GP BRASILE: la Ferrari lavora in vista del 2016 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

venerdì 13 novembre 2015

GP BRASILE: la Ferrari lavora in vista del 2016

Ferrari, durante le Prove Libere 1, ha effettuato prove aerodinamiche sulla SF15-T guidata da Kimi Raikkonen. Il finlandese nella parte iniziale delle libere, ha girato con un vistoso "rastrello" montato sulla zona destra del diffusore per raccogliere alcuni dati per lo sviluppo della vettura 2016. Ricordiamo che, negli ultimi anni, la zona esterna del diffusore è diventata una zona cruciale di queste monoposto che utilizzano un assetto rake in quanto una delle problematiche che si riscontrano su vetture che usano un assetto rialzato al posteriore è che un distacco eccessivo del fondo dal suolo comporta una perdita di effetto suolo in quanto si va ad ampliare eccessivamente la sezione di passaggio dell'aria tra il suolo e il fondo con la possibilità di avere un flusso d'aria più lento, minor depressione e  l'entrata di flussi laterali dall'esterno che vanno a ridurre il carico aerodinamico. 

Interessante notare anche la presenza di un tubo di pitot (clicca qui per leggere il funzionamento)che ha la funzionalità di andare a rilevare le turbolenze che vengono generate dal rotolamento della gomma posteriore.

Sul lato sinistro,invece, è stato utilizzato un raggio laser utile a misurare l'altezza da terra del posteriore in ogni zona della pista. La Ferrari non è nuova a questo tipo di prove con il raggio laser, in quanto, lo aveva utilizzato anche durante i test invernali pre stagionali.

A livello aerodinamico, gli ingegneri della Ferrari, come già analizzato nella giornata di ieri, hanno confermato tutti gli ultimi sviluppi introdotti sulla SF15-T a partire dal GP di Austin. 
Per migliorare il raffreddamento della vettura, nonostante le temperature non troppo elevate, sono state  utilizzare le branche ai lati del cockpit e il cofano posteriore con sfogo maggiorato. Ricordiamo che, il GP di Interlagos, si corre a circa 700 m di altezza quindi, per evitare problemi di surriscaldamento, dovuti ad una maggior rarefazione dell'aria, vengono aumentate gli sfoghi di raffreddamento. 



Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

Powered by Blogger.