ANALISI PASSO: ecco la simulazione di gara di Sebastian Vettel - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI PASSO: ecco la simulazione di gara di Sebastian Vettel

Dopo le simulazioni di gara del due Mercedes che abbiano analizzato nei giorni scorsi, e quella di Kimi Raikkonen, analizzata nella giornata di ieri, oggi è toccato a Sebastian Vettel dimostrare nuovamente il potenziale della Ferrari SF16-H in configurazione di gara

Dopo aver lavorato durante la mattinata su brevi run, il pilota tedesco della Ferrari durante la parte centrale del pomeriggio si è concentrato a simulare un intero GP di Spagna. Simulazione che purtroppo è stata interrotta al giro 7 a causa di una bandiera rossa per problemi alla Power Unit Mercedes della Force India di Sergio Perez.

Ecco la lista dei tempi realizzati dal pilota tedesco della Ferrari:

Simulazione di gara di Sebastian Vettel
Andiamo ora a confrontare il passo di Vettel con quello dei suoi diretti concorrenti, quindi Hamilton, Rosberg e Raikkonen

1°stint
Il primo stint con gomme soft è stato abbastanza buono per la Ferrari di Vettel in quanto è riuscito a girare con un passo migliore rispetto ad Hamilton (5 decimi) e Raikkonen (1 decimo) ma peggiore rispetto a Rosberg (2 decimi) che è andato fortissimo nella prima parte di gara. Lo stint di Vettel a differenza di quello dei due piloti della Mercedes è durato 1 giro in meno. Il degrado con questo compound è stato abbastanza elevato ma non ai livelli di quello avuto nella simulazione di gara di Raikkonen, in quanto lo stint è iniziato in 29 basso per concludersi, dopo soli 5 giri, in 30 medio. Si può dire, analizzando i tempi a disposizione, che Vettel è il pilota che è riuscito a gestire nel migliore dei modi le gomme soft.

2°stint
Dopo la bandiera rossa che forse ha interrotto qualche giro prima il primo stint su Soft, Vettel ha cambiato compound nel secondo stint (18 giri come Hamilton), montando le medie. Questa parte di gara è stata la più critica per il pilota tedesco della Ferrari, che però in alcuni giri ha trovato parecchio traffico; da questo si potrebbe concludere che il passo poteva essere sicuramente meglio parlando in decimi. Al termine dello stint il passo del pilota tedesco  è stato peggiore rispetto ad Hamilton di 8 decimi, 2 decimi rispetto a Rosberg e ben 1 secondi rispetto a Raikkonen che però ha percorso un tratto di gara più corto.

3°stint
Ottimo invece il terzo stint di Vettel che, in una parte di gara di oltre 20 giri ha girato con tempi molto costanti e con un passo leggermente migliore rispetto ai due piloti Mercedes e del compagno di squadra. Calcolando che tutti i suoi rivali, Raikkonen compreso hanno girato per meno giri (soprattutto Hamilton), il passo di gara mostrato da Sebastian nella fase centrale della gara è stato impressionante. 

4 °stint
Pur montando gomme medie, e non Hard come Raikkonen, nell'ultimo stint la Ferrari di Vettel ha sofferto molto, facendo registrare tempi molto più alti soprattutto rispetto a quelli di Hamilton che ha finito la gara con un passo impressionante, martellando tempi attorno all'1.27.  

In conclusione, Vettel a parità di strategia (S-M-M-M), non è stato completamente competitivo mostrando in media tempi attorno al mezzo secondo più elevati rispetto a quelli fatti segnare da un super Lewis Hamilton

Se si calcola che Raikkonen, con l'utilizzo del compound Hard a fine gara, è stato 1 decimo in media migliore sul giro rispetto ai tempi di Vettel, possiamo concludere che il pilota tedesco non sarà pienamente soddisfatto della simulazione di gara odierna.
Riepilogo tempi 


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

19 commenti

Write commenti
4 marzo 2016 17:54 delete

Buona sera da fonti interne a Maranello la poca affidabilità dei giorni scorsi era legata al sistema di recupero dell'energia, che di conseguenza portava alla rottura di alcuni pezzi del motore endotermico;
Ma sempre da fonti interne il problema sembra sia stato risolto e come stiamo vedendo dalle simulazioni gara di ieri e oggi, non si sono più verificati problemi
questo spiegherebbe anche la
Sostituzione del motore endotermico dopo 2000 km percorsi
Altra notizia che spero venga confermata da voi di F1 analisi tecnica a Maranello sono soddisfatti del lavoro fin qui fatto sulla
Base della simulazione di gara di kimi e sono fiduciosi di poter fare un
Campionato a livello della
Mercedes

Reply
avatar
4 marzo 2016 18:05 delete

Ciao allo staff di F1At,vi chiedo se il vento ha potuto in qualche modo condizionare la presatzione di Seb oggi sia nella "qualifica" mattutina sia nella simulazione gara,considerando che in entrambi i casi Kimi è stato più veloce.

