F1 2017: la mia idea per migliorare la sicurezza dei piloti - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

F1 2017: la mia idea per migliorare la sicurezza dei piloti

La GPDA, come sicuramente saprete, ha qualche giorno fa richiesto l'introduzione per il 2017 di una protezione per l'unica parte del pilota ancora non propriamente al sicuro, ovvero il casco e la testa. La Fia da parte sua, sembra intenzionata ad adottare il sistema "Halo" studiato da Mercedes l'anno passato, in pole rispetto ad altre soluzioni e al cupolino di derivazione militare che avrebbe snaturato il concetto di open cockpit.

"Halo" by Mercedes
Ma ci sarebbero alcune problematiche. Halo permetterebbe sì di deviare pneumatici e detriti di grandi dimensioni frontalmente, ma non piccoli detriti (pilone centrale troppo stretto) ed è scoperto in alto. Se una gomma o un grosso detrito provenisse dall'alto, Halo sarebbe inutile. Senza considerare il fatto che Halo disturberebbe in parte la visibilità dei piloti e, non ultimo, è esteticamente molto brutto e ha fatto storcere il naso a parecchi. La F1 è anche appeal e questo deve essere considerato nella decisione finale.

Osservando però il prototipo Mclaren MP4-X, mi è sorta un'idea forse fattibile e interessante come ha potuto leggere ieri chi mi segue su Twitter. Voglio dunque condividere con voi un paio di schizzi che ho disegnato su come inserire un sistema di sicurezza "a tetto" sopra il pilota perfettamente integrato sulla monoposto, per raggiungere migliori standard di sicurezza e donare un look futuristico alle vetture

vista laterale

vista tridimensionale

Domando venia per la qualità e la pulizia dei disegni, ma come detto prima si tratta di schizzi. Come potete osservare, il sistema è come quello della MP4-X, ma senza cupolino chiuso e applicato al disegno di una vettura più convenzionale per evidenziarne la fattibilità.

Un design di questo tipo, oltre al miglior risultato estetico, presenta alcuni vantaggi rispetto ad Halo: protegge interamente la calotta superiore del casco e, se sufficientemente resistente, impedisce ugualmente a gomme e detriti di grandi dimensioni di penetrare nello stretto spazio tra telaio e tetto, costruito quasi aderente al casco del pilota (vedi vista laterale). 

Inoltre, non è di alcun fastidio alla visibilità. Lo svantaggio principale rispetto ad Halo è quello che si presenta nel caso di estrazione di pilota incosciente dalla vettura: tuttavia, se il sistema è progettato sufficientemente corto fino a poco oltre la visiera del pilota (vedi vista laterale), il problema potrebbe mitigarsi. Altrimenti, sarebbe molto utile ideare un sistema per smontare il "tettino" in maniera istantanea, in modo da risolvere tale problematica. Scomparirebbe così la presa dinamica del motore, che andrebbe inglobata nelle pance laterali come nei turbo anni '80. A mio avviso questa soluzione permette da un lato di proteggere efficacemente la testa del pilota, e dall'altro di evolvere il design di una moderna vettura di F1, senza snaturarne i fondamentali come con un cupolino da jet o sembrare posticcia come Halo. Ovviamente si tratta solo di ipotesi e idee, e la concreta efficacia di un sistema del genere è tutta da verificare. Che ne pensate voi?

Alfonso Di Filippo - @Alfodifi97

Alfonso Di Filippo

About Alfonso Di Filippo

Subscribe to this Blog via Email :

7 commenti

Write commenti
Hyliian
AUTHOR
29 gennaio 2016 19:02 delete

Idea sicuramente valida, esteticamente migliore dell'halo, sarebbe da proporre alla FIA, purtroppo credo ci sia una grossa pecca nel fatto che in caso di forte impatto, i primi soccorsi non possono muovere il collo e la schiena del pilota, mentre in questo caso per l'estrazione sarebbero costretti a piegarli in avanti, credo.

Reply
avatar
29 gennaio 2016 19:05 delete

si potrebbe pensare a progettare questa struttura attaccata alle protezioni laterali. quindi quando estrai queste viene via anche la parte superiore che protegge il casco

Reply
avatar
30 gennaio 2016 00:08 delete

Con entrambe le soluzioni massa si pigliava lo stesso la molla in faccia e Rossì moriva uguale.
Solo surtees si sarebbe forse salvato con la seconda soluzione.

Reply
avatar
ste D97
AUTHOR
30 gennaio 2016 07:54 delete

Vedendo i vari studi della FIA l'obbiettivo è ridurre gli impatti frontali( molla di Massa). Le varie soluzioni proposte tra cui la tua mi preoccupano sul fatto ombra, soprattutto nelle gare in notturna e distorsione della vista (HALO in primis ). I proporrei la soluzione del "cockpit militare", che nel 2010 superò il test della molla, poiché previene tutti gli impatti frontali e con i flussi da lui generati molti impatti superiori anche se questa soluzione ha il problema dell'ariazione del pilota da risolvere.

Reply
avatar
30 gennaio 2016 08:36 delete

Vero, la mia soluzione non protegge da piccoli detriti frontali. Però manco Halo e credo che casi come la molla di massa andrebbero risolti a monte. Il cupolino integrale.. Io non sono completamente contrario però le F1 non sarebbero più ad abitacolo aperto e avrebbe un po di problemi. Una delle cose più belle della f1 è questa alla fine, la possibilità di vedere all'aria aperta il pilota che guida.. (Specialmente dal vivo)

Reply
avatar
30 gennaio 2016 15:10 delete

Ostruisce l'estrazione e può diventare uno sperone pericoloso in caso di incidente (vedi Rai-Alo a Zeltweg quest'anno).

Reply
avatar
Unknown
AUTHOR
20 febbraio 2016 21:53 delete

Con il sistema halo cosa sarebbe successo ad Alonso nell'incdente di Spa del 2012? Per me quelle protezioni potrebbero diventare delle lame molto pericolose in caso di incidente

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.