INTERVISTA A KEVIN CECCON: "MI PIACEREBBE PASSARE AL MONDO DELL'ENDURANCE" - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

INTERVISTA A KEVIN CECCON: "MI PIACEREBBE PASSARE AL MONDO DELL'ENDURANCE"


A tu per tu con Kevin Ceccon, pilota di Clusone e vincitore dell'Auto GP nel 2011, con un trascorso prevalentemente in monoposto e con un test rookie all'attivo in Toro Rosso a Abu Dhabi nel 2011. L'unica apparizione a bordo di una GT fu nel 2013 con una Ferrari 458 Italia durante l'ultima gara stagionale dell'International GT Open. Le ultime due stagioni le ha trascorse in GP3 Series con Jenzer Motorsport e Arden Motorsport, conquistando due successi nel 2015. Attualmente è impegnato nel ruolo di coach driver per Salvatore De Plano, pilota impegnato in BOSS GP con il team MM International Motorsport.



Com'è iniziata la tua avventura nel motorsport?
Tutto è iniziato grazie alla passione di mio padre. Quando sono nato lui correva con i kart.


Nel 2011 hai vinto l’Auto GP e hai provato la Toro Rosso a Abu Dhabi, oggi quali sono la tue aspettative ed obiettivi rispetto a quell'anno?
Mi piacerebbe passare nel mondo dell'Endurance o comunque sia nel mondo delle GT anche se ad oggi non ho trovato ancora una sistemazione.


Qual è il campionato e la categoria in cui ti piacerebbe competere?
Onestamente sono molto attratto da tutte le gare Endurance più che dalle gare Sprint. Mi piacerebbe correre nel WEC ed in qualsiasi categoria che propone, dalla LMP1 alla GTE Am, ma anche la strada giapponese nel Super GT è molto interessante ed intrigante, specialmente nella classe GT500.


Che ne pensi dei monomarca Porsche o Lamborghini? Entrambi hanno formato e stanno formando grandi talenti, anche italiani!
Sono due monomarca che stanno crescendo in maniera esponenziale negli ultimi anni, sicuramente sono un bellissimo trampolino di lancio perchè ti danno la possibilità di legarti direttamente ad una casa automobilistica.


Il tuo obiettivo è diventare pilota ufficiale di una casa automobilistica?
Beh sicuramente questo è il mio obiettivo come pilota, perchè sarebbe il coronamento di un percorso di crescita sportiva e personale.


Torniamo al 2013: hai disputato l’unica gara in GT con la Ferrari 458 Italia GT3 di Ombra Racing (team con cui hai vinto il titolo in Auto GP) nell’ultima gara stagionale del GT Open a Barcellona. Come hai affrontato questo cambiamento rispetto alla monoposto?
Molto tranquillamente perchè conoscevo sia il team sia la pista, quindi mi sono dovuto adattare solo alla nuova macchina anche se, all'inizio, non è stato facile ma alla fine in qualifica ho fatto il terzo tempo ed ero la miglior Ferrari al via.


E la Formula 1? Oggi tutti si lamentano della mancanza di un pilota italiano al via, senza però guardare ad altri campionati dove i piloti italiani si sono costruiti e si stanno costruendo una grande ed invidiabile carriera: che ne pensi a tal proposito?
La Formula 1 oggi è una questione che non è prettamente sportiva quindi forse può essere indicato questo come motivo per la mancanza di piloti italiani. Nel mondo dell'Endurance, invece, abbiamo moltissimi piloti definiti top e che ogni anno vincono i migliori campionati su diverse categorie, solo che i "non addetti al lavoro" non seguono questa tipologia di corse ma basano tutto sulla Formula 1 e su quello che leggono sui giornali più famosi che, ovviamente, non trattano queste competizioni.

Un ringraziamento a Kevin nell'averci dedicato questa intervista, con la speranza di rivederlo al più presto in pista.

Matteo Milani

About Matteo Milani

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.