FERRARI SF70H: l'analisi tecnica - PARTE 2 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

FERRARI SF70H: l'analisi tecnica - PARTE 2


..continua dalla PARTE 1..

La zona dei dei bargeboards  è piuttosto, troppo semplice rispetto a quanto visto su altre vetture e vedrete che cambierà molto negli otto giorni di test a Barcellona rispetto a quello che avete potuto vedere oggi.

Immagine 1

Le prese d'aria sulle fiancate sono la chicca della SF70H, rialzate e cambiate notevolmente nella forma (più larghe e di forma ovale) rispetto alla SF16-H. La forma è stata progettata in funzione della parte bassa della vettura ossia il grande svaso presente è necessario se si vuole incanalare verso il posteriore un maggior flusso d'aria. I nostri lettori non devono farsi trarre in inganno però da quella che sembra una presa d'aria aggiuntiva (in verde nell'immagine 1) visto che è solamente lo spazio che si crea tra i deviatori di flusso laterali alle pance, di tipologia "a ponte" e l'ingresso vero e proprio delle prese d'aria. Tre piccoli condizionatori di flusso, messi in risalto con i numeri in giallo, ma niente a che vedere in questa zona con le simil "corna" della Ferrari 2008 viste sulla W08 nella giornata di ieri.

Immagine 2

Parlando dei deviatori è giusto mettere in evidenza il fatto che sono composti nella parte alta da due macro componenti, separati da una piccola soffiatura che nelle immagini rilasciate non si nota ma possiamo garantirvi che c'è. Molto particolare anche il deviatore di flusso verticale non ancorato al fondo vettura ma solamente alle pance che lavorerà in simbiosi con i tanto complessi bargeboard. Il fondo, nel bordo di attacco, ha la parte iniziale rialzata per incanalare un flusso d'aria maggiore sotto la vettura che va ad alimentare il diffusore, cercando di aumentare il carico aerodinamico (l'1 in verde dell'immagine 2).  


Immagine 3

Modifiche anche alla forma degli specchietti, che non hanno ora più il supporto triangolare (1 nell'immagine 4) come sulla SF16-H oltre ad un nuovo profilo alare (2 nell'immagine 4) posizionato nella parte posteriore dei retrovisori, soluzione simile a quella utilizzata dalla Mercedes nel 2016 e già modificate sulla W08 2017.

Immagine 4
Per quanto riguarda l'airscope, la Scuderia Ferrari prosegue con il concetto giù utilizzato nelle proprie vetture precedenti senza progettare una versione simil Mercedes e quindi suddiviso in varie zone ognuna delle quali andrebbe a raffreddare una parte della Power Unit.


Il lavoro dei tecnici Ferrari è stato piuttosto positivo anche nella parte posteriore con una Coca Cola leggermente più stretta rispetto a quanto visto sulla SF16-H anche se c'è da dire che la rastremazione delle pance inizia leggermente in ritardo rispetto a quanto fatto da Mercedes. 



Sul fondo, in prossimità delle ruote posteriori, sono state riviste le soffiature utili a gestire nel migliore dei modi il fenomeno chiamato “Tyre-Squirt” e sigillare parte del fondo e del diffusore. Niente di che comunque, possiamo sicuramente aspettarci delle novità in questa zona da qui al Gran Premio di Melbourne.


Al posteriore è confermato anche sulla SF70-H l'utilizzo della pinna stabilizzatrice per cercare di "ripulire" il flusso d'aria diretto verso la bassa ala specifica 2017. Sull'estremità della pinna è stata collocata una piccola aletta, testata proprio nella giornata di ieri anche da Mercedes. Una soluzione completamente legale poiché posizionata fuori dalle misure indicate dall'articolo 3.8.4. La funzione di questa aletta è quella di energizzare il flusso d'aria diretto verso l'ala posteriore con un suo conseguente miglioramento nell'efficienza di generazione del carico aerodinamico


L'ala posteriore sembra essere in versione molto "provvisoria" e, fino ad ora, è l'unica tra le vetture presentata a non utilizzare il bordo d'ingresso degli endplate aperto. Una novità vista sulla SF70H rispetto alla SF16-H è l'utilizzo del bi-pilone rispetto alla soluzione a mono-pilone del 2016. Da segnalare la presenza del monkey seat, completamente rivisto rispetto alla versione 2016 e assomigliante a quella che abbiamo chiamato soluzione da" basso carico utilizzata da Mercedes sulla sua W07 2016. La Ferrari è la prima vettura che si presenta con il particolare componente aerodinamico. 

In ultima analisi si può notare che la sospensione posteriore è stata completamente rivista nei suoi cinematismi pur mantenendo lo schema pull rod. 

Cosi come tutti i retrotreni finora visti, bisognerà attendere delle foto migliori per effettuare una analisi più concreta e precisa, soprattutto per quanto riguarda il diffusore.

Concludendo si può certamente dire che, per ora, la Ferrari SF70H è una vettura sicuramente più convenzionale della W08, con meno soluzioni innovative ma a cui mancano, per quanto abbiamo potuto capire, ancora parecchi componenti che il Team italiano non ho voluto montare sulla propria vettura in fase di presentazione ma che vedremo sicuramente in pista nella otto giorni di test di Barcellona. 

di Cristiano Sponton e il PJ

The PJ

About The PJ

Subscribe to this Blog via Email :

25 commenti

Write commenti
24 febbraio 2017 14:08 delete

Posso sapere perché non avete dato il voto alla Ferrari ? Sono molto curioso di sapere qual è

Reply
avatar
Plasma
AUTHOR
24 febbraio 2017 14:28 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
Plasma
AUTHOR
24 febbraio 2017 14:28 delete

Scusa.. dove vedi i voti alle altre?

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
24 febbraio 2017 15:22 delete

Per come stanno attualmente le cose e prendendo per buoni i vostri insider che dicono di una vettura in fase di rivisitazione al posteriore, mi viene da sperare che Mercedes abbia toppato il progetto della W08

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
24 febbraio 2017 15:38 delete

Comunque è stato praticamente confermato che hanno una versione B con passo piu lungo.Sembra siano corsi ai ripari venendo a conoscenza del passo Mercedes e Red Bull.Detto questo cosi' a prima vista nom da certo idea di ordine e pulizia come visto sulla W08HQpower.Ovviamente è un concetto diametralmente opposto a quello Mercedes.Cio' non toglie che come accuratezza non siamo di certo a livelli di eccellenza.

Reply
avatar
Sandro
AUTHOR
24 febbraio 2017 16:42 delete

F1analisitecnica aveva ragione, questa macchina è l'ennesima ciofeca sfornata da maranello & co

Reply
avatar
24 febbraio 2017 16:44 delete

Beh..Dal mio punto di vista,dopo mercedes, è la squadra che meglio a sfruttato il regolamento per incanalare quanto più aria possibile al diffusore! Le pancie rastremate nella parte bassa e i deviatore ben si adattano a questo scopo meglio di quanto visto su williams,mclaren etc!certo, per ali si poteva fare qualcosina in più, ma credo che già a partire dai test vedremo qualcosa di nuovo!sul passo credo sia difficile esprimersi! Contento della notizia che parla di un motore completamente rivisto!tutto sommato,resto fiducioso...aspettando Red Bull!

Reply
avatar
Sandro
AUTHOR
24 febbraio 2017 16:44 delete

Anche se spero di sbagliare 😩

Reply
avatar
Sandro
AUTHOR
24 febbraio 2017 16:46 delete

Ecco hai detto bene redbull. Saremo dietro anche ai bibitari

Reply
avatar
Sandro
AUTHOR
24 febbraio 2017 16:46 delete

Ecco hai detto bene redbull. Saremo dietro anche ai bibitari

Reply
avatar
Nico K
AUTHOR
24 febbraio 2017 16:54 delete

Ma il terzo elemento della push road anteriore è già idraulico?? Avete news??

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
24 febbraio 2017 20:07 delete

Ma dove hai letto che F1analisitecnica ha detto che sarebbe stata una ciofeca??

Reply
avatar
24 febbraio 2017 21:20 delete

La cura dei dettagli e la ricercatezza aerodinamica mi sembrano un po' "altalenanti".
Si passa dal solito muso tagliato con l'accetta alla zona centrale molto curata e ricercata.
Sulle ali e bargeboard non mi esprimo in quanto cambieranno certamente a Barcellona.
O almeno spero.

Reply
avatar
24 febbraio 2017 21:20 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
Unknown
AUTHOR
24 febbraio 2017 23:24 delete

Ma siamo sicuri che quelle due feritoie superiori non vadano, effettivamente, in condotti separati dal flusso principale che entra nelle pance? Perche` da questa immagine frontale http://www.f1fanatic.co.uk/2017/02/24/pictures-ferraris-new-f1-car-for-2017-revealed/ferrari-sf70h-3/ sembra che via sia effettivamente un percorso separato per l'aria che entra dalle prese sul dorso

