WEC | 6 ORE DI SPA: LE NOVITA' TECNICHE - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

WEC | 6 ORE DI SPA: LE NOVITA' TECNICHE

Foto: John Dagys
Nell'imminente weekend belga di Spa, seconda prova del Mondiale Endurance, i team delle rispettive LMP hanno portato differenti pacchetti aerodinamici, mentre nelle GTE le modifiche sono rivolte al Balance of Performance. Ricordiamo che, da sempre, il weekend di Spa è teatro delle introduzioni mirate alle configurazioni aerodinamiche (specialmente per le LMP1) in vista della 24 Ore di Le Mans, utilizzando tale gara come un vero e proprio banco di prova, nonostante le giornate di test privati e test ufficiali in quel de La Sarthe, all'inizio del mese prossimo (domenica 5 giugno).


Foto: Dereck Latet
  • Audi: come da diversi anni a questa parte, la casa dei quattro anelli porta la versione a basso carico aerodinamico, già testata a Monza nella settimana di aprile che prevedeva la prima gara stagionale a Silverstone. Visibili chiaramente i flap ai lati del muso in posizione piatta, oltre alla piega presa dagli specchietti che seguono l'andamento dei passaruota. Una configurazione che, probabilmente, sarà presente anche a Le Mans, ricordando che il regolamento prevede un massimo di tre configurazioni a stagione, quell'attuale (così come Porsche) è la seconda, dopo quella media portata a Silverstone.

Foto: Porsche
  • Porsche: nuova tipologia di fari, già testata sulla medesima pista alla fine del mese di marzo. Quest'ultimi saranno in grado di garantire maggior visibilità, mentre il frontale con cui correranno entrambe le 919 Hybrid saranno a basso carico aerodinamico (low drag), come si nota dallo splitter e dai flap agli angoli del passaruota. La medesima configurazione, per quanto simile possa essere con quella testata a fine marzo, risulta diversa specialmente nella linea che intraprende lo splitter. Porsche ha già dichiarato che la versione che correrà a Spa non sarà identica con quella che verrà portata a Le Mans il mese prossimo.
Configurazione a basso carico (low drag) con i nuovi fari testata a fine marzo

Foto: John Dagys
  • ByKolles Racing: viene mantenuto il nuovo frontale introdotto a Silverstone sulla propria CLM P1/01 con il ritorno allo splitter già adoperato nei test del Paul Ricard, compresi i flap nella zona dei passaruota. Il motivo di tale scelta sta nel guadagnare maggior velocità.

Foto: Adrenal Media | Edit: Cristiano Sponton (@spontonc)
  • Ligier-Nissan: Onroak Automotive ha portato dei nuovi flap aerodinamici per le Ligier-Nissan #30 e #31 dell'Extreme Speed Motorsports e sulla #43 del RGR Sport by Morand (team vincente a Silverstone). Stavolta compare un flap per ogni angolo, decisamente piu pronunciato, rispetto ai due per angolo con cui hanno corso a Silverstone. Tale introduzione ha lo scopo di ridurre la resistenza all'avanzamento, soprattutto per guadagnare velocità nei settori 1 e 2. Più carico aerodinamico quindi.

Foto: Adrenal Media | Edit: Cristiano Sponton (@spontonc)
  • Oreca-Nissan: la Oreca porta dei nuovi flap sulle 05 dei team Manor (#44 e #45), Baxi DC Racing Alpine (#35) e Signatech Alpine (#36). I flap sfoggiano una forma più estesa rispetto a quelli presenti a Silverstone, rimanendo sempre due per parte come nella prima gara stagionale. La funzione degli stessi avrà il compito della riduzione all'avanzamento, esattamente come sulle Ligier-Nissan. Lo splitter rimane invariato.

Foto: Adrenal Media
  • Aston Martin: tra le GTE, le due Vantage (GTE Pro) ricevono delle modifiche al Balance of Performance. Gli aggiustamenti riguardano una diminuzione del peso di 20 kg, passando da 1230 kg a 1210 kg, invariate le altre caratteristiche tecniche della vettura.

Matteo Milani

About Matteo Milani

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.