FERRARI SF71H - ANALISI TECNICA (PARTE 2): grande il lavoro svolto per ridurre la resistenza all'avanzamento

Prima di passare ad analizzare la parte centrale e posteriore della vettura è bene fare un piccolo passo indietro poichè se nella prima parte dell'analisi vi avevamo detto che l'ala anteriore non aveva subito modifiche degne di nota, in realtà non è proprio cosi. E ci scusiamo.

Grazie alla foto confronto del nostro lettore PasquAle sono ben evidenti le due piccole soffiature che il Team italiano ha inserito sul mainplane inferiore (freccia arancio) e quello superiore (freccia verde). Da notare anche un cambiamento per quanto riguarda gli upper flap che non si autosostengono più, ma grazie all'importante deviatore di flusso svergolato (freccia blu). Infine, finalmente il Team con sede a Maranello è riuscito a ridurre in sezione le prese di raffreddamento dei freni anteriori con un conseguente beneficio in termini di resistenza all'avanzamento.


Adesso è ora di spostarci verso il posteriore della vettura. Concentrandoci sulla parte centrale della SF71H, sicuramente la più interessante e ricca di novità, c'è da sottolineare come l'equipe diretta da Mattia Binotto sia riuscita ad evolvere e migliorare una soluzione che è stata copiata da vari team; stiamo parlando della parte iniziale delle pance. Le fiancate rimangono posizionate in posizione piuttosto arretrata per aumentare la distanza tra la ruota anteriore e la presa di raffreddamento laterale facilitando cosi la gestione dei flussi in uscita dall'ala anteriore e soprattutto controllando meglio gli effetti negativi generati dalla scia dei grossi pneumatici anteriori Pirelli.


Nella zona delle fiancate, gli aerodinamici di Maranello sono riusciti a realizzare una soluzione più estrema rispetto a quella dello scorso anno pur mantenendone i pregi e limitando al massimo i difetti. Il cono anti-intrusione è rimasto molto basso ma è stato integrato completamente nella fiancata. Come si può ben vedere dalla prima foto confronto, le prese di raffreddamento sono state molto rimpicciolite, permettendo ai tecnici del Team di Maranello di ridurre in modo importante le dimensioni trasversali delle pance che creano disturbi al flusso diretto verso il posteriore della vettura



Confrontando la SF71H alla SF70H dall'alto sembra che Ferrari non abbia ridotto la sezione trasversale delle pance nella loro massima posizione di ingombro ed invece non è cosi. La sezione della vettura che genera maggior resistenza all'avanzamento in quella posizione, ossia dove le pance risultano perpendicolari all'asse longitudinale della vettura, è stata quasi dimezzata. E' vero che poi la pancia tende ad allargarsi all'esterno vettura per poi iniziare la chiusura verso il posteriore, ma in quella zona il flusso non è bloccato, è solamente obbligato a scorrere verso l'esterno della SF71H. Insomma, una grande idea che generava però parecchio "drag" nella parte centrale della SF70H è stata evoluta in modo positivo puntando giustamente su una versione sicuramente più efficiente aerodinamicamente. 



Per quanto riguarda i bargeboard, quelli inferiori non hanno subito modifiche importanti rispetto alla specifica utilizzata a fine stagione passata; diverso discorso invece per i deviatori di flusso laterali che hanno subito un'importante restiling pur mantenendo la macro caratteristiche di quelli utilizzati la scorsa stagione.

Una delle zone che a vista è stata modificata in modo importante è anche la presa dell'airbox che è stata decisamente aumentata in dimensioni. Aumento necessario per inglobare al suo interno le "orecchie", utilizzate sul finire della passata stagione. Ricordiamo che, quella modifica derivava da un'importante novità al sistema di raffreddamento della parte ibrida della Power Unit italiana. L’airscope, come potete osservare dall’immagine in basso, è diviso in 3 zone: quella centrale porta aria al compressore mentre le due laterali vengono utilizzate come sistema di raffreddamento per la Power Unit.


Sul sistema di protezione Halo si notano delle appendici aerodinamiche, permesse dal regolamento tecnico, che hanno la funzione di energizzare lo strato limite limitando così gli effetti negativi in termini di qualità del flusso in arrivo sull'alettone posteriore. 


Prima di passare al posteriore della SF71H c'è sicuramente da analizzare la seconda importante modifica, forse la più innovativa vista finora montata sulle vetture che correranno questa stagione 2018 di Formula 1: stiamo parlando degli specchietti retrovisori "forati".


Una soluzione pensata per ridurre il bloccaggio e quindi la resistenza all'avanzamento determinata dai due componenti. Da notare la parte posteriore come funga da leggero deviatore di flusso per cercare di schiacciare (downwash effect) il flusso sulla pancia e spingerlo al di sotto dell'ala posteriore. 



Nella zona posteriore, anche sulla Ferrari SF71H c’è da segnalare la presenza della "deck wing", in una versione molto simile alla più classica T Wing che abbiamo potuto vedere in molti Gran Premi lo scorso anno. Il regolamento tecnico ha vietato le T-Wing come eravamo abituati a vedere nella passata stagione ma permette l’introduzione di queste appendici purché stia sotto i 650 mm e ad una distanza di non oltre i 50 mm dall'asse posteriore.

Confermato il doppio pilone di sostegno dell'ala posteriore, caratteristica di tutti i motorizzati Ferrari mentre per analizzare il fondo piatto servirà aspettare la giornata di lunedì quando la nuova arma di Vettel e Raikkonen scenderà in pista a Barcellona per il primo giorno di test ufficiali. 

