GP MESSICO: Pole per Vettel ma Verstappen...

Sebastian Vettel è riuscito ad ottenere la pole position numero 50 in carriera ed ha portato la Rossa in pole position dopo lo "sfortunato" Gp di Singapore. Un giro favoloso quello del pilota tedesco che, secondo l'opinione personale di chi scrive, ha effettuato il suo miglior giro in carriera. Un grande applauso a Seb e alla sua SF70H che, come di consueto, è cresciuta molto da ieri ad oggi grazie al lavoro fatto dagli ingegneri sul setup e grazie alla pista che, gommandosi, è migliorata sensibilmente.



La vera sorpresa di queste qualifiche è stata senza dubbio la Red Bull RB13 di Verstappen che, su un tracciato dove è importantissima la potenza della Power Unit, è riuscita a sforare la pole position. Prima posizione che, analizzando gli intertempi, era chiaramente alla portata del pilota olandese. Max, velocissimo in Q2, non è riuscito a ripetere i best sector nel 1° settore e nel 3° settore nella fase decisiva della qualifica, consegnando, la prima posizione alla Rossa di Sebastian. Osservando la tabella in basso ci si può rendere conto che, Verstappen, è stato più lento di 242 millesimi rispetto al suo ideal time, mentre, Vettel, è riuscito a realizzare il suo giro perfetto nel momento più opportuno della qualifica. Verstappen, pilota molto veloce, deve ancora migliorare in questo aspetto se, nella prossima stagione, vorrà competere per il titolo contro "fenomeni" come Hamilton e Vettel che, difficilmente, sbagliano nei momenti che contano. 


In terza posizione troviamo Lewis Hamilton con una Mercedes W08 meno brillante rispetto a quella che abbiamo ammirato a Suzuka ed Austin. Il pilota anglo-caraibico ha faticato a portare nel giusto range di funzionamento le gomme anteriori e, più volte in queste qualifiche, ha dovuto effettuare più giri di lancio prima di sparare il proprio giro veloce. Anche lui, come Verstappen, in questa occasione, non è stato perfetto, infatti, poteva migliorare il proprio tempo di quasi 3 decimi ma non aveva il ritmo per poter andare ad infastidire Max e Seb. Una W08 che, rispetto a Red Bull e Ferrari, ha faticato molto nel terzo settore, quello più guidato, dove serve tanta downforce. Terzo settore in cui si poteva immaginare una Mercedes più in difficoltà, ma,  si pensava che, potesse fare la differenza nel 1° settore, dove, la potenza della Power Unit Mercedes ,poteva fare un'enorme differenza specialmente su Renault. 

Un Hamilton che non deve essere considerato fuori dalla lotta per la vittoria perché, la sua W08, nella giornata di ieri, ha dimostrato di essere molto veloce specialmente con le gomme Ultra Soft. 

Un dato emerso da queste qualifiche è il distacco rimediato da Ricciardo nei confronti del proprio compagno di squadra. Il pilota australiano, a differenza di Verstappen, non sta utilizzando l'ultima specifica di motore endotermico che, secondo i rumors, dovrebbe garantire un incremento di cavalli intorno a 10-15. Se analizziamo gli intertempi, possiamo notare che, anche Ricciardo, in Q3, ha perso performance rispetto alla Q2. Il suo ideal lap poteva essere migliore di 255 millesimi rispetto a quello realizzato. Se confrontiamo i tempi tra Ricciardo e Verstappen la differenza tra i due è stata fatta dal pilota olandese nel settore 2 e non nel 1° settore come si poteva pensare visto i minori cavalli a disposizione. Dove sta allora il problema? Sinceramente è una situazione piuttosto strana... aspettiamo la gara per poter avere qualche risposta in più a questa domanda. 

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »

4 commenti

Write commenti
28 ottobre 2017 22:36 delete

Questa situazione manda davvero in confusione i parametri di giudizio adottati sinora...
Sinceramente a me non dispiace :))

Reply
avatar
29 ottobre 2017 09:52 delete

altro che 10-15 cv, il nuovo motore Renault ha fatto una bella iniezione di olio, vedere accensione del nuovo motore di verstappen ai box....

Reply
avatar
29 ottobre 2017 16:14 delete

Il retrotreno della rb di verstappen è impressionante per come si bilancia....fa pensare ad una sospensione attiva

Reply
avatar
30 ottobre 2017 09:35 delete

Verstappen ha la sospensione attiva Ricciardo no Quindi si spiega tutto e come RB di sia avvicinata a MB e Ferrari Altro trucco di Newey e Arrivabene sta zitto Dopo la furbata olio di MD adesso quella di RB mi chiedo se così agnellino in mondo di lupi ....

Reply
avatar