GP MONACO - FERRARI SF71H: mantenuti gli specchietti sull'Halo ma sono stati eliminati i due profili "aerodinamici"

Qualche giorno prima del weekend di Baku la Federazione Internazionale dell'Automobile aveva emesso una nuova Direttiva Tecnica dove andava ad autorizzare le squadre a modificare la posizione degli specchietti retrovisori. Entrando più nel dettaglio, dal Gran Premio di Spagna ogni team poteva posizionare gli specchietti retrovisori direttamente sull'Halo; una modifica apportata con uno scopo ben preciso e relativo alla sicurezza ossia quello di migliorare la visibilità dei piloti. Anche se qualcuno vedeva più un motivo di natura aerodinamica (e di ciò che ne consegue) dietro a queste richieste da parte di alcuni Team.


La Ferrari è stata il primo team ad adottare questo posizionamento ma si è spinta oltre collocando un profilo che la Federazione aveva inizialmente dichiarato regolare ma che, dopo alcune proteste di vari Team, è stato dichiarato non conforme al regolamento tecnico grazie all'emissione di una nuova Direttiva Tecnica che chiariva il tutto. La Fia, tramite il proprio responsabile tecnico Nicholas Tombazis, non ha accettato la spiegazione del Team italiano, il quale affermava che il profilo aerodinamico aveva come funzione principale quella di supporto per evitare troppe vibrazioni sullo specchietto. Il tecnico greco ha aggiunto che gli specchietti, i loro alloggiamenti e i supporti è capibile che possano avere l’intento di ridurre al minimo gli effetti aerodinamici negativi, ma devono anche avere benefici aerodinamici accidentali, o quanto meno minimi

La Ferrari SF71H nei box di Montecarlo / Foto Octane FUnoAT

Per questo Ferrari, in vista del Gp di Monaco, doveva tornare o alla soluzione "classica" oppure rimuovere il profilo. Il Team italiano, per ora, sembra aver optato per la seconda soluzione, mantenendo quindi gli specchietti collegati all'Halo ma eliminando i due profili che avevano una funzione prettamente aerodinamica, e solo secondariamente strutturale/di sostegno agli specchietti stessi. 

Autore: @smilextech

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »