GP di MONACO: i voti per la sesta gara della stagione



Daniel Ricciardo vince, nonostante qualche preoccupazione, il gran premio di Monaco davanti alla Ferrari di Vettel e alla Mercedes di Hamilton. Seguono quindi Raikkonen e Bottas. 9^ posizione per Verstappen, che nonostante la partenza dall’ultima piazza, riesce a raccogliere un discreto risultato. 


Al via tutto rimane invariato nelle posizioni con il distacco tra i piloti che resta contenuto nei primi giri. Si inizia a vedere del graining sulle gomme: quello maggiore è sulla Mercedes, infatti Hamilton è il primo a fermarsi. Segue quindi Vettel e poi Ricciardo che rispondono a catena per evitare un possibile undercut. 

Momenti di apprensione si hanno al giro 28: Ricciardo comunica di aver perso potenza e la sua leadership traballa. Si tratta di un problema alla parte ibrida, ma nel Principato il sorpasso è praticamente impossibile e nonostante un ritmo molto più blando rispetto ai giri precedenti, riesce a rimanere in testa fino alla bandiera a scacchi. 

Da segnalare nel finale l’ingresso della virtual safety car per l‘incidente tra Leclerc e Hartley dovuto alla rottura dei freni del pilota della Sauber. 

Ma cerchiamo insieme di dare i voti ai team e ai piloti per quanto visto oggi:

Red Bull: 9 al team; 10+ a Ricciardo; 7 a Verstappen
Impressionante la loro forza qui. Ricciardo leader dalla prima sessione di prove libere all’ultimo giro della gara passando per una pole stratosferica (l’unico sotto l’1:11). Il problema alla macchina in gara non l’ha condizionato e anche dai box sono stati bravi nel continuare a motivarlo.
Verstappen, che peccato! Aveva la macchina per stare anche lui in prima fila e giocarsela e invece ha dovuto partire ultimo perché al termine delle libere 3 l’ha messa a muro. Un errore troppo grave… Buona gara poi: i sorpassi sono pressoché impossibili e riesce comunque a chiudere 9°. Speriamo gli serva per il futuro… 



Ferrari: 7 al team; 7,5 a Vettel; 6 a Raikkonen
Gara tutto sommato discreta per gli uomini di Maranello. Vettel fa il suo in qualifica mettendosi davanti ad Hamilton e in gara raccoglie il massimo. Per passare Ricciardo doveva rischiare molto e Hamilton ha già avuto abbastanza regali nelle prime gare.
Raikkonen così così: mai a livello di Vettel in questo week end e rimane dietro la freccia d’argento dell’inglese… Poteva e doveva fare di più.



Mercedes: 7 al team; 8 a Hamilton; 7 a Bottas
Vale un po’ lo stesso discorso fatto per Ferrari: su una pista che doveva vederli in difficoltà raccolgono il massimo, quasi anche di più mettendosi in mezzo una rossa. Le gomme morbide per loro sono più “difficili”, ma hanno gestito le cose al meglio. Nel finale Hamilton non poteva nulla su Vettel così come Bottas (sempre leggermente dietro al compagno di squadra) su Raikkonen


Force India: 5 al team; 7 a Ocon; 6 a Perez
Buona la prestazione di Ocon: parte 6° e chiude 6°, ma il modo in cui ha fatto passare i Mercedes quando si sono trovati alle sue spalle dopo il pit è imbarazzante. E’ vero che anche lui fa parte della famiglia e che era su strategia diversa, ma rallentare in una parte di “dritto” non è bello da vedere...
Peccato per Perez fuori dai punti: in qualifica riesce a stare nel Q3, ma in gara un problema al pit stop con uno pneumatico gli fa perdere molto tempo e quindi le chance di restare nei 10.


Toro Rosso: 6 al team; 8 a Gasly; 5 a Hartley
Gara a due facce per il team italiano: Gasly porta la vettura in Q3 al sabato e con un’ottima gara riesce a chiudere addirittura 7°; Hartley rimane escluso nel Q1 e dopo una gara deludente è costretto al ritiro dopo l’incidente (in cui non ha colpe) con Leclerc, ma avrebbe comunque chiuso lontano dai punti anche a causa della penalità rimediata in pit lane. Le voci che lo vedono lontano dal team in un futuro non troppo lontano si fanno sentire un po’ di più…


Renault: 7 al team; 7 a Hulkenberg; 7 a Sainz
Uno weekend tutto sommato buono per il team francese: in qualifica meglio Sainz; in gara Hulkenberg. Nel complesso, comunque, i punti li portano a casa e difficilmente potevano fare di più ora come ora. Bello il gioco di squadra nel finale per tenersi dietro Verstappen e cercare di prendere i più punti possibili; peccato abbia ripagato solo in parte.



McLaren: 5 al team; 6,5 ad Alonso; 5 a Vandoorne
Ancora non ci siamo in casa McLaren: Alonso chiude un’ottima qualifica in 7^ posizione, ma in gara è costretto ad arrendersi per un problema tecnico. Vandoorne fuori in Q2 e fuori dai punti con una gara anonima. Si conferma ancora una volta che i problemi non erano solo di power unit…


Alfa Romeo Sauber: 7 al team; 7 a Leclerc; 5,5 a Ericsson
Non arrivano i punti, ma lo week end non è stato male. Leclerc ancora una volta ottimo in qualifica; costretto al ritiro in gara per un problema ai freni quando poteva chiudere 11°.
Piazza che prende il suo compagno di squadra dopo una gara discreta nonostante la deludente qualifica. 



Haas: 5 al team, 5 a Grosjean; 5 a Magnusen
Totalmente inesistente sulle strade del Principato, tant’è che verrebbe da chiederei se c’erano…
Scherzi a parte, la mancanza di carico della loro vettura si è vista tutta… Gara più che anonima, da dimenticare..




Williams: 2 al team; 6 a Sirotkin; 3 a Stroll 
Il team vanifica la buona qualifica in 13^ posizione del proprio pilota russo con un errore da veri principianti: le gomme non sono montate al segnale dei 3 minuti e Sirtokin è costretto a subirsi uno stop/go. Inaccettabile. 
Stroll continua ad essere un oggetto misterioso: nei suoi team radio si capiva come il suo set up facesse acqua da tutte le parti… la crisi iniziata in qualifica è proseguita in gara…






                                                                                                                                       @AleRana95









Share this

Related Posts

Previous
Next Post »