TUSC: IL TRIBUTO A SRT MOTORSPORTS E ALLA VIPER GTS-R - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

TUSC: IL TRIBUTO A SRT MOTORSPORTS E ALLA VIPER GTS-R



E' passato un anno da quando la SRT diramò un comunicato per informaci sulla chiusura relativa alle attività sportive di SRT Motorsports. Tutto ciò è importante sottolinearlo, fu per volere dei vertici di FCA, quando invece nei mesi primaverili era stato detto l'esatto opposto, ovvero erano stati annunciati incrementi negli investimenti per il programma GTE.

La Viper era ufficialmente rientrata alle corse nel 2012, in occasione della gara a Mid-Ohio dell'American Le Mans Series, continuando fino alla fine della stagione con la Petit Le Mans; a bordo della vettura era montato il classico motore 8.0 L V10.


Le due Viper durante il weekend di Mid-Ohio (4 agosto 2012), la gara del ritorno ufficiale alle competizioni.



Corse poi a tempo pieno la stagione 2013 dell'American Le Mans Series, con anche il ritorno alla Le Mans nello stesso anno. La prima ed unica vittoria la ottenne sul circuito di Road America, mentre nel campionato concluse al terzo posto nella classe GT. Sempre nello stesso anno, ci fu il ritorno a Le Mans, dopo ben dieci anni se consideriamo l'ultima presenza nel 2003 con la Chrysler Viper GTS-R affidata al Larbre Competition. Le due vetture furono state affidate a Jonathan Bomarito, Kuno Wittmer e Tommy Kendall, e a Marc Goossens, Dominik Farnbacher e Ryan Dalziel. Conclusero la gara all'ottavo e nono posto in classe GTE Pro, nonostante quella fu la loro prima apparizione con la nuova vettura.


L'intero SRT Motorsports schierato sul rettilineo di Le Mans.
In azione a Le Mans.

La stagione 2014 la vide competere nello United Sportscar, con le due GTS-R iscritte alla classe GTLM, classe con vetture GTE. Alla 24 Ore di Daytona centrarono subito la Pole Position con al volante Marc Goossens, e nell'arco della stagione il team collezionò due vittorie (Indianapolis e Austin). A primo acchito sembrerebbero dei risultati non entusiasmanti ma, grazie agli ottimi piazzamenti, riuscì a conquistare addirittura il titolo team e piloti con Kuno Wittmer. Per concludere, la Viper arrivò seconda nel costruttori a soli tre punti dalla Porsche. Avrebbero dovuto correre poi anche la Le Mans, ma ben presto il team comunicò di aver ritirato l'iscrizione alla classica gara francese.

In occasione della 6 Ore di Watkins Glen del 29 giugno 2014, il team ritornò alla classica livrea rossa con le due strisce verticali.








Vettura impegnata nell'ultima gara della stagione 2014: Petit Le Mans, chiusa al terzo e sesto posto in GTLM. 

E' stato veramente un peccato aver chiuso un programma che nel giro di due stagioni e mezzo è riuscito a risultare fin da subito vincente; considerando po il fatto che il successivo step sarebbe stato quello di puntare a riprendersi la vittoria alla Le Mans, la quale manca dal lontano 2000, con la Chrysler Viper GTS-R affidata all'Oreca, in classe GTS con Olivier Beretta, Dominique Dupuy e Karl Wendlinger.


La Viper vincitrice a Le Mans con il Team Oreca nel 2000 in classe GTS.


Seppur non in modo ufficiale, la Viper ha fatto ritorno a Le Mans quest'anno, grazie al Riley Motorsports, schierandosi nella categoria GTE Am, e dando un grosso entusiamo ai fan della casa automobilistica americana.


La Viper GTS-R del Riley Motorsports durante Le Mans 2015.

Matteo Milani

About Matteo Milani

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.