Ecco la Haas VF17 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

Ecco la Haas VF17

Grazie a @waygoodF1 e @Alexpadil, possiamo svelarvi la nuova Haas VF17. Una macchina a prima vista molto semplice con muso molto simile a quello mostrato ieri dalla Ferrari.




Seguirà una breve analisi tecnica della vettura

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

8 commenti

Write commenti
25 febbraio 2017 18:16 delete

Il muso è stato trapiantato dalla SF16-H. Belli anche i doppi turning vanes e le pinne della F2008.

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
25 febbraio 2017 18:59 delete

Io inizio a credere che la Haas prenda in "eredità" la monoposto Ferrari dell'anno precedente riadattata alle regole vigenti! XD

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
25 febbraio 2017 19:03 delete

Cmq nella foto al sole non si capisce bene quella "macchia nera" sulle pance, sembra una presa d'aria supplementare come vista sulla SF70-H (in fondo condividono PU no?), però nell'altra foto non ci sono oppure sono coperte in prospettiva dal deviato a ponte.
Con le immagini ufficiali domani se nel capirà di più! =)

Reply
avatar
25 febbraio 2017 20:32 delete

E' lo stesso condotto superiore il cui riferimento hai tu stesso quotato e che di seguito ho sottolineato in foto http://www.f1analisitecnica.com/2017/02/ferrari-sf70h-lanalisi-tecnica-parte-2.html?showComment=1487984895615#c97713385037185260.
La Haas ha delle bocche più classiche, Ferrari invece le ha arretrate sfruttando probabilmente quella specie di importanti deviatori un po' antiestetici come struttura antintrusone (come fatto notare altrove).
Per Ferrari quel canale è sul bordo superiore, per Hass è nella stessa posizione solo che appare più arretrato a causa delle fiancate che iniziano prima.

Sospetto che le ragioni siano di natura aerodinamica. Invece che ingrossare come i concorrenti l'airbox con i condotti per il raffreddamento dei dispositivi ausiliari che andrebbe a disturbare l'ala posteriore, sembra abbiano preferito mantenere quella sezione frontale inferiore e spostare gli stessi condotti all'altezza delle pance, o perlomeno all'altezza del bordo superiore.

Più che eredità dell'anno passato, sembra una bella condivisione con quella di quest'anno.

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
25 febbraio 2017 20:56 delete

Condivido in toto il tuo ragionamento che avevo fatto anche tra me e me (aibox).
In linea teorica l'ala posteriore dovrebbe esser più efficiente perché godrebbe di un flusso più pulito (ripensando anche alle dimensioni mastodontiche dell'airbox della Renault!), mentre posizionare quelle stesse prese sulle pance dovrebbe creare meno problemi e garantire cmq dei flussi in arrivo al posteriore più puliti pur garantendo il raffreddamento delle parti in questione.
Mi piacerebbe sapere l'opinione, poi tecnico, di Cristian Sponton a riguardo! =)

Reply
avatar
26 febbraio 2017 15:16 delete

Nelle foto ufficiali di Twitter hanno sigillato quegli ingressi:
https://pbs.twimg.com/media/C5mLBsVUYAMse3G.jpg
https://pbs.twimg.com/media/C5mLBonU4AAzwmK.jpg

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
27 febbraio 2017 00:28 delete

Strano ed interessante quelle feritoie longitudinali sul fondo in corrispondenza delle pance, visibili solo nell'immagine frontale che hai linkato!
Mi suonano strani in realtà i collegamenti al resto del piano con due lembi disposti trasversalmente e che nel loro piccolo generano una resistenza al flusso in transito in quella zona.
Attendo una spiegazione da Sponton e PJ! =)

Reply
avatar
PasquAle
AUTHOR
27 febbraio 2017 00:39 delete

Prestando ancora più attenzione spuntano fuori molti altri dettagli "strani" e particolari, ad esempio i braccetti delle sospensioni anteriori finisco all'interno del cerchio ruota senza nessuna particolare carenatura o presa d'aria di raffreddamento freni (magari arriveranno già nei test di Barcellona), come anche al posteriore i braccetti superiori puntano molto in alto per poi nella parte terminale inclinarsi verso il basso.

Reply
avatar

Powered by Blogger.