WEC, 6H BAHRAIN: PORSCHE X3, VITTORIA CON TITOLO MONDIALE PILOTI E COSTRUTTORI GT

0
Foto: Porsche Motorsport

Con la vittoria a Le Mans ed il titolo costruttori già vinto alla 6 Ore di Shangai, alla Porsche mancava l’ultimo da conquistare: il titolo piloti. La Porsche #18 vince la sua prima gara stagionale in Bahrain con Dumas, Jani e Lieb, al termine di una competizione che ha visto particolari problemi per la Porsche #17 di Webber, Hartley e Bernhard, i quali hanno visto più volte allontanarsi le speranze del titolo in favore dell’equipaggio Audi #7 di Lotterer, Fassler e Treluyer. Nonostante le complicazioni, specie alla prima ed ultima ora, i piloti della 919 Hybrid #17 sono riusciti a portarsi a casa il mondiale piloti, quest’ultimo è stato meritato, soprattutto per la costanza ma anche per le prestazioni raggiunte, oltre alle quattro vittorie di fila di Nurburgring, Austin, Fuji e Shangai. Non solo in LMP1, la Porsche vince anche il titolo costruttori GT, ponendo fine alla striscia di vittorie consecutive della Ferrari, iniziata nel
2012. In LMP2 vince la Ligier-Nissan #26 del G-Drive Racing, quest’ultimo team conquista il medesimo titolo oltre a quello piloti. In GTE
Am, arriva prima in gara l’Aston Martin #98, con il titolo team e piloti vinto dalla Ferrari #72 di SMP Racing.

Foto: Porsche Motorsport

Partenza
rapida delle due Porsche che staccano le due Audi, nonostante la R18 #8 si
dimostra subito agguerrita, specialmente sulla Porsche #18, in leggera
difficoltà
l’Audi #7. In LMP2 l’Oreca #47 del KCMG allunga sulla Ligier #26 del
G-Drive Racing. In classe GTE Pro, la Ferrari #51 si distacca dal gruppo GT,
assieme alla Porsche #92, da segnalare i 
3 minuti di stop n go per l’Aston Martin
#99
. La Ferrari #71 parte ultima e deve compiere la risalita, cosa che
inizia a fare con l’avversaria per il titolo piloti (Porsche #91), la quale gli è davanti. La Corvette
#50 in GTE Am
semina tutti,
mentre la Ferrari #72 in
difficolta,
la quale subisce i
sorpassi della
Ferrari #83, Porsche #77 e Aston Martin #96.

A mezz’ora
dall’inizio della gara la Porsche #17 causa dei problemi ad un’attuatore difettoso, il che la
costringono ai box con l’Audi #8 di Di Grassi che passa leader, lasciando anche
l’opportunità all’Audi #7 di tentare la corsa al titolo mondiale piloti. Poco
dopo c’è un leggero contatto tra la Ferrari #71 e BR01-Nissan #44, all’ultima curva. Dopo 10 minuti di riparazioni,
la Porsche #17 ritorna in pista, il distacco ammonta a 5 giri dall’Audi #8 leader. Primi pit stop a 5 ore e 20 minuti
dalla fine.

Le due Audi
#8 e #7 si avvicinano sempre più, la Porsche #17 è a 4 giri dal leader, sempre
in ultima posizione, dietro alle LMP1 private. Intanto in GTE Pro, la Ferrari
#51 guadagna secondi preziosi sulla Porsche #92, la Ferrari #71 è terza con
Rigon alla guida. 
A poco più di 4 ore al termine lotta in GTE Am tra la Corvette #50 di Roda e la Ferrari
#83
di Cressoni per la prima posizione di classe, mentre Hartley (Porsche
#17) inizia la caccia alle due Toyota, rispettivamente quarta e quinta. In
LMP2, fino ad ora,
la Oreca #47 KCMG
davanti alla Ligier #26 e Alpine-Nissan #36.



Contattoa tre ore e mezza dal termine, tra la
Toyota #1 di Nakajima e l’Alpine-Nissan #36 di Panciatici. In classe GTE Am le
due Porsche (#77 e #88), si contendono la seconda posizione, dietro alla
Corvette #50. Sospensione sinistra
da sostituire per l’Audi #8, costretta ad andare ai box, dando via libera alla
Porsche #18. Sospensione destra
rotta per la Ligier-Honda #31. Ripartita l’Audi #8, quando manca esattamente
metà gara, mentre è in corso la Full
Course Yellow
per ripulire la pista dai detriti. Al termine della FCY, l’Audi
#7 e la Porsche #18 iniziano i botta e risposta per la prima posizione.

A meno di 3
ore dal termine, lo
pneumatico anteriore sinistro si stacca dalla Ferrari #71,
la quale è costretta ad andare ai box percorrendo il cammino su
tre ruote. Al rientro,
Rigon (Ferrari #71), si trova in penultima posizione. In LMP1 sempre l’Audi #7
vs Porsche #18 per la prima posizione. La Porsche #17 è quinta a 5 giri
dalla vetta, con Webber alla guida; in LMP2 sempre il KCMG; GTE Pro la Porsche
#92 ed in GTE Am sono davanti le due Porsche #77 e #88 del Proton Competition.
A due ore dal termine la Ligier-Honda #30 causa un problema alla
sospensione
destra
; la Gibson-Nissan #42 di Strakka Racing si gira, lo stesso fa l’Audi #8.
Testa a testa la KCMG e la Ligier #26 del G-Drive, entrambe le vetture si
contendono il titolo piloti e team, al momento la Ligier è in vantaggio in
classifica.

Situazione, ad un’ora dal termine, che vede la Porsche #18 leader in LMP1; Ligier #26
leader in LMP2; Porsche #92 e Aston Martin #98 leader rispettivamente in GTE
Pro e Am. A un’ora e dieci minuti dal termine la Porsche #17 ai box per un
problema al motore elettrico, ricordiamo che con la quinta posizione attuale e
la seconda posizione dell’Audi #7, i piloti Porsche sono campioni del mondo. La
#17 riparte dopo pochi minuti con l’Audi #8 staccata di un giro.

All’ultima
ora ancora problemi per la Porsche #17, la quale viene passata anche dall’Audi
#8. La #17 corre senza ibrido, perdendo diversi secondi.
Stop n go di 3 minuti per l’Audi #8 a causa di alcune infrazioni durante l’ultimo pit stop. In GTE Pro la
Porsche va verso il titolo costruttori, piloti e team, interrompendo le vittorie della Ferrari nelle ultime tre stagioni. Da segnalare il terzo posto della Toyota #2, la casa giapponese ritorna sul podio dopo una stagione in salita e dopo l’ultimo podio conquistato in aprile alla 6 Ore di Silverstone.

Quì tutti i risultati della 6 Ore del Bahrain.


I verdetti:

LMP1
Titolo mondiale costruttori: Porsche

Titolo mondiale piloti: Mark Webber / Timo Bernhard / Brendon Hartley (Porsche #17)
LMP2
Titolo team:
G-Drive Racing #26

Titolo piloti: Sam Bird / Romain Rusinov / Julien Canal
GTE Pro
Titolo
costruttori:
Porsche
Titolo piloti: Richard Lietz

Titolo team: Porsche Team Manthey #91




GTE Am
Titolo team: SMP Racing #72
Titolo
piloti:
Andrea Bertolini / Aleksey Basov / Victor Shaytar

Nella giornata di domani (domenica 22 novembre), andranno in scena i rookie test, con orari che andranno dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 13:00 alle 16:00.


Il Mondiale
Endurance
riprenderà il 25 e 26 marzo con i test pre stagionali al Paul Ricard con la prima gara (6 Ore di Silverstone) fissata a domenica 17 aprile. (calendario 2016)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui