GP BRASILE: le "zanne" della Mercedes W08 sono cambiate anche nella zona posteriore

Siamo giunti ormai a fine stagione ed i team, già da diversi mesi, si stanno concentrando sul lavoro per la prossima stagione. Per questo, in queste ultime due gare, sarà piuttosto difficile scovare delle nuove novità sulle varie vetture. Magari si faranno degli "esperimenti" che potranno diventare utili per lo sviluppo della monoposto per il 2018. 

Mercedes, in Brasile, si è presentata con la stessa vettura che abbiamo visto nei recenti appuntamenti di Malesia, Suzuka, Austin e Messico. E' interessante notare, grazie alle immagini di Albert Fabrega, che, le modifiche apportate sulle "zanne" (sono dei veri e propri convogliatori di flusso utili ad incanalare nella parte inferiore della vettura un flusso d'aria molto maggiore) non interessano solo la parte anteriore ma anche quella posteriore collocata in una zona piuttosto nascosta della vettura. Come potete osservare dall'immagine in basso, è possibile notare che la parte terminale del convogliatore di flusso presenta una forma diversa per cercare di migliorare il flusso d'aria diretto verso il posteriore della vettura. 

Foto Albert Fabrega - in alto la soluzione del Gp di Spagna e in basso quella introdotta in Malesia

Modifiche di dettaglio si possono notare anche sull'ala anteriore dove, sono state apportate delle modifiche di micro-aerodinamica (freccia bianca). 


Correndo in altura, l’aria è più rarefatta e quindi per raffreddare i vari componenti della Power Unit, e non solo, i team sono stati costretti ad utilizzare della aperture più generose sulle proprie vetture.  Proprio per i motivi sopra descritti, Mercedes, è stata costretta ad utilizzare ai lati del cockpit due aperture “extra” che hanno la funzionalità di evacuare l’aria calda dalle pance della W08. Una cosa analoga è stata fatta al posteriore con delle aperture molto generose presenti sul cofano motore.


Share this

Related Posts

Previous
Next Post »