Gran Premio del Brasile 2016 – Gara – Infografiche - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Gran Premio del Brasile 2016 – Gara – Infografiche

 Gran Premio del Brasile 2016 – Gara
LEWIS HAMILTON VINCE SU MERCEDES UN GRAN PREMIO DEL BRASILE
DOMINATO DALLA PIOGGIA, PORTANDO ALL’ULTIMA GARA LA LOTTA
PER IL CAMPIONATO
CINTURATO INTERMEDIATE E WET LE UNICHE DUE SOLUZIONI
UTILIZZATE DURANTE UNA GARA PIENA DI EMOZIONI
BANDIERE ROSSE E SAFETY CAR INFLUENZANO LA STRATEGIA:
HAMILTON VINCE, MOLTE BELLE PRESTAZIONI IN CONDIZIONI ESTREME


Interlagos, 13 novembre 2016 – Il pilota della Mercedes Lewis Hamilton ha vinto un Gran Premio del Brasile caratterizzato e interrotto dalla pioggia, usando solo i pneumatici Cinturato Blue full wet dopo due giorni in cui a Interlagos si è girato sempre sull’asciutto.
A causa della pioggia intensa, la gara è iniziata dietro la safety car, con tutti i piloti suiPirelli Cinturato Blue full wet come imposto da regolamento. Un’altra safety car nelle prime fasi è stata sfruttata da alcuni team, tra cui la Red Bull, per passare alle intermedie – con Max Verstappen che è tornato in pista in quarta posizione, miglior posizione su questa mescola.
Dopo un incidente che ha avuto come protagonista la Ferrari di Kimi Raikkonen, dal giro 20 c’è stato un altro lungo periodo di interruzione dopo la bandiera rossa, con la gara che è ripartita di nuovo dietro la safety car, che è rimasta in pista per soli sette giri prima di una nuova sospensione, con una seconda ripartenza sempre dietro la safety car. Solo pochi giri dopo, alcuni piloti sono passati alle intermedie nonostante piovesse ancora. Tra questi Ricciardo, ma poi la pioggia è nuovamente aumentata, costringendo i piloti Red Bull a tornare sulle full wet, la scelta più adatta per concludere la gara.
Dato che la gara è iniziata in condizioni di bagnato, non c’è stato l’obbligo di usare le slick, con i piloti che hanno girato solo con full wet e intermedie. Alla fine, il gran premio si è concluso al limite delle due ore.
Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “È stato uno spettacolo fantastico nonostante le condizioni molto insidiose, con alcuni piloti che hanno usato sia le wet sia le intermedie regalando grandi sorpassi, con duelli ruota a ruota. È stata una gara complessa e lunga, che ha regalato grandi gesti tecnici da parte di alcuni piloti, come ad esempio Max Verstappen e Felipe Nasr, nella sua gara di casa. Anche Fernando Alonso ha emozionato nelle fasi finali: tutti loro hanno dimostrato che è possibile fare grandi prestazioni anche in queste condizioni estreme”.
I tempi migliori della giornata per mescola
 Full wetIntermediate
PrimoVerstappen 1m25.305sRicciardo 1m25.532s
SecondoHamilton 1m25.639sVerstappen 1m25.761s
TerzoRicciardo 1m26.013sBottas 1m26.062s
Stint più lunghi della gara:
WetVettel, Rosberg, Perez, Nasr, Alonso, Kvyat, Hulkenberg, Ocon, Hamilton, Sainz43 giri
IntermediateBottas33
La previsione Pirelli: Lewis Hamilton ha vinto senza aver praticamente fatto un pit stop in gara, ma ha cambiato due volte i pneumatici, passando dalle full wet a un altro set di wet durante entrambi i periodi di bandiere rosse. La strategia pianificata oggi non è stata un fattore determinante: si è trattato invece di reagire al mutare delle circostanze e di dare ai piloti la migliore opportunità possibile per arrivare alla fine.
Gran Premio del Brasile 2016 – Gara – Infografiche


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.