7 curiosità sui freni superbike - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

7 curiosità sui freni superbike

Il campionato WSBK è ormai alle spalle, ma siete sicuri di sapere tutto su come usano i freni Brembo i piloti più forti della Superbike? 

SETTE COSE CHE NESSUNO VI HA MAI DETTO SUI FRENI DELLA SUPERBIKE

A Sykes piace grande, Rea predilige l’EVO e Davies non fa il rodaggio. Ecco gusti, preferenze e abitudini in tema di freni Brembo dei più forti piloti dalla Superbike



Archiviato il Campionato del Mondo Superbike 2016, chi come noi e voi è appassionato delle derivate di serie corre il rischio di soffrire di astinenza. Per aiutarvi a superare questo triste momento, che dovrebbe protrarsi per 4 mesi, abbiamo pensato di raccontarvi alcuni aspetti dell’impianto frenante delle Superbike. 

Attingendo al bagaglio di esperienza dei tecnici Brembo che lavorano a fianco dei piloti, vi spiegheremo particolari di cui non avete mai letto da nessuna parte. Informazioni che vi permetteranno di fare la figura dell’esperto con conoscenti e amici, instillando in loro il dubbio che lavoriate in questo mondo. 

Ma ora bando alle ciance e via con questi inconfessabili segreti. 

1) Tom Sykes è l’unico pilota che utilizza i freni nella massima configurazione: il britannico, campione del mondo 2014 con la Kawasaki, ha fama di grande staccatore. Una fama resa possibile dai dischi impiegati: da alcuni anni Sykes si affida ai dischi da 336 mm con spessore da 7,1 mm. I suoi rivali invece si dividono tra quanti prediligono i dischi da 328 mm e quanti, pur usando i dischi da 336 mm, adottano lo spessore da 6,5 mm. 

2) Ciascuna di queste 4 combinazioni (2 alternative per il diametro, altrettante per lo spessore) presenta vantaggi e svantaggi: chi è più gentile sui freni predilige i dischi da 328 mm, più leggeri di quelli da 336 mm. All’opposto chi frena più forte sceglie il diametro maggiore perché può esercitare una maggiore pressione pagando però pegno in termini di peso. L’aumento di spessore si traduce, invece, oltre ad una crescita del peso, in un maggiore effetto giroscopico.

3) Davide Giugliano, Jordi Torres e Leon Camier impiegano pastiglie anteriori con il radiatore che riducono il surriscaldamento del liquido freno. Al di là di questo non trascurabile vantaggio, queste pastiglie vengono impiegate soprattutto perché agevolano il cambio rapido della ruota anteriore ai box: le pastiglie con radiatore sono infatti fissate ai pistoni e pertanto non rischiano di inclinarsi durante il montaggio della ruota interferendo con il diametro interno del disco. Per tenere in posizione le pastiglie, altri piloti utilizzano invece una molla che però è meno precisa. D’altra parte le pastiglie con radiatore sono leggermente più pesanti delle normali e anche asimmetriche, caratteristiche non gradite a tutti i piloti. 

4) I dischi in acciaio inox danno il loro meglio quando la temperatura è compresa tra i 370 gradi e i 560 gradi: se il valore è più basso, i piloti rischiano di trovarsi di fronte a risposte incostanti della leva. Invece se il calore supera di una quarantina di gradi l’intervallo consigliato, il sistema funziona ancora ma le pastiglie si consumano più rapidamente. Oltre questo valore è forte il rischio di malfunzionamento dei freni.

5) Jonathan Rea usa pinze EVO, così come tutti i piloti che prediligono gli impianti Brembo: rispetto ad una pinza standard l’area delle pastiglie è maggiorata di un quarto. Invariati restano invece il materiale utilizzato (l’alluminio, da regolamento) e il numero dei pistoncini (4). Per facilitare lo spurgo dell’impianto, le pinze EVO dispongono inoltre dello sgancio rapido.

6) I team analizzano in tempo reale le temperature dell’impianto frenante quando le moto tornano ai box. A differenza delle MotoGP, però, non vengono impiegati i pirometri perché l’acciaio inox dei dischi rischia di falsare il risultato. Per le rilevazioni sui dischi vengono quindi usate vernici termoviranti. Sulle pinze invece sono applicati adesivi termoviranti usa e getta.

7) Chaz Davies è tra quelli che, di solito, non effettua in prima persona il rodaggio di dischi e pastiglie. Un set di pastiglie Brembo Z04 viene solitamente usato per 400-500 km, mentre un set dischi può superare i 1500 km o, se usato su circuiti poco impegnativi, addirittura i 2000 km. Per funzionare correttamente devono però essere rodati a regola d’arte. La maggior parte dei piloti dei teams ufficiali che dispongono di test team spesso si avvantaggiano del rodaggio svolto dai piloti collaudatori.

Poiché questo articolo contiene informazioni riservate, si dissolverà dopo 10 secondi. L’unico modo di tramandare questo sapere è quindi il passaparola.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.