REDBULL RB13: ecco (finalmente) dove sfoga il foro sul muso della RB13 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

REDBULL RB13: ecco (finalmente) dove sfoga il foro sul muso della RB13

La soluzione tecnica che ha destato più curiosità, in questo breve ma intenso pre stagione, è stato sicuramente il foro presente nella parte anteriore della RedBull RB13. 

Dopo aver analizzato le prime fotografie vi avevamo scritto la scorsa settimana (CLICCARE QUI per maggiori informazioni) che la soluzione studiata dagli aerodinamici del Team di Milton Keynes, a quanto abbiamo potuto capire, non nasconde nessun trucco "illegale" ma risulta essere una scelta molto intelligente e perfettamente legale per quanto riguarda l'aerodinamica anteriore della monoposto di Milton Keynes.


Inserire un foro in quella zona del muso permette a Newey & Co di eliminare il deleterio blocco aerodinamico che si crea nella parte anteriore della protuberanza e permette di sfruttare una maggior area di passaggio per portare (maggiore) aria sotto al nosecone. 

Dal punto di vista regolamentare RedBull si è mossa molto bene nel senso che il muso della RB13 rispetta, a quanto capito, il regolamento tecnico 2017. Ma la vera domanda è: come RedBull garantisce la chiusura del profilo del proprio naso visto che un naso completamente aperto non è ammesso dal regolamento tecnico? Grazie ad una interpretazione del regolamento tecnico e inserendo all'interno della protuberanza dei piccoli profili inclinati (quello centrale a forma di V) lungo l'asse verticale della monoposto come si può notare dall'immagine in basso.


Ma mancava ancora un pezzo per chiudere il puzzle, ossia vedere se effettivamente l'aria sfogava nella parte posteriore del naso della RB13 come indicato nell'immagine che avevamo inserito nell'articolo della scorsa settimana (la prima di questo articolo). 

Grazie ad una immagine in arrivo da Barcellona possiamo chiarire l'ultimo dubbio: lo sfogo d'aria del'innovativo foro presente sulla RB13 è situato solamente qualche cm dietro l'ingresso. Viene quindi confermata la soluzione con scopi puramente aerodinamici studiata dal Team anglo austriaco.

The PJ

About The PJ

Subscribe to this Blog via Email :

9 commenti

Write commenti
anonimo
AUTHOR
9 marzo 2017 10:22 delete

Sempre molto abile la red bull in queste cose...complimenti. Ma quello che non capisco è se un naso aperto non è ammesso perchè hanno potuto fare un buco simile?...al netto di tutte le alette che ci possono essere dentro se ci passa l'aria vuol dire che è un buco no?..un buco è un buco giralo come vuoi ma sempre quello è.

Reply
avatar
9 marzo 2017 12:15 delete

Se avevo capito bene il regolamento vieta un profilo del foro perpendicolare alla direzione di marcia! Mi ero fatto questa idea.... Ma poi ho notato questa foto di vostri colleghi https://mobile.twitter.com/piusgasso/status/839209497159733251/photo/4
E non ci ho capito più nulla D:

Reply
avatar
9 marzo 2017 14:27 delete

Probabilmente nel regolamento ci sarà scritto che non seve esserci luce nella vista frontale.
Se non erro era stato scritto qualcosa di simile anche nel caso del doppio fondo.

Reply
avatar
9 marzo 2017 14:30 delete

Qua sembra che l'abbiano semplicemente svuotato per qualche ragione (pulizia? cambio incidenza lamelle? chissà)

Reply
avatar
9 marzo 2017 16:05 delete

Hanno copiato un idea portata in pista dalla Lotus E22 Renault nel 2014. Sembra che il gioco non valga la candela. Dal sito online della rivista automotive tedesca Auto-Motor und Sport ho intrapreso (se ricordo bene riportato nell'ambito del Live Ticker della seconda giornata di test) che la scelta effetuata dalla Red Bull non sia poi tanto innovativa. Da loro sapere sono diversi le scuderie che durante gli ultimi hanno studiato/provato a mettere appunto questo tipo di soluzione. Rendendosi conto che il benificio aerodinamico derivante pure da un'implementazione perfetta, risultava comunque molto limitato, hanno preferito abbandonare quello che comunque resta un progetto parecchio complicato da realizzare complice la norma che regola il crash test (due fasi di decellerazione)

Reply
avatar
manu
AUTHOR
9 marzo 2017 17:04 delete

Alla fine è un "anello" per evitare che l'impatto dell'aria con il muso crei attriti e turbolenze ulteriori?

Reply
avatar
The PJ
AUTHOR
9 marzo 2017 20:03 delete

E' il muso della dummy car che utilizzano per esercitarsi nei Pit Stop i meccanici della RedBull. Non è il naso della RB13.

Reply
avatar
9 marzo 2017 20:30 delete

Grazie, ecco spiegato l'inghippo.
A proposito, in luoghi esteri ho visto una strana ala Rb, con la zona centrale "dislocata". A parole non è facile spiegare, invece che essere a freccia, aveva i lati perfettamente piani, e la zona centrale traslata in avanti.
Anche quello era un muletto per le prove di pit?

Reply
avatar
9 marzo 2017 21:15 delete

nella stessa foto si vede la sezione centrale come un blocco più sporgente

Reply
avatar

Powered by Blogger.