GP MONACO - PIRELLI: analisi qualifiche

DANIEL RICCIARDO IN POLE POSITION SU HYPERSOFT DOPO AVERE DOMINATO TUTTE LE SESSIONI DI PROVE LIBERE 

LA POLE POSITION DI RICCIARDO VALE IL NUOVO RECORD DEL CIRCUITO E MIGLIORA DI OLTRE 1,3 SECONDI LA POLE 2017

 LA STRATEGIA PIU’ PROBABILE E’ A UN SOLO PIT STOP. I PNEUMATICI HYPERSOFT SARANNO MOLTO UTILIZZATI IN GARA 


Monaco, 26 maggio 2018 – Daniel Ricciardo su Red Bull ha conquistato la pole position del Gran Premio di Monaco, grazie al tempo di 1m10.810s ottenuto con pneumatici P Zero Pink hypersoft che vale anche il nuovo record assoluto del circuito. Il pilota australiano ha dominato finora il weekend di gara, essendo il più veloce anche in tutte le sessioni di prove libere. Ricciardo è il terzo pilota ad avere ricevuto quest’anno il Pirelli Pole Position Award, insieme a Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Sir Jackie Stewart, vincitore tre volte del GP Monaco F1, ha consegnato il riconoscimento al pilota Red Bull, autore della pole che migliora di oltre 1,3 secondi quella del 2017. Anche se, come previsto, nelle prove libere i pneumatici Pink hypersoft hanno mostrato più degrado rispetto agli altri, la strategia più probabile per la gara rimane a un solo pit stop. Le condizioni meteo dovrebbero rimanere buone anche domani. 

MARIO ISOLA – RESPONSABILE CAR RACING
“I P Zero Pink hypersoft saranno molto utilizzati in gara e sarà quindi necessario tenere sotto controllo il graining e il degrado, soprattutto all’anteriore. Coloro che gestiranno al meglio questo fattore ne avranno sicuramente un vantaggio. Come sempre, i piloti fuori dalla top 10 potranno scegliere con quali pneumatici partire: sono possibili strategie alternative, in una gara dove la tattica è stata finora abbastanza prevedibile. Tutto dipenderà anche dall’eventuale ingresso della safety car, sempre probabile in questa gara. Il circuito di Monaco è unico nel suo genere: a ciò si aggiungono anche le prestazioni extra della hypersoft, e di conseguenza il maggior degrado dei pneumatici. Domani vedremo come questi fattori potranno condizionare o meno la gara: sarà molto interessante vedere la strategia di Max Verstappen, che partirà dalle retrovie”

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »