I commissari scagionano Verstappen, è lui il vincitore del Gran Premio d’Austria.

4

Nelle ultime settimane non possiamo certo dire che non si sia parlato di regolamento. Dopo i fatti del Canada che hanno tolto la vittoria a Vettel e la penalizzazione su Ricciardo per i sorpassi dell’ultimo giro al Paul Ricard, qui a Spielberg scoppia un’altro caso. Quando mancavano pochissimi giri alla fine del Gran Premio dell’Austria si consuma il “dramma sportivo”, grazie al contatto tra Charles Leclerc e Max Verstappen che alza un polverone enorme, puntando il dito sulla presunta scorrettezza dell’olandese. Durante la gara la commissione ha deciso di mettere sotto investigazione la manovra per poter giudicare con calma il fatto. Dopo il podio, testimone peraltro della grandissima delusione del ferrarista, i due piloti coinvolti nell’incidente sono stati sentiti dagli steward alle ore 18.00.

 
Questa riunione aveva lo scopo di parlare con i diretti interessati sui fatti accaduti in pista, ascoltando le motivazione di entrambi. Senza dubbio in questi casi non è mai facile prendere una decisione soprattutto a posteriori, ma visto che il contesto creatosi ha di fatto inciso sulla vittoria del Gran Premio, i commissari hanno giustamente voluto vederci chiaro prima di esporsi ad una decisione finale. Dopo 4 ore dalla fine dell’evento finalmente arriva il comunicato della FIA, che dopo aver esaminato con cura il caso decide di non cambiare il risultato della gara, giudicando la manovra di Max Verstappen non passibile di sanzione. 
 
Pertanto stasera gli uomini di Milton Keynes potranno ribadire i festeggiamenti di oggi pomeriggio, mettendo la parola fine sul caso. Giornata amara per la Ferrari che probabilmente pur disponendo al Red Bull Ring della vettura più competitiva, tra problemi e degrado eccessivo degli pneumatici deve ancora una volta rimandare l’appuntamento con la vittoria. Da rimarcare invece la prima gioia stagionale per la Honda, che festeggia il suo primo successo da quando nel 2015 sono rientrati in Formula Uno. 
 
Autore: Alessandro Arcari – @BerrageizF1
Foro: Formula Uno

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 11.0px ‘Helvetica Neue’; color: #000000}
span.s1 {font-kerning: none}

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 11.0px ‘Helvetica Neue’; color: #000000}
p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 11.0px ‘Helvetica Neue’; color: #000000; min-height: 12.0px}
span.s1 {font-kerning: none}

4 Commenti

  1. Con la doverosa precisazione, che amo i ruota a ruota alla Gilles Villeneuve vs René Arnoux, e che il mio pensiero è figlio di quanto accaduto in Canada e nulla di più: ridiamo la vittoria a Vettel? Perché se lui, che perse il controllo della vettura, tagliò la strada a Hamilton ed andava per questo punito, allora cosa si dovrebbe dire di un palese allargamento di traiettoria (fino al contatto)? Su, su, se vogliamo la Formula Uno con "il coltello tra i denti", sono più che felice, ma poi non si facciano "figli&figliastri". Indecorosi (complimenti a Verstappen e Leclerc, ancor di più a Vettel).

  2. In Canada sono state applicate le regole alla lettera e qui invece no.
    In questo caso Verstappen si è affiancato a Leclerc allungando la frenata, lo ha urtato e portato fuori pista e lui stesso è salito con la ruota sinistra sul cordolo (la traiettoria da lui impostata è stata tale da non lasciare neanche un millimetro di spazio prima della linea bianca).
    Per coloro che pensano che dare sportellate sia F1, consiglio di aspettare quando qualcuno farà una mossa simile in curve più veloci causando incidenti magari anche gravi (ricordo un duello di due macchine affiancate all'eau rouge a Spa nel 2011 tra Webber e Alonso). Secondo la decisione di oggi Alonso all'interno della prima curve avrebbe potuto toccare Webber che sarebbe andato a sbattere nelle barriere. Tutto ciò è F1?
    Sono abbastanza sicuro che a parti invertite avrebbero dato 5 secondi a Leclerc.
    In F1 ci sono alcuni piloti (Hamilton e Verstappen) e squadre (Mercedes) che hanno sempre un occhio di riguardo e che se raramente vengono investigati e puniti è solo perchè una completa mancanza di provvedimenti sarebbe un aiuto troppo palese.

  3. Butto giù tutto di getto… Leclerc e Vettel… la prossima volta chiudete e sbatteteli veramente fuori o a muro almeno la penalità sarà giusta. Senza farsi male però.
    Regolamenti interpretati a 'muzzo' e mai a favore di Ferrari. Come molti dicono la scuderia dovrebbe ritirarsi dai GP o fare le prove e poi non schierarsi, così poi si vede se gli introiti TV saranno graditi a Liberty media. Mi piace lo spettacolo e vedere gran premi con sorpassi sono un nostalgico dei duelli Arnoux-Villeneuve e ho adorato la voglia di sorpassi di Leclerc di Montecarlo, ma è la Fia che ha detto: i regolamenti sono questi e solo a fine anno si modifica (il sig. Toto su sky ha dribblato ieri, ma in Canada disse questo è il regolamento.) Ing Binotto metta in pista una macchina imbattibile perché altrimenti passeranno altri 20 anni o più prima di vincere il titolo.
    Povero Ricciardo anche Lui leone bastonato perciò non venitemi a dire che sono un Ferrarista miope e amante del colore rosso e basta.
    Duri nel giudicare la posizione di partenza della Haas? Hamilton retrocesso per ostruzione? Ma fatemi il piacere l'ipocrisia della giuria del GP di ieri nel valutare il contatto ha una sola risposta…. soldi ed interessi. Provate a pensare quale sarebbe stata la decisione se a Monza fosse avvenuta una cosa simile… Provo a suggerire la risposta: forse i giudici avrebbero dato ragione a Leclerc (oppure i giudici non sarebbero arrivati vivi all'aereoporto).
    La correttezza di Arnoux e Villeneuve la dovrebbero avere i giudici…..

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui