteriori, è stata modificata introducendo due piccoli sfoghi tramite l'aggiunta di un piccolo profilo incurvato.
Foto @AlbertFabrega

Tali modifiche hanno lo scopo di energizzare e direzionare una maggior quantità di aria proveniente dall'interno dell'ala prima di essere deviato esternamente agli pneumatici. Questo secondo la nostra opinione porta ad una diminuizione della resistenza all'avanzamento generata dall'interazione tra flusso e Pirelli anteriori. 

GP SOCHI: la Mclaren modifica l'ala anteriore

Add Comment
Per chi ci segue costantemente o almeno durante i weekend di gara, si ricorderà che la Mclaren nel GP del Bahrain introdusse una nuova ala anteriore. Come potete osservare dal confronto qui in basso, la nuova ala anteriore era stata modificata in molte zone rispetto a quella introdotta negli ultimi test di Barcellona e utilizzata successivamente nel Gran Premio di Australia. 


La prima modifica che vi avevamo fatto notare era relativa all'attacco del mainplane alla zona neutra dell'ala che nella nuova versione, non presentava più una curvatura oltre ad essere completamente lineare. Oltre a ciò, erano state modificate inoltre le derive verticali poste sotto il mainplane, ora tre di numero mentre nella precedente versione erano quattro. Erano poi stati modificati anche gli upper flap che rispetto alla precedente versione erano stati maggiorati nelle dimensioni pur continuando a mantenere il flap a sbalzo composto da tre elementi con l'aggiunta di un grosso deviatore di flusso (soluzione simil Toro Rosso). 

Tutte queste modifiche sono state fatte con la funzionalità di incrementare il carico e migliorare il flusso d'aria diretto verso la parte posteriore della monoposto inglese.


Ora invece passiamo alla piccola modifica che il team con sede a Woking ha portato in Russia. Come si può ben vedere dall'immagine sopra mostrata, gli aerodinamici di Mclaren hanno aggiunto una piccola aletta sugli upper flap che funge ovviamente da deviatore di flusso, aiutando il flusso nel passare esternamente alle ruote anteriori ma ha anche la funzione di accelerarne la velocità con la possibilità di generare cosi maggior carico aerodinamico tramite gli upper flap.  

PIRELLI ANNUNCIA LA SCELTA DI MESCOLE E I SET OBBLIGATORI PER IL GP D’AUSTRIA 2016

Add Comment

Per il nono GP della stagione 2016 (30 giugno – 3 luglio), Pirelli schiererà a Spielberg* le seguenti tre mescole:
  • P Zero Giallo soft
  • P Zero Rosso supersoft
  • P Zero Purple ultrasoft
Questi i pneumatici assegnati da Pirelli per la gara:
  • 1 set di P Zero Giallo soft
  • 1 set di P Zero Rosso supersoft
(si ricorda che ogni pilota dovrà portare entrambi questi set in gara, con l’obbligo di utilizzarne almeno uno).

Questi i pneumatici assegnati per la qualifica Q3:
  • 1 set di P Zero Purple ultrasoft
(Come da regolamento: obbligo di conservare per Q3 un set della mescola più morbida fra le tre selezionate. Tale set andrà restituito a Pirelli dagli 8 piloti che si qualificano per Q3 mentre sarà a disposizione per la gara per tutti gli altri piloti, esattamente come avviene oggi).

I 10 set rimanenti (fra i 13 in totale) saranno a libera scelta da parte dei Team.
*Il regolamento 2016 relativo ai pneumatici prescrive che la nomination delle mescole per i GP ex-europei deve essere ufficializzata 14 settimane prima della settimana dell’evento. La nomination per le gare in Europa deve invece essere effettuata 8 settimane prima.
La scelta dei pneumatici sinora:

 PurpleRedYellowWhiteOrange
Australia SupersoftSoftMedium 
Bahrein SupersoftSoftMedium 
Cina SupersoftSoftMedium 
Russia SupersoftSoftMedium 
Spagna  SoftMediumHard
MontecarloUltrasoftSupersoftSoft  
CanadaUltrasoftSupersoftSoft  
Azerbaijan SupersoftSoftMedium 
AustriaUltrasoftSupersoftSoft