GP MALESIA: la Ferrari SF70H aggiunge un bargeboard "a boomerang" - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

giovedì 28 settembre 2017

GP MALESIA: la Ferrari SF70H aggiunge un bargeboard "a boomerang"

Il velocissimo back to back Malesia - Giappone sarà davvero importante per i sogni di gloria della Ferrari e di Sebastian Vettel e per questo il Team italiano ha deciso di accelerare gli sviluppi tecnici per la propria SF70H. Sarà fondamentale per il pilota tedesco riuscire a recuperare parte dei 28 punti che lo separano, a "sole" sei gare dal termine della stagione, da Lewis Hamilton.

Oltre alla modifica analizzata precedentemente riguardante l'airbox (clicca qui per leggere), nei box di Sepang si sono notate anche delle importanti modifiche ai bargeboards della SF70H

Ferrari SF70H - La nuova specifica di bargeboard (foto Albert Fabrega)

Come potete osservare dal confronto in basso, i nuovi bargeboards sono composti ora da due macro elementi: dei pre-bargeboards a forma di boomerang (in verde) e i classici deviatori di flusso (in bianco) che sono stati modificati nella forma con la conferma delle due soffiature nella parte alta. 

confronto  
Nella parte bassa si può notare (freccia rossa) l'introduzione di un "mini pettine" già utilizzato da altri Team come RedBull, che ha principalmente la funzione di migliorare la generazione di carico aerodinamico tramite il fondo.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

5 commenti

Write commenti
28 settembre 2017 20:48 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
29 settembre 2017 17:12 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
29 settembre 2017 17:15 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
29 settembre 2017 17:18 delete

Quast'anno la ferrari la vedo molto sofistificata dal punto di vista aerodinamico come non mai; sono sulla strada giusta a mio avviso. All'inizio del campionato l'ho vista terribilmente stabile al retrotreno senza avere sottosterzo! merito della ardita soluzione del fondo che mi ha fatto capire sin da subito che stavo osando molto e non essere più conservativi come negli anni precedenti; quel fondo con le zone laterali che si flettevano per sigillare il flusso sotto il fondo allo scopo di renderlo più laminare riducendo le turbolenze e al contempo spostare all'indietro i montanti dell'alettone posteriore riducendo di fatto l'incidenza alare con conseguente meno resistenza all'avanzamento senza inficiare il carico aerodinamico, è stata degna del miglior Adrian newey

Reply
avatar

Powered by Blogger.