Reply
avatar
25 febbraio 2017 00:22 delete

Mi stavo astenendo... Ma certi commenti fanno salire il crimine!
A me piace! Piace perché chi non risica non rosica....
I bargboards, le prese d'aria, le alette alettazze alettine e convogliamenti vari! C'è chi dice che è uguale al 2016.... Ma dove? Per fortuna hanno cambiato il regolamento....vabbe forse si sono fermati ai test Delle Pirelli 2017!!!!Premettendo che con queste divulgazioni psicologiche spero che non tutte le carte siano state scoperte!...vedete il lato... A me pare che il lavoro svolto non possa essere paragonato a nessun'altra auto (neanche Mercedes...Vi pare facile recuperare un gap come l'anno scorso?).
prego che la versione B mettera a tacere tutti gli appassionati del lavoro altrui (Merces e roba varia)!!! Perché a Maranello non credo stiano fermi a giocare alla ps4 a F1 2016...
Quindi un po' di fiducia nella Ferrari e nell'Italia
Scusate lo sfogo

E grazie mille AT... Avete una passione è una pazienza come pochi ;)

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
25 febbraio 2017 00:43 delete

È una cosa che avevo notato anche io in quella immagine!
Inoltre sembra che quel condotto prenda aria anche dal flusso principale entrante nelle pance tramite una serie di "feritoie" orizzontali, o almeno così mi è parso!
Si attendono maggiori dettagli nei test di Barcellona o più sicuramente nel corso dei weekend di gara.

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
25 febbraio 2017 00:50 delete

In questa ancora più evidente:
https://s25.postimg.org/chi10dcnj/ferrari_sf70h_details.png

Reply
avatar
25 febbraio 2017 02:08 delete

Hai ragione, l'articolo forse dovrebbe essere corretto.
Magie del fotoritocco (fortuna che hanno fatto le foto con una fotocamera seria, dotata di una certa dinamica, così ho potuto recuperare le basse luci):

https://s3.postimg.org/m1d9mddsj/Bocche_radiatori.png
https://s9.postimg.org/mvhhtzp4f/Particolare_bocche.png

Quella sul dorso è diciamo comunicante con una presa aggiuntiva e, come si vede bene, di canalizzazioni ve ne sono varie, ciascuna per dispositivo da raffreddare.

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
25 febbraio 2017 07:05 delete

Su diversi siti internazionali viene definitiva come innovativa e con soluzioni interessanti, voglio vedere come sarà l'inserimento in curva del pullman Mercedes, specialmente su circuiti tortuosi e non veloci (che sono la maggioranza)

Reply
avatar
Sandro
AUTHOR
25 febbraio 2017 07:24 delete

F1analisitecnica ha detto che è in programma una vettura B per il gp di Barcellona perché in Ferrari si sono accorti che i dati dell'attuale F70H non sono confortanti e quindi hanno deciso di farne un'altra con un passo più lungo. Secondo te cosa vuol dire?

Reply
avatar
Nico K
AUTHOR
25 febbraio 2017 09:48 delete

A me la macchina piace, ma ammesso che il motore sia ottimo (lo speriamo tutti) trovo che oltre la parte aerodinamica la Ferrari abbia bisogno di una solida meccanica che le permetta di sfruttare al meglio le gomme, di avere una trazione all'altezza di MB e RB, di trovare facilmente il giusto bilanciamento in pista nei weekend di gara. Spero in una meccanica finalmente da top team.

Reply
avatar
Ferro
AUTHOR
25 febbraio 2017 11:29 delete

A me piace.

Le critiche al muso uguale all'anno scorso per me sono quelle di chi vorrebbe una Ferrari più simile alla Mercedes perchè vincente.
Come hanno spiegato molto bene qui su F1AT si seguono due filosofie di ricerca aerodinamica diverse.
Piloni stretti e passaggio dell'aria all'esterno per Mercedes, piloni larghi e passaggio d'aria all'interno per Ferrari e molti altri team.
E' chiaro che la scelta implica una differente forma del muso (quella mercedes è molto più bella e piace anche a me) ma questo non vuol dire che una sia più o meno efficiente dell'altra.
Ho il sospetto che un gran lavoro sia stato fatto sotto al cofano per ottimizzare i flussi d'aria e il raffreddamento,la forma delle prese d'aria (diversa da tutte le altre) potrebbe esserne la prova.
La questione del passo della vettura secondo me è una questione delicata.
Il punto è la ricerca di equilibrio tra efficienza aerodinamica e meccanica.
Ogni team fa le sue scelte, finchè le monoposto non gireranno in pista non potremo sapere chi ha fatto la scelta migliore.

Reply
avatar
25 febbraio 2017 15:07 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
25 febbraio 2017 15:07 delete

È vero che hanno filosofie diverse ma il muso risulta più squadrato e meno curato rispetto a quello McLaren.

Reply
avatar

Powered by Blogger.