Concludendo, se Mercedes ha cercato di risolvere principalmente i problemi meccanici e telaistici della W08 2017, con modifiche pur importanti ma comunque poco visibili, la Ferrari ha fatto lo stesso cercando di limitare la troppa resistenza aerodinamica che generava la SF70H. Ora parola solo alla pista ci dirà però chi ha lavorato meglio in questi ultimi 12 mesi. Voi puntereste su Mercedes o Ferrari?

                                                                                                              di @spontonc e @SmilexTech

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

9 commenti

Write commenti
22 febbraio 2018 22:08 delete

complimenti per tutte le analisi, tutte molto dettagliate e chiare!

Reply
avatar
22 febbraio 2018 22:23 delete

Tra le novità dell'ala anteriore c'é anche il "ricciolo" per portare l'aria all'esterno della ruota meno pronunciato e il marciapiede esterno più esteso.
Comunque per quanto riguarda le pance non capisco chi dice che sono molto più rastremate, forse é un illusione ottica ma a me, eccetto la parte anteriore, nella parte centrale le pance sono praticamente uguali e addirittura alla fine si aprono a "megafono". Stessa cosa per il rake, sembra molto simile. Comunque mi chiedevo una cosa, accanto all'apertura dei radiatori c'è una "zona" nera, secondo voi é un'appendice aerodinamica o un'ulteriore apertura del cofano motore?
Comunque grazie mille per i vostri articoli, siete l'unico sito che fa capire il lato tecnico Delle formula 1!! ;)

Reply
avatar
23 febbraio 2018 00:34 delete

Come detto da Gilofe, mentre analizzavo le foto confronto con la SF70H ho fatto molto attenzione a quell'area nera accanto le bocche dei radiatori che, viste anche le notevoli dimensione ridotte di quest'ultime sulla SF71H, ho pensato/sospettato potesse occultare delle piccole prese d'aria supplementari per il raffreddamento, ma non essendo così chiaro aspetto foto più dettagliate alla luce del sole durante i test.

Per quanto riguarda l'ingombro delle pance (viste in pianta) e relativa rastrematura verso il posteriore, in effetti tracciando questa curvatura e confrontandola con la stessa della SF70H sono praticamente identiche ad eccezione di piccole differenze nella parte iniziale meno "perpendicolare" all'asse longitudinale della monoposto (esattamente come descritto nell'articolo) e la parte terminale che tende appunto ad aprirsi a "megafono" come detto da Gilofe.

Per il resto è tutto perfettamente descritto nell'analisi di F1analisitecnica cui colgo nuovamente l'occasione per ringraziarli del lavoro svolto e molto apprezzato da noi VERI appassionati di F1.
La tecnica di queste moderne monoposto la trovo personalmente molto affascinante proprio nella loro complessità, la stessa che, purtroppo, allontana molta altra gente da questo fantastico sport, gente che crede debba contare solo il pilota...ma che dimentica il genio dei progettisti ed ingegneri!

Arrivederci settimana prossima per i test! E dire che io sarò a Valencia...terrò le orecchie puntate verso Barcellona...ah no, con l'avvento del turbo non sono più rumorose come i poderosi e vetusti (ironico) V10 dell'era Schumacher...mio idolo tra l'altro!

Reply
avatar
23 febbraio 2018 08:54 delete

Quella soluzione per gli specchietti, più che per ridurre l'avanzamento, non è invece stata adottata per creare un flusso d'aria "fresca" rivolto verso le pance? Non avendo realizzato un triangolo della sospensione in stile MB/RB (con relativi pro e contro), potrebbero aver deciso di "recuperare" un po' di aria con questo sistema...

Reply
avatar
23 febbraio 2018 14:26 delete

@pasquAle Ho risolto il nostro dubbio su quell'area nera, se vai a vedere un po' i video su YouTube (si vede bene nello stickering) é un'appendice aerodinamica,ma é quantomeno curioso che abbiano lasciato quella zona colore carbonio, magari c'é qualcosa in più di una semplice appendice. Questo mi fa capire che in Ferrari hanno fatto un gran lavoro per il raffreddamento della Power unit, perché le bocche dei radiatori sono veramente piccole!
Comunque sono d'accordo con te, la tecnica delle formula 1 é veramente affascinante, io sono appassionato della formula più per il lato tecnico e la passione per la Ferrari che per un pilota in particolare...e voi di f1analisitecnica siete veramente i migliori, rendete chiaro ogni aspetto di queste macchine, dall'aerodinamica al motore, grazie mille continuare così e non fatevi influenzare da quelli che vi criticano per la storia dell'anno scorso del passo lungo della Ferrari!!!

Reply
avatar
24 febbraio 2018 13:19 delete

@gilofe vedremo se nei test o nel corso della stagione la Ferrari saprà stupirci ancora con nuove soluzioni inedite! =D
Forza Ferrari!

Reply
avatar
26 febbraio 2018 11:06 delete

madonna quanto è brutto halo.

Reply
avatar
26 febbraio 2018 12:52 delete

Seguo la Ferrari da sempre, Sono sicuro che i numeri ci siano tutti... ho notato (scaramanticamente), nei campionati che vanno 1975 ad oggi, che c'è un rapporto tra il bianco sulla monoposto e la sfiga.

Ergo dovremmo finalmente averne meno degli altri anni. :)

Reply
avatar