GP AUSTRIA: la Review Tecnica del Gran Premio - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

GP AUSTRIA: la Review Tecnica del Gran Premio

Ed eccoci giunti alla consueta REVIEW TECNICA post Gran Premio dove vi andiamo ad elencare tutte (sono poche a sto giro...) le novità tecniche portate in pista dai vari Team.


MCLAREN 
Poche novità viste in pista al RedBull Ring anche se, partendo da Mclaren, il Team inglese ha stupito portando in Austria una nuova e innovativa ala posteriore.

Confrontando la nuova specifica con quella "vecchia" e utilizzata per gran parte degli otto appuntamenti fin qui corsi, si può dire che Mclaren ha cercato di progettare un'ala che va a migliorare l'efficienza aerodinamica. Un'ala quindi che va alla ricerca di carico aerodinamico cercando però di ridurre la resistenza all'avanzamento; come vi ho già detto durante il weekend del Gran Premio a me piace paragonarla all'ala posteriore a cucchiaio della Mercedes sotto questo punto di vista anche se tecnicamente le due ali sono molto molto diverse.

La nuova ala trova le più importanti modifiche nella parte posteriore degli endplate dove sono state ricavate tre importanti soffiature verticali (1, 2 e 3) che cercano di scaricare lo strato limite dell'endplate riducendo la resistenza all'avanzamento. Importanti modifiche alla parte anteriori delle paratie verticali dove sono ora presenti due soffiature di dimensioni più importanti (4 e 5) utili in questo caso anche ad accentuare le generazione di carico aerodinamico cercando di imporre un delta di pressione tra dorso e ala del mainplate maggiore.

Oltre a queste modifiche da notare che sono stati eliminati i quattro slot nel rettangolo in rosso, ora sostituiti dalle tre derive verticali (1, 2 e 3) che hanno anche in parte la stessa funzione. In conclusione, sono stati modificati anche i tre deflettori sulla paratia (6, 7 e 8) che guidano il flusso evitando la separazione dovuta allo strato limite.


Oltre alla importante modifica all'ala posteriore Mclaren è scesa in pista nella giornata di venerdì con dei nuovi cestelli. La nuova specifica si differenzia dalla precedente per una diversa forma nella parte interna e con dei fori più importanti nella parte esterna utili a migliorare il raffreddamento nonché "irraggiare" il calore dai freni verso il cerchio e quindi lo pneumatico.



WILLIAMS
Interessante novità anche in casa Williams dove ha fatto il debutto sulla FW38 di Felipe Massa una nuova ala anteriore che ha lo scopo di incrementare l'efficienza dell'ala andando a ridurre l'interazione tra il flusso in uscita dall'ala anteriore con le turbolenze generate dallo pneumatico.


Come potete osservare dal confronto in alto, l'ala anteriore è stata cambiata principalmente in 3 punti:

  • il deviatore di flusso ancorato al profilo principale (1), presenta una forma più svergolata per indirizzare nella zona esterna degli pneumatici anteriori un maggior quantitativo d'aria; 
  • sugli upper flap, nella parte bassa (4), è stata aggiunta una piccola soffiatura mentre nella parte alta è stato collocato un piccolo deviatore di flusso (2) con l'obbiettivo di massimizzare lo spostamento del flusso d'aria esternamente agli pneumatici anteriori; 
  • cambiato il flap nella zona degli endplate (3) che nella nuova versione non è più orizzontale ma presenta una forma più arcuata per spostare il flusso d'aria sopra gli pneumatici. 
Tutte queste modifiche analizzate hanno la funzionalità di andare a ridurre la resistenza all'avanzamento migliorando l'efficienza generale dell'ala anteriore.


The PJ

About The PJ

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.