Reply
avatar
4 marzo 2016 18:11 delete

ad eccezione del 3° stint, brutta simulazione

Reply
avatar
perritos
AUTHOR
4 marzo 2016 18:52 delete

Nell'ultimo stint di Vettel ci metterei anche un po' di stanchezza dopo oltre 100 giri alle spalle.
Rosberg e Hamilton alternandosi non hanno mai fatto piu di 60 giri al giorno in questo secondo turno di test.

Reply
avatar
Roby
AUTHOR
4 marzo 2016 18:56 delete

Fonti interne a Maranello dicono che Sebastiano Bordieri abbia avuto un colloquio con Capitan Ovvio.
Chiedo allo staff di analisitecnica se abbiano avuto le stesse indiscrezioni

Reply
avatar
Roby
AUTHOR
4 marzo 2016 18:57 delete

Si scherza ovviamente ;)

Reply
avatar
4 marzo 2016 19:12 delete

Secondo me il vento non ha inciso più di tanto sono test e magari il livello di concentrazione di seb non era al massimo
Nel terzo stint è stato impressionante quindi o nel terzo stint il vento si è calmato di colpo per poi ricominciare o non ha spinto come avrebbe potuto fare più la seconda secondo me

Reply
avatar
4 marzo 2016 19:59 delete

chiedo perchè dai tweet degli spettatori o giornalisti presenti si diceva che cambiasse spesso intensità e direzione

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
4 marzo 2016 20:42 delete

Non mi sembrano tempi esaltanti se confrontati con quelli di una simulazione dell'anno scorso.
http://www.f1analisitecnica.com/2015/02/analisi-test-barcellona-passo-gara.html
Ammesso che il paragone abbia senso, mi aspettavo un miglioramento più consistente, anche considerato che su questa pista la F15T non ha mai brillato.

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
4 marzo 2016 23:03 delete

Dobbiamo anche vedere se la Ferrari abbia voluto spingere al massimo o si è accontentata di tenere un passo regolare.Ho letto in alcuni Tweet che Seb come del resto Rikkonen abbiano spinto in certi settori e rallentato in altri intenzionalmente. Sperando che non è come la storia del 2014 che la Ferrari prendeva il tempo in altro punto rispetto al traguardo!!

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
4 marzo 2016 23:03 delete

Dobbiamo anche vedere se la Ferrari abbia voluto spingere al massimo o si è accontentata di tenere un passo regolare.Ho letto in alcuni Tweet che Seb come del resto Rikkonen abbiano spinto in certi settori e rallentato in altri intenzionalmente. Sperando che non è come la storia del 2014 che la Ferrari prendeva il tempo in altro punto rispetto al traguardo!!

Reply
avatar
5 marzo 2016 12:23 delete

ogni anno mi faccio fregare pensando che possa essere diverso, ma alla fine ci saranno i soliti 5-7 decimi di differenza in australia; poi giù con il solito discorso degli sviluppi, a barcellona esordisce un nuovo pacchetto aero che puntualmente non darà i risultati sperati in pista, in canada l'evoluzione della PU, e poi alla fine non cambia mai nulla.
Senza considerare le parole di rosberg di ieri, secondo cui la ferrari potrebbe essere anche davanti.
Spero con tutto il cuore di sbagliarmi, ma ci prendono proprio per il culo ormai.

Reply
avatar
5 marzo 2016 12:27 delete

mercedes, A BRACCETTO con pirelli, ha trovato la formula perfetta; finchè non cambiano le regole e finchè ci sarà pirelli in F1, secondo me la ferrari non vincerà mai nulla

Reply
avatar
5 marzo 2016 14:29 delete

Passo medio simulazione gara 2015 1.29.850

Passo medio simulazione gara 2016 1.29.3
Più di mezzo secondo a giro di passo come media ti sembrano pochi significa in 63 giri 35 secondi più veloci

Reply
avatar
5 marzo 2016 14:59 delete

Si, mi sarei aspettato almeno un secondo al giro, anche considerando lo sviluppo delle gomme. Non penso che mezzo secondo sia sufficiente per stare davanti alle Mercedes. L'anno scorso siamo arrivati a 45 secondi da Rosberg.
Ma spero che ci ancora del margine nascosto...

Reply
avatar
6 marzo 2016 10:19 delete

La pressione delle gomme piú alta di 5 psi imposta da parte della Pirelli sembra avere dimezzato i guadagni dovuti dalla miglior aerodinamica é dai circa 40 Cavalli in piú.


Reply
avatar
7 marzo 2016 01:32 delete

Sviluppo gomme?

Non ricordo dove l'ho letto ma sembra che Pirelli abbia ammesso che praticamente le mescole sono le stesse del 2015, tranne ovviamente la ultra soft, hanno solo cambiato qualcosina sul battistrada in modo da dare un po più di sensibilità ai piloti.

Reply
avatar
7 marzo 2016 13:12 delete

Si le gomme sono identiche l'unica differenza è che non appena termina il batti strada le prestazioni dovrebbero teoricamente avere un decadimento immediato costringendo quindi al cambio box

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.