Ferrari SF90: c’è un’ala posteriore a cucchiaio

0

La Ferrari ha bisogno di più tempo. Il puzzle non è ancora totalmente ricomposto, anche se passi in avanti importanti sono stati fatti (soprattutto in Austria). Alcuni aggiornamenti, previsti per questo evento, sono stati posticipati ai prossimi Gran Premi. L’obiettivo ora è il GP d’Ungheria. Ma di certezze a Maranello ce ne sono poche dal punto di timing degli sviluppi.

Ferrari SF90: l’ala posteriore da più alto carico

Il problema è che la SF90 è una macchina ancora “incoerente” rispetto a quanto si aspettano tecnici e piloti. A volte si comporta meglio del previsto, altre no. Il perché è ancora un “mistero”. Intanto le gare passano e il Team italiano è sempre alla ricerca di quella vittoria che almeno in un paio di occasioni avrebbe comunque meritato (scegliete voi quale tra Bahrain, Canada e Austria).

Ferrari SF90: l’ala posteriore da più basso carico

Dopo aver analizzato la novità al cofano motore e al fondo, voglio segnalare che nei box del circuito di Silverstone è presente una nuova specifica di ala posteriore che presenta il mainplane nella ormai conosciuta forma “a cucchiaio”. Come già scritto nella giornata di ieri, il nuovo asfalto potrebbe creare dei dubbi ai vari Team per quanto riguarda l’assetto aerodinamico da utilizzare in questa edizione 2019 del Gran Premio d’Inghilterra. Lo scorso anno molti Team dovettero caricare molto le ali per sopperire alla scarsa aderenza data dalle tante ondulazioni presenti nell’asfalto. Quest’anno questo problema dovrebbe essersi attenuato in modo molto importante grazie alla riasfaltatura costata circa 6 milioni di euro dove 14 cm di asfalto vecchio sono stati eliminati per posarne 18 di nuovi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui