GRAN PREMIO DI UNGHERIA QUALIFICHE

PNEUMATICI SUPERSOFT USATI DA INIZIO A FINE QUALIFICHE: VETTEL GUIDA L’UNO-DUE FERRARI CON UNA POLE QUASI 3,7 SECONDI PIÙ VELOCE DEL 2016

TEMPERATURE ASFALTO OLTRE I 50° E PER DOMANI SI ATTENDONO CONDIZIONI SIMILI
LA STRATEGIA DIPENDERÀ DAI LIVELLI DI DEGRADO  CHE SI VERIFICHERANNO IN GARA

Budapest, 29 luglio 2017 – Sebastian Vettel su Ferrari ha conquistato la pole position del Gran Premio di Ungheria al termine di una qualifica disputata da tutti esclusivamente con pneumatici Red supersoft, circa 0,8 secondi più veloci rispetto ai P Zero Yellow soft.


I tempi sul giro sono migliorati costantemente, con il precedente record dell’Hungaroring che era già stato battuto in FP2. Già nel Q2 due piloti sono arrivati all’1m16, mentre nel Q3 i primi sei sono scesi sotto l’1m17s, con il tempo della pole di 1m16.276s: quasi 3,7 secondi più veloce rispetto al 2016. L’Hungaroring è un circuito di soli 4,381 chilometri, quindi questo risultato equivale al miglioramento più grande rispetto al 2016 in termini di secondi al chilometro.

Per domani possibili una o due soste: sarà il livello di degrado a determinare la strategia. La temperatura asfalto oggi ha raggiunto i 57° e le previsioni per domani sono simili.


MARIO ISOLA - RESPONSABILE CAR RACING


“Oggi il dato più significativo è il margine con cui è stata battuta la pole position dello scorso anno, con le prime sei monoposto che sono scese sotto 1m17s. La temperatura asfalto ha superato i 50° e ciò ha aperto alla possibilità di adottare una strategia a una o due soste, a seconda dei livelli di degrado che si determineranno in gara”.